Deposit
TI.MAMME
04.06.20 - 12:540

Il lockdown ha peggiorato l'obesità nei bambini

In media hanno consumato un ulteriore pasto e dormito mezz'ora in più al giorno, stando ad uno studio

Il lockdown ha peggiorato lo stato di salute dei bambini, influenzando negativamente dieta, sonno e attività fisica in chi già aveva problemi di obesità. Lo dimostra una ricerca dell'università di Buffalo, pubblicata sulla rivista Obesity e condotta in collaborazione con Angelo Pietrobelli, dell'università di Verona, su 41 bambini sovrappeso durante la quarantena nella città veneta tra marzo e aprile.

Rispetto all'anno precedente infatti si è visto che hanno consumato un pasto in più e dormito mezz'ora in più al giorno, aggiunto 5 ore passate davanti ad uno schermo (di tv, cellulari o computer), e aumentato di parecchio il consumo di carne rossa, bibite zuccherate e cibo spazzatura. L'attività fisica invece è calata di oltre due ore a settimana mentre non è cambiata la quantità di verdure mangiate.

«Gli effetti della pandemia da Covid-19 vanno oltre l'infezione virale - commenta Myles Faith, coautore dello studio - Bambini e adolescenti con problemi di obesità si sono trovati in isolamento, una situazione che crea un ambiente sfavorevole al mantenimento di stili di vita sani». Di solito bambini e adolescenti prendono peso durante le vacanze estive. «L'ambiente scolastico offre struttura e routine tra pasti, attività fisica e sonno, tre fattori fondamentali dello stile di vista per il rischio di obesità», continua Faith.

Dallo studio è emerso il cambiamento in negativo sul comportamento dei bambini obesi, con un peggior controllo del peso durante la permanenza a casa. «A seconda della durata del lockdown, i chili presi in più potrebbero non essere persi facilmente e contribuire all'obesità in età adulta, se non saranno ripresi i comportamenti più sani - continua Faith - Questo perché l'obesità in età infantile e adolescenziale tende a lasciare una traccia nel tempo che dura fino all'età adulta». Secondo i ricercatori bisognerebbe quindi considerare gli effetti dannosi del lockdown sull'obesità e valutare programmi di telemedicina per incoraggiare le famiglie a mantenere stili di vita sani durante questo periodo.

ats ans

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
ti.mamme
1 gior
Un salto al Parco San Michele
Lara, di Mini Me Explorer, ci dà qualche consiglio sul magico luogo con vista spettacolare su Lugano
TI.MAMME
2 gior
Madri pentite: nasce su Instagram la crociata redentrice
L’attrice Karla Tenório rompe il silenzio e rivela una realtà comune a molte donne
TI.MAMME
3 gior
Pancione e urti: quali rischi corre il bambino?
La massima attenzione serve ad evitare danni diretti e indiretti a mamma e nascituro
TI.MAMME
4 gior
Perimenopausa: l’ultimo step prima del climaterio
Conoscere il final menstrual period per viverlo correttamente e senza troppi problemi
TI.MAMME
5 gior
Enjoy the water: divertenti giochi estivi con l’acqua
Alcune idee di intrattenimento da fare in giardino o sul balcone, durante la bella stagione
TI.MAMME
6 gior
Proteggere i neonati dal caldo è utile e gratificante
Alcuni accorgimenti per eliminare le difficoltà dei più piccoli legate alle temperature elevate
TI.MAMME
1 sett
Stipsi gravidica: cause e rimedi per il problema che coinvolge le future mamme
Fibre e acqua sono il primo passo verso la soluzione, mentre i lassativi sarebbero da evitare
TI.MAMME
1 sett
Paghetta ai bambini: piccoli paperoni crescono
Come, quando e perché dare un piccolo compenso periodico ai propri figli
TI.MAMME
1 sett
Trifallia: in Iraq l’unico caso al mondo
Un bambino nato con tre peni è stato al centro di uno studio che ha interessato l’intera comunità scientifica
TI.MAMME
1 sett
Papà e gravidanza: non è solo una questione di spermatozoi
Papà e gravidanza: non è solo una questione di spermatozoi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile