Barbara Di Marco
LUGANO
14.04.21 - 22:000

Lugano: natalità, politica sociale e scorciatoie elettorali

Barbara Di Marco, candidata lista MPS Municipio e Consiglio comunale di Lugano

Negli ultimi anni Lugano ha perso più di duemila abitanti e la tendenza non sembra arrestarsi. Le partenze superano di anno in anno gli arrivi, come anche i decessi superano le nascite. Durante la campagna elettorale di Lugano è uscita dal cappello la proposta del “babybonus”, analogamente a quanto esiste a livello cantonale (l’importo è di  3'000 franchi), a Lugano vengono proposti 500 franchi.

È evidente che non saranno i babybonus a convincere le persone ad avere un figlio. Forse non ci si rende conto che oggigiorno bisogna essere un po' pazzi, un po' incoscienti o molto ottimisti per mettere al mondo dei figli. Le certezze economiche, e in particolare i salari, continuano a diminuire e le condizioni lavorative a precarizzarsi. Viene spesso a mancare la fiducia nel futuro necessaria per mettere al mondo un figlio. Gli aiuti cantonali alle famiglie sono diminuiti negli ultimi anni e spesso si sentono notizie su come questi aiuti siano difficili da ottenere e con lunghi periodi di attesa. In altre parole: nemmeno questi aiuti hanno la forza d'invertire la tendenza demografica.

A Lugano, il municipale responsabile degli asili nido comunali, ha dichiarato di non condividere quanto affermato sul tema e in particolare sulla questione delle rette, pur riconoscendo che “Certo si può sempre migliorare”. Bisogna migliorare, e molto! Proprio perché gli asili nido comunali, cioè pubblici, applicano, contrariamente a quelli privati, una retta con tariffe in base al reddito, cosa importantissima per i salariati con redditi bassi.

Nei suoi asili nido comunali, Lugano attualmente mette a disposizione 85 posti a tempo pieno e altri 20 posti per una mezza giornata; si tratta di un’offerta nettamente insufficiente per rispondere alle richieste della popolazione. In particolare, tenendo conto che, soprattutto nel primo anno di vita, la chiave di cura è molto bassa: infatti un'operatrice/operatore non può occuparsi di molti bebè alla volta. È probabile che attualmente ci sia posto per circa 25 bebè (con meno di un anno) in tutte le strutture comunali, un numero molto basso se raffrontato alle 500 nascite annuali a Lugano. Anche con l'aggiunta della nuova struttura a Pregassona, i posti non saranno ancora sufficienti; una mancanza di posti che si è ulteriormente acutizzata a seguito del concordato Harmos che prevede l'ingresso alla scuola dell'infanzia per i bambini di 3 anni compiuti entro la fine di luglio. Così gli asili nido devono accogliere e seguire i bambini fino a quasi 4 anni. I costi degli asili nido privati restano elevati. Spesso coloro che vi devono ricorrere devono dedicare tutto il guadagno dell’attività del genitore così liberato dalla cura (naturalmente è quasi sempre la donna): il che, a termine, è un’operazione che non conviene.

Per questo appare necessario e urgente che gli asili nido pubblici siano fortemente sviluppati, che le tariffe siano abbassate e l’accesso esteso anche alle famiglie disoccupate/sottoccupate e quelle impegnate nel lavoro riproduttivo. Senza dimenticare che l’unica seria prospettiva è la cantonalizzazione degli asili nido, per togliere alla logica del profitto (che spesso conduce agli abusi) un settore decisivo per la crescita, la prima socializzazione e la formazione dei nostri figli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Elezioni 2021
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile