Immobili
Veicoli
TI.MAMME
07.08.19 - 08:000

Come sopravvivere all'allergia all'acqua

Orticaria acquagenica: sintomi e trattamenti utili per questo raro disturbo

Disturbi, malattie e persino reazioni allergiche rare sono spesso alla ribalta dell'informazione, insieme alle indicazioni, più o meno scientifiche, per affrontarli. Un esempio arriva dalla realtà di Niah Selway, una ventunenne inglese affetta da un'allergia molto rara, della quale soffrono solo 32 persone al mondo. Si chiama orticaria acquagenica ed è una reazione allergica provocata dal contatto con qualsiasi tipo di acqua ad ogni temperatura. Persino lacrime e sudore. Niah ha aperto un canale youtube sul quale si racconta in questa condizione limitativa alla quale, però, la giovane ha imparato a reagire anche evitando i comportamenti che possono scatenare la sua allergia. In realtà la definizione di allergia, per quanto diffusa, non è corretta poiché, nonostante i sintomi la facciano rientrare nella categoria, non presenta il coinvolgimento degli anticorpi IgE, ovvero le immunoglobuline E alle quali ricorre il sistema immunitario in presenza degli elementi scatenanti la reazione allergica. Per quanto fastidiosi o dolorosi siano i sintomi, è certo che essi si limitano alla pelle e non intaccano in alcun modo gli organi interni.

Come riconoscere l'orticaria acquagenica? Subito dopo il contatto con l'acqua, sia essa di rubinetto o di mare e persino distillata, la pelle si arrossa e su di essa compaiono piccoli gonfiori pruriginosi. Questi pomfi compaiono più spesso sul collo, parte alta del busto e braccia, ma la necessità del soggetto interessato a grattarsi prescinde la loro presenza. Una volta asciugata l'acqua dalla pelle, la reazione scompare entro un'ora.

Quali sono le cause dell'orticaria acquagenica? In realtà non esiste una definizione precisa dei fattori scatenanti la reazione, si ipotizza che alla base possa esserci la presenza nell'acqua di una sostanza ignota che reagisce con le sostanze naturalmente presenti sulla pelle. Per diagnosticare l'orticaria acquagenica, gli specialisti provvedono ad una serie di test in grado si escludere reazioni a caldo e freddo, ma per curarla non esistono terapie, visto che non si conosce l'esatta identità delle cause scatenanti. L'unico modo per attenuare le reazioni e prevenirle è ricorrere all'utilizzo di lozioni e medicinali specifici. Per esempio oli e creme per il corpo in grado di fungere da barriere protettive, da utilizzare prima della doccia o del bagno, insieme a corticosteroidi topici ed antistaminici prescritti dal medico. Anche la fototerapia risulta utile in caso di orticaria acquagenica. Questo trattamento è solitamente impiegato per disturbi dermatologici come psoriasi ed acne, ma anche del sonno e di problemi psichiatrici. Il trattamento di fototerapia consiste nell'esposizione del paziente ad una fonte di luce naturale o artificiale per un tempo variabile da 30 minuti a 2 ore e con tipologie di luce differenti a seconda della necessità.


TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
TI.MAMME
2 gior
Motricità fine: la manualità dei bambini passa nella cruna di un ago
Cucito e tessitura sono i primi esercizi utili alla conquista dell’autonomia dei piccoli
ti.mamme
3 gior
Il vaccino in gravidanza protegge sia la mamma che il bambino
Lo ha dimostrato uno studio dell'Università di Edimburgo, che si è concentrato su 4'950 donne in gravidanza
TI.MAMME
3 gior
Bambini: una buona giornata comincia dalla colazione
Circa il 20% del fabbisogno energetico quotidiano dei piccoli arriva dal pasto mattutino.
ti.mamme
4 gior
L'allattamento al seno protegge le donne dalle malattie cardiache
Lo ha confermato uno studio coordinato dall'Università di Innsbruck
TI.MAMME
4 gior
Spezie ai bambini: via libera dell’OMS
Sì all’utilizzo degli aromi nell’alimentazione dei piccoli, ma anche quelli piccanti?
TI.MAMME
5 gior
I sorrisi dei neonati: tra divertimento e comunicazione
Incoraggiare i piccoli a sorridere valorizza i loro sentimenti e sviluppa l’autostima
TI.MAMME
6 gior
Parental control: proteggere i più piccoli dalle insidie del web
Un valido aiuto per i genitori contro i pericoli di internet e televisione.
TI.MAMME
1 sett
I movimenti che dimostrano la salute del feto
Quando cominciano i piccoli calci e pugni che creano il primo contatto tra mamma e bambino?
TI.MAMME
1 sett
Donne: davvero maturano prima degli uomini?
La risposta arriva dalla scienza e conferma un antico luogo comune
TI.MAMME
1 sett
Come gestire il mal d’orecchio nei neonati
Riconoscere un dolore che può essere molto forte e risolverlo senza passi falsi.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile