Keystone
UDINE
08.06.18 - 17:040
Aggiornamento : 20:01

Davide Astori non è morto nel sonno: si sarebbe potuto salvare

Una nuova perizia ha raccontato una verità diversa sul decesso dello sfortunato calciatore

UDINE (Italia) - «Davide Astori è morto nel sonno per una bradiaritmia», questo è stato raccontato dopo le prime perizie effettuate sul corpo dello sfortunato calciatore, deceduto in hotel la notte del 4 marzo scorso mentre con la sua Fiorentina era in trasferta a Udine.

Quella "sentenza" è stata ribaltata dai professori Carlo Moreschi e Gaetano Thiene i quali, incaricati dal Pubblico minister Barbara Loffredo, hanno effettuato nuove e più accurate analisi.

Come riportato dal Corriere della Sera, i due esperti hanno indicato una tachiaritmia, un'accelerazione improvvisa dei battiti, come causa del decesso.
«Non posso anticipare nulla — si è affrettato a sottolineare Antonio De Nicolo, Procuratore a Udine — se non che il caso è ancora aperto. Non appena il lavoro sarà terminato decideremo se proseguire l’indagine o chiedere l’archiviazione».

Secondo lo studio dei due periti Davide Astori si sarebbe potuto salvare. Se avesse condiviso la camera di albergo con un compagno, un intervento d'emergenza sarebbe stato possibile.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
HCAP
7 ore

Ambrì, blackout e disattenzioni: a Berna arriva la terza sconfitta

I biancoblù, ancora a secco di punti, hanno perso 4-1 alla PostFinance Arena. Tre reti a inizio secondo tempo (di cui ben due in shorthanded) hanno compromesso la sfida

HCL
7 ore

Lugano ancora al tappeto, fa festa solo il Davos

Bianconeri sconfitti anche nella seconda uscita stagionale. I grigionesi si sono imposti 3-2 alla Cornér Arena, decisivi Wieser e Tedenby

CHAMPIONS LEAGUE
8 ore

Pareggio casalingo per l'Inter

La truppa di Conte non è andata oltre all'1-1 contro lo Slavia Praga. Nello stesso tempo Lione-Zenit è terminata con lo stesso punteggio

TENNIS
12 ore

«A Wimbledon 2020 ci sarò. Olimpiadi? Deciderò presto»

Roger Federer, in attesa della Laver Cup - in programma nei prossimi giorni a Ginevra - ha parlato dei suoi piani per la prossima stagione

FORMULA 1
15 ore

Vettel e l'odore della squalifica: «Per lui nessun problema di testa»

Juan Pablo Montoya ha "salvato" il tedesco della Ferrari: «Penso che non gli piaccia qualcosa della macchina e delle gomme»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile