TiPress
NUOTO
26.09.21 - 18:540
Aggiornamento : 27.09.21 - 13:07

«Nelle ultime settimane ha cominciato ad affiorare in me un sempre più evidente affaticamento»

Il nuotatore, bronzo alle recenti Olimpiadi, ha deciso di interrompere il suo percorso in America.

«Non ho avuto il tempo di elaborare ciò che mi è successo».

LOCARNO - Quest'estate ci aveva fatto impazzire di gioia con la medaglia olimpica conquistata a Tokyo. Il Ticino aveva (ri)scoperto un talento incredibile che - tramite delle prestazioni brillantissime - era riuscito a riportare il nuoto nostrano in alto.

A metà agosto il 19enne - in seguito a una piccola vacanza - era poi volato in America, per iniziare un nuovo percorso universitario.  Un'avventura che però il ticinese ha interrotto, come ha spiegato in un lungo post su Facebook. «Nelle ultime settimane ha cominciato ad affiorare in me un sempre più evidente affaticamento, soprattutto dal punto di vista mentale, che mi ha creato, e mi crea tuttora, diversi problemi nella gestione del quotidiano».

Ecco il post completo di Noè Ponti:

"Care amiche, cari amici,
nel mio ultimo post su FB vi avevo lasciati in sospeso, annunciandovi una sorpresa per fine mese. Eccomi a comunicarvi una “sorpresa”, anche se non è esattamente quella a cui pensavo due settimane fa. Vi ho raccontato del mio arrivo negli States e della bella accoglienza riservatami da compagni e allenatori; vi ho detto di alcune difficoltà con il cibo e di qualche inconveniente, per altro divertente, con le faccende domestiche. In queste ultime settimane ho incontrato alcune difficoltà che hanno radici anche nel mio vissuto degli ultimi mesi. Con la fantastica medaglia vinta a Tokyo la mia vita è radicalmente cambiata repentinamente. Io resto sempre Noè, con i miei valori e i miei affetti, ma è innegabile che abbia vissuto un’accelerazione da zero a cento in meno di un secondo, senza nemmeno avere il tempo di rendermene conto. Al mio rientro in Svizzera e in Ticino sono stato accolto dall’entusiasmo e dal calore della mia famiglia, di tutti voi, dei media e pure da una moltitudine di persone che fino a poco prima probabilmente neppure sapevano chi fossi, ma che si sono appassionate alle mie avventure giapponesi. Tra un’intervista e l’altra, tra un festeggiamento e un ricevimento ufficiale, mi sono trovato a preparare le valigie per il mio trasferimento in North Carolina e, quasi senza accorgermi fino in fondo di essere salito su un aereo, sono arrivato alla NC State University, a Raleigh. Il tutto senza un momento di pausa e di stacco e senza veramente avere il tempo di elaborare quanto mi è successo e mi sta ancora succedendo. In questo mese negli USA, più che cercare di capire cosa fosse avvenuto, ho dovuto cominciare a conoscere molta gente e un ambiente inevitabilmente diverso dal mio, iniziare i corsi universitari e un nuovo percorso nel nuoto agonistico, con compagni e allenatori nuovi, che hanno cercato di accogliermi nel migliore dei modi. Nelle ultime settimane, ha cominciato ad affiorare in me un sempre più evidente affaticamento, soprattutto dal punto di vista mentale, che mi ha creato, e mi crea tuttora, diversi problemi nella gestione del quotidiano. Come sempre ho fatto finora, ho cominciato a parlarne con la mia famiglia e con i componenti del mio staff in Svizzera, con i quali mi sono sempre confidato. Ne ho discusso anche con i miei allenatori a NC State, che comprendono le mie difficoltà. Tutti quanti concordano che, per potermi allenare in modo proficuo e ottenere i risultati che tutti ci aspettiamo, è fondamentale che io mi senta bene fisicamente, ma soprattutto mentalmente.

Grazie a questi colloqui, in cui abbiamo provato ad analizzare possibili strade da percorrere che mi possano aiutare ad acquisire una maggiore serenità, sono giunto alla conclusione che per me, in questo momento, sia necessario rientrare alla base e ritrovare i miei affetti e il mio ambiente. Sono ancora dell’opinione che la decisione di trasferirmi negli States, al momento in cui l’ho presa, fosse la migliore possibile; ma nel frattempo il bronzo alle Olimpiadi ha letteralmente cambiato la mia vita e le mie prospettive; inoltre, il tempo tra la bellissima avventura di Tokyo e il nuovo grosso cambiamento causato dal trasferimento a Raleigh è stato per me, con il senno di poi, troppo breve, in rapporto alle forti emozioni vissute e non ancora digerite. Pertanto, come ho serenamente deciso di volare in North Carolina, ho altrettanto serenamente risolto, assieme alle persone che mi sono vicine, di rientrare in Ticino, dove riprenderò ad allenarmi con Massimo Meloni e Andrea Mercuri, seguito come sempre dagli altri membri del mio Team. Gli obiettivi principali della stagione rimarranno pressappoco gli stessi e nei prossimi mesi valuterò nuovamente le opportunità di studio in Ticino, consapevole che ciò potrebbe significare dover accettare di impiegare un tempo più lungo per arrivare alla laurea.

Vi terrò informati con piacere e come sempre vi ringrazio con tutto il cuore per essermi costantemente vicini. Un ringraziamento sincero va anche a tutti coloro che mi hanno accolto alla NC State University.

SPORT: Risultati e classifiche

TiPress
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 4 sett fa su tio
Era giusto provare. Le difficoltà da affrontare non erano sconosciute. Per questi atleti, a questi livelli hanno dietro un'azienda c/organizzazione che fa tutto dalla a alla z . sostenendo lo sportivo e organizzando la sua vita nei minimi dettagli. Così operano oltre oceano e anche in Europa. Fa benissimo a rientrare nel suo guscio e sentirsi protetto dai famigliari e amici. Ritroverà velocemente la forza e il sostegno per ripartire. Tanti atleti con ottime qualità hanno vissuto il loro percorso sportivo, collezionando onori, e rimanendo sempre al proprio paese.Tanta onestà e schiettezza dimostra.
fama 4 sett fa su tio
Bravo! Devi, prima di tutto, sentirti te stesso, avere delle soddisfazioni e raggiungere degli obiettivi. Personalmente non sono d'accordo di dover continuamente migliorarsi e raggiungere traguardi sempre più alti. Il risultato? Un mondo unicamente competitivo, asettico e di problematici mentali! Fai quello che credi meglio, la vita è una sola, è tua e passa in fretta, vedrai ...
Brontolo pensionato 1 mese fa su tio
Sei un grande, una persona vera, spontanea. Fidati del tuo istinto e della tua costanza e passione. Sei un esempio per le nuove generazioni di giovani che sognano un giorno di emergere nello sport e nella vita.
Nano10 1 mese fa su tio
Bambino viziato e senza “palle” 😡
Meck1970 1 mese fa su tio
@Nano10 tu hai già provato a cambiare completamente tutta la tua vita?
pardo54 1 mese fa su tio
@Nano10 Un commento da puro ignorante, dettato da pura invidia.
Boh! 1 mese fa su tio
@Nano10 Affronta anche solo la metà dei sui sacrifici e poi forse puoi permetterti di giudicare….
Renfibbioli@gmail.com 1 mese fa su tio
Complimenti! Questo dimostra la qualità più bella , oltre all'atleta una persona che mantiene i propri valori e una gran umiltà. Bravo Noè farai ancora tanta strada arrivando in alto!!
cle72 1 mese fa su tio
Se si vuole diventare grandi e ambire a successi più grandi a volte bisogna lottare più di quello che si è lottato fin d'ora. La decisione di tornare a casa, spero non diventi un boomerang tra qualche anno. Auguri a lui! Cmq. Complimenti per il risultato a Tokyo.
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
39 min
«Mattia Croci-Torti, il Luca Cereda bianconero»
Arno Rossini: «Lo Young Boys? Io sono positivo. Questo Lugano, quello di Croci-Torti, mi sta piacendo molto»
HCL
10 ore
Il Lugano cala il poker e liquida l'Ajoie
Reduci da due sconfitte, gli uomini di McSorley si sono riscattati superando meritatamente i giurassiani.
HCAP
10 ore
L’Ambrì regola il Langnau e torna alla vittoria
Successo meritato per i biancoblù (3-1), dimostratisi superiori ai Tigrotti in ogni fase della sfida.
MOTOGP
12 ore
Rossi attacca Marquez con le... Iene: «Nel 2015 mi ha fatto perdere il Mondiale»
Il Dottore si è espresso anche a proposito dell'ultima gara disputata a Misano: «È stato un weekend molto emozionante».
COPPA SVIZZERA
15 ore
«Non lo nascondo, nella mia testa un po' penso alla finale...»
Attesa spasmodica in vista dell'ottavo di finale di domani sera tra bianconeri e Young Boys.
FC LUGANO
16 ore
Lugano: confermati Ortelli e Padalino, Beatrice Girelli sarà Team Manager
La società bianconera ha completato l’organigramma dell’area sportiva, sotto la guida del coordinatore Carlos Da Silva
LUGANO
20 ore
«L'aspetto emotivo è quello più duro»
Angelo Renzetti, ormai ex patron bianconero, è tornato sulla cessione del Lugano e ha detto la sua sul PSE.
NHL
21 ore
Serata storica per Gregory Hofmann: primo gol in NHL (più un assist)
L'ex attaccante di Lugano e Ambrì è stato uno dei protagonisti del successo dei Columbus Blue Jackets sui Dallas Stars.
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Largo agli U20: il Lugano ne ha finora schierati due, l'Ambrì zero
Il 19enne Joshua Fahrni del Berna è l'Under 20 che ha finora disputato più incontri nella massima serie elvetica (17).
VIDEO
CAF CHAMPIONS LEAGUE
1 gior
Portiere-assassino: sferra un violento calcio in faccia al povero attaccante
È successo nel match della Champions League africana fra Esperance Tunisi e Al-Attihad Tripoli. Guarda il video...
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile