Deposit
TI.MAMME
18.06.21 - 08:000

Madri pentite: nasce su Instagram la crociata redentrice

L’attrice Karla Tenório rompe il silenzio e rivela una realtà comune a molte donne

Esistono, sono una minoranza, ma esistono. A volte non si rivelano per paura di essere giudicate male, ma quando trovano il coraggio per manifestarsi, scoprono di non essere sole e si sentono rincuorate. Loro sono le mamme pentite, ovvero quelle donne che hanno figli che adorano e alle quali non piace essere mamme e soffrono per la maternità. Abituati come siamo a sentir parlare della maternità come realtà bellissima, è difficile credere che possano esserci donne affrante della loro condizione di genitrici. A offrire uno spiraglio di comprensione a tutte le madri pentite è stata l’attrice e scrittrice americana Karla Tenório, mamma di una bambina di 10 anni. Dopo tutto il tempo trascorso a crogiolarsi nel suo sentire, la donna ha trovato il coraggio di dar voce alla sua condizione fondando il movimento delle madri pentite che sul profilo Instagram  @maearrependida ha già raggiunto oltre 18 mila followers. L’attrice rivela il suo arrivo alla maternità senza troppa convinzione ed il suo ritrovarsi trasformata in una vittima della sua stessa condizione, con il risultato di finire volontariamente estraniata dalla vita. 

A tutto questo si aggiungeva il senso di colpa per i suoi sentimenti perché, rivela, avrebbe voluto essere una buona madre, ma rimaneva schiacciata dal senso di frustrazione con la sensazione che la vita potesse finire da un momento all’altro, perdendo così slancio anche solo a pensare a nuovi progetti. Dopo le prime dichiarazioni pubblicate nei post, sono arrivati i primi commenti negativi e solidali, non sono mancate le polemiche da parte di chi considera l’essere madre «la cosa più bella del mondo», sventolando il vessillo dell’annientamento personale per amore di figli. Il rifiuto di Karla, però, è proprio questo: dedicare la propria vita solo all’essere madre nella sua accezione totalizzante. «Da quando sono uscita di testa durante il parto, dal primo minuto ho desiderato tornare indietro nel tempo» rivela Karla che si ritrova in compagnia di altre donne che la pensano come lei e si sentono messe alla gogna da altre mamme felici ed appagate da quel ruolo. La decisione di Karla a mettere in piazza la sua condizione, rappresenta una mano tesa per quante vivono nella stessa sensazione e, allo stesso tempo, un modo per eliminare la convinzione che quello romantico sia l’unico aspetto della maternità.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
ti.mamme
9 ore
Bullismo: vittime e carnefici, come riconoscerli?
I sospetti di un genitore possono essere il primo passo fondamentale nella soluzione del problema
ti.mamme
1 gior
La corretta alimentazione dei bambini passa attraverso il buon esempio
Le regole e i consigli per evitare l’insorgere dei disturbi alimentari e di capricci fastidiosi
TI.MAMME
4 gior
Colonie estive: gioia per i piccoli, ansia per gli adulti
Sfruttare l’occasione di crescita, superando l’apprensione spesso esagerata
TI.MAMME
5 gior
Bambini e smartphone: come evitare dipendenza e problemi di salute
Le raccomandazioni dei pediatri per un uso corretto dei dispositivi elettronici da parte dei piccoli
TI.MAMME
1 sett
Bimbi e paura dell’acqua: come risolvere il problema
Puntare ad un approccio precoce può aiutare i piccoli ad evitare qualsiasi resistenza
ti.mamme
1 sett
Covid, scoperto perché i bambini si ammalano molto meno
Gli studiosi hanno analizzato le vie respiratorie, in particolare il tessuto epiteliale del naso dei piccoli
TI.MAMME
1 sett
Far la spesa con i bambini evitando i capricci
Saper dire “no” alle continue richieste dei piccoli è un’arte da affinare con pazienza
TI.MAMME
1 sett
Le pet vacanze belle e possibili
Come organizzarsi per portare gli animali domestici in villeggiatura senza stress
TI.MAMME
1 sett
Coronavirus: quando la famiglia finisce in quarantena
Come gestire la lunga convivenza tra necessità e priorità di adulti e bambini.
TI.MAMME
1 sett
Eterocromia: vezzo o problema?
Il diverso colore degli occhi rappresenta una particolarità, ma non esclude alcuni elementi di rischio.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile