Ti-Press
SUPER LEAGUE
18.01.17 - 14:090
Aggiornamento : 19.01.17 - 12:16

«Dopo Lugano nessuna chiamata»

A un mese dall'esonero, l'ex allenatore bianconero non ha ancora smaltito la delusione: «Non ho più sentito Renzetti, lo farò: sono ancora un suo dipendente»

LUGANO - Non è stato come la fine dell'amore di una vita ma poco ci manca. E in questi casi dimenticare è difficile. Difficilissimo. 

Silurato dal Lugano poco prima di Natale, dopo mesi vissuti sotto pressione, Andrea Manzo è ancora parecchio abbacchiato. Le festività e la famiglia sono state un bel diversivo per il mister il quale, in ogni caso, non ha ancora archiviato gioie e dolori e non si è abituato al fatto che sulla panchina bianconera ora sieda un altro tecnico.

«È dura da digerire - ci ha confermato proprio il 55enne veneziano - ma, insomma, piano piano si prova a voltar pagina. In fondo se uno fa l'allenatore deve mettere in conto che un'avventura possa terminare».

Per dimenticare un vecchio amore è, di solito, utile distrarsi con un altro partner. Proposte per tornare in pista sono già arrivate?
«No, a dire il vero. Chiuso con il Lugano non sono stato contattato da altri club».

Cosa fa un allenatore in "pausa"?
«Studia, si aggiorna. Seguirò con attenzione le partite del campionato svizzero, quando ricomincerà, e sto guardando quelle del calcio italiano. Non sto facendo vacanza...».

Quando lei fu allontanato dal club bianconero Angelo Renzetti ammise che si sarebbe speso per trovarle una sistemazione nel nostro calcio. Nel Team Ticino magari...
«Ultimamente non ho parlato con il presidente. Sono in attesa di una sua comunicazione. Sono sicuro che, se ci sarà l'opportunità, ci sentiremo».

Questo accadrà di certo, in fondo lei è ancora un dipendente del Lugano...
«Esatto. Cornaredo è un po' casa mia. Già in passato ero "arrivato" e poi ero stato allontanato. Poi mi hanno richiamato...».

Come canta Venditti - e come ama ripetere Galliani - certi amori non finiscono, fanno giri immensi e poi ritornano...
«Vero. E il Lugano per me è e sarà sempre un amore. Tornare è una grande emozione».

TOP NEWS Sport
SERIE A
6 ore

Totti-boom: umiliato e ignorato, lunedì lascerà la Roma

Fine di una storia lunga una vita: costretto a ricoprire un ruolo “vuoto”, il Pupone chiuderà definitivamente con i giallorossi

CARNET NOIR
8 ore

Il Lugano piange la colonna Giorgio Zaccheo

Lo storico ex dirigente, consigliere e “talent scout” si è spento nei giorni scorsi

TENNIS
11 ore

Torta dolce e regalo amaro per Federer

Coccolato all'arrivo, ad Halle il renano si è visto “punire” da un sorteggio complicato

MOTOMONDIALE
11 ore

Quartararo vola, Marquez tiene, Rossi sorride

Beffato il leader del Mondiale, il francese partirà in pole nel GP di Catalunya. Quinto il Dottore. In Moto2 secondo tempo per Lüthi

SERIE A
14 ore

Dzemaili non tira più: a Bologna rischia il posto

Nonostante un contratto valido fino al 2020, il 33enne centrocampista rossocrociato non è più un intoccabile per mister Mihajlovic

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report