Deposit
TI.MAMME
30.04.21 - 08:000

Pubertà: che fine fanno i bambini?

Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza può essere problematico: come gestire i cambiamenti?

Si chiama kisspeptina ed è la proteina che, un bel giorno, il cervello comincia a produrre aprendo le danze di quel periodo scientificamente conosciuto come pubertà, e mitologicamente indicato come l’età dei bambini quasi adulti. Il periodo è quello che inizia tra i 9 e i 13 anni ed avvia una serie di cambiamenti che finiscono per impressionare i protagonisti e, soprattutto, le mamme che mettono a nanna il loro bambino adorato ed a colazione si ritrovano un individuo sconosciuto con la voce diversa e l’umore incostante. Può sembrare un’esagerazione, ma i cambiamenti ci sono, talmente repentini ed evidenti da non dare il tempo di comprenderli né a chi li vive, né a chi li subisce. E la situazione può essere abbastanza destabilizzante soprattutto per bambine e bambini che iniziano il loro cammino verso l’adolescenza ritrovandosi al centro di uno scombussolamento ormonale che sancisce una fase piuttosto turbolenta delle loro vite. Alla fine quelle creaturine abituate a chiedere a mamma e papà «come fare cosa e perché», si ritroveranno al cospetto di emozioni e sentimenti del tutto nuovi, in balia di sbalzi d’umore infernali (per sé e per gli altri!). 

Intimamente tutti gli ex bambini si chiedono cosa stia accadendo e perché si sentano così disorientati, non trovando una risposta facile, soprattutto perché frenati all’idea di chiedere aiuto a qualcuno, di confidarsi in cerca di un sostegno emotivo. Eh già, perché con la pubertà arriva anche quel senso di autonoma, ma pasticciata onnipotenza che fa sentire capaci di ogni cosa, senza sapere da dove cominciare. E non c’è da scherzarci perché è tutta colpa del cervello emotivo che matura prima di quello cognitivo e, così, il primo esagera tutto e l’altro non è ancora capace di indicare cosa sia meglio fare o evitare. Cosa fare? Ci sono due cose che non devono mancare durante la pubertà: il sostegno psicologico e lo sport, perché è vero che questo periodo passa, ma con i giusti aiuti, passa meglio. Se i cuccioli umani cominciano a preferire gli amici a mamma e papà, va bene, perché magari tra coetanei è più facile confidarsi e farsi le stesse domande senza sentirsi osservati o, peggio, giudicati. Però ci vogliono le risposte ed allora bisogna che gli adulti di riferimento – nonni, zii, insegnanti, allenatori - si dimostrino una risorsa di dialogo, lanciando discreti segnali di disponibilità a chiarire dubbi e dare informazioni. 

Perché la pubertà segna anche l’inizio di quella trasformazione fisica, influenzata da nuovi ormoni, che porta con sé anche la maturazione sessuale da spiegare correttamente ed il cambiamento fisico che potrebbe generare insicurezze a causa di stereotipi di bellezza che possono causare problemi di salute. Si pensi all’idea di tanti muscoli per gli uomini e pochi chili per le donne: obiettivi che possono comportare anche scelte frettolose e, soprattutto, dannose. Per questo la maturità di un adulto torna utile per fare chiarezza. Un’altra cosa che non dovrebbe mancare, soprattutto durante la pubertà, è lo sport che è un concentrato di regole, divertimento e valori facile da gestire. Lo sport insegna a fare squadra, a rispettare le regole, ad essere leali e ad accettare le sconfitte. Acquisire questo tipo di mentalità spiana la strada anche in altri ambiti che comprendono il rendimento scolastico e la socializzazione. Insomma la mitologia ci insegna che non c’è creatura spaventosa che non possa essere gestita e la scienza ci ricorda che la pubertà è un periodo di transizione: insieme ci aiutano a capire che anche questa fase della crescita può essere serena con gli aiuti migliori.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
TI.MAMME
12 ore
Perimenopausa: l’ultimo step prima del climaterio
Conoscere il final menstrual period per viverlo correttamente e senza troppi problemi
TI.MAMME
1 gior
Enjoy the water: divertenti giochi estivi con l’acqua
Alcune idee di intrattenimento da fare in giardino o sul balcone, durante la bella stagione
TI.MAMME
2 gior
Proteggere i neonati dal caldo è utile e gratificante
Alcuni accorgimenti per eliminare le difficoltà dei più piccoli legate alle temperature elevate
TI.MAMME
4 gior
Stipsi gravidica: cause e rimedi per il problema che coinvolge le future mamme
Fibre e acqua sono il primo passo verso la soluzione, mentre i lassativi sarebbero da evitare
TI.MAMME
5 gior
Paghetta ai bambini: piccoli paperoni crescono
Come, quando e perché dare un piccolo compenso periodico ai propri figli
TI.MAMME
6 gior
Trifallia: in Iraq l’unico caso al mondo
Un bambino nato con tre peni è stato al centro di uno studio che ha interessato l’intera comunità scientifica
TI.MAMME
1 sett
Papà e gravidanza: non è solo una questione di spermatozoi
Papà e gravidanza: non è solo una questione di spermatozoi
TI.MAMME
1 sett
Il potere della teoria del flusso sulla felicità
Anche i più piccoli sono capaci di concentrarsi risultando appagati dalle loro attività
TI.MAMME
1 sett
Maternità: la storia di Barbara neo mamma a 57 anni
Fecondazione in vitro per soddisfare il forte desiderio di genitorialità della donna e di suo marito 65enne
TI.MAMME
1 sett
Abbiamo tutti intelligenze multiple da sfruttare
Favorire le inclinazioni personali dei bambini per favorire il sapere su cui si fonda ogni ingegno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile