Deposit
TIMAMME.CH
24.12.19 - 08:000

La conquista del piacere della lettura

Cosa si inventano i genitori per invogliare i figli ad apprezzare i libri?

Ne avevamo già parlato presentando il million word gap, il divario che esiste tra il patrimonio lessicale dei bambini ai quali i genitori hanno sempre letto favole, e libri in genere, e quelli che non hanno beneficiato di questa abitudine. Leggere è il modo più semplice ed efficace per aprire la mente, apprendere e crescere. E questo ribadisce anche l'importanza della lettura per lo sviluppo intellettivo, oltre che per il rafforzamento del rapporto tra i piccoli e i genitori. 

Leggere ad ogni età. Ovviamente i benefici della lettura non si esauriscono con la tenera età ed, anche crescendo, un buon libro rimane un alleato prezioso per la cultura personale e per la conoscenza, oltre a favorire la concentrazione, il rilassamento e la comprensione delle proprie emozioni. Sfortunatamente, però, il piacere della lettura non è molto diffuso ed i ragazzini sono presi da altre attività, sportive o ludiche, e gli unici libri che sfogliano sono quelli scolastici. Ed a volte neanche quelli!

Il compito degli educatori. Un adulto responsabile è, quindi, quello che, con l'esempio ed il coinvolgimento, invoglia i più piccoli ad esplorare mondi nuovi attraverso i libri. I genitori hanno il compito di rendere la lettura un momento piacevole, un desiderio più che uno sforzo. Scegliere i testi più indicati, favorire il tempo da dedicare alla lettura e magari condividerlo sono soluzioni auspicabili. E se non dovessero bastare, un genitore è autorizzato a ricorrere a qualche espediente anche originale per sortire l'effetto desiderato. 

Libri e wi-fi. Proprio come ha fatto una mamma italiana che, con una sorta di gioco, ha provato a guidare i suoi figli nel magico mondo della lettura. L'intraprendente signora, con un trucco divertente svelato anche in rete, ha conquistato i social ed il suo post è diventato virale. Qual era il trucco? Con un biglietto sul frigorifero, la simpatica mamma ha comunicato ai suoi figli di aver cambiato la password del wifi domestico, sostituendola con «il colore dell'abito di Anna Karenina nel libro». Il libro, non il film, precisa l'arguta genitrice e spinge così i suoi figli alla lettura del romanzo di Tolstoj. 

Le reazioni. Inevitabili i commenti a questo ingegnoso stratagemma educativo. Qualcuno ha esaltato la genialità dell'espediente riempiendo di complimenti l'inventiva della mamma, mentre altri hanno ravvisato gli estremi di una costrizione in questo gesto. I genitori sostenitori di questa idea hanno gradito e condiviso il trucchetto rendendolo virale e cogliendone l'aspetto positivo, e i boicottatori hanno solo visto una forzatura travestita da gioco. Intanto lo scrittore spagnolo Juan Gómez-Jurado ha apprezzato e condiviso il post della mamma italiana richiamando anche l'attenzione dei suoi connazionali ed i loro commenti contrastanti. 

Non è dato sapere se l'idea abbia sortito gli effetti desiderati e se l'ironica mamma sia riuscita a coinvolgere i propri figli in questo gioco culturale. Sicuramente, se ha funzionato e ha portato i ragazzi ad apprezzare la lettura al di là della scoperta di una password, sarà stato un bene, soprattutto per i ragazzi. Considerata però la portata del libro scelto e il tempo necessario per leggerlo, si può pensare che il wifi in quella casa non sarà stato usato per una settimana abbondante.

 


TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile