Immobili
Veicoli
Foto Rino Ceppi
L'OSPITE
19.01.22 - 17:550

Effetti collaterali di uno svuotamento

Rino Ceppi, già consigliere comunale di Gordola

Il lago artificiale di Vogorno è sparito facendo riapparire paesaggi d’altri tempi; la diga e i suoi dintorni sono diventati meta di turisti e curiosi intenti a scoprire cosa si celasse sotto le acque e com’erano la valle e la strada prima degli anni ‘60.

A valle della diga invece si riscontrano conseguenze negative a causa dell’importante e indispensabile intervento di manutenzione: alla foce della Verzasca da tempo si notano “alterazioni” sul fiume e alla foce stessa.

Martedì 18 gennaio, il Dipartimento del Territorio comunica finalmente che dal 5 gennaio si sono rilevate infiltrazioni nella falda di captazione dei pozzi di acqua potabile di Tenero e si sono presi dei provvedimenti nella procedura di svuotamento per evitare al massimo i collegamenti tra fiume e falda. Le conseguenze dei danni causati dallo svuotamento del bacino, con i depositi accumulati sul fondo del lago trasportati a valle, sono evidenti a occhio nudo e documentate dalle foto.

Sulle rive del fiume ci sono depositi di limo e alla foce galleggiano “bolle” di color marrone.

A questo punto è lecito chiedere:

- Cosa è successo esattamente a valle con lo svuotamento del bacino?

- Quali sono le conseguenze ambientali?

- Come si pensa di risanare fiume e foce?

Se da una parte ci troviamo davanti a un’operazione importante di spurgo e manutenzione necessari per la sicurezza della diga e l'efficiente attività della centrale, da parte della popolazione ci si aspetta dal Dipartimento del Territorio un’informazione adeguata e tempestiva su quanto è ormai accaduto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile