Deborah Meili e Jacopo Scacchi
L'OSPITE
18.09.20 - 14:330

Terza corsia: prima l'auto e poi il treno? No!

di Deborah Meili e Jacopo Scacchi, membri del Comitato Giovani Verdi

Il progetto di potenziamento della capacità del tratto A2 tra Lugano e Mendrisio è affascinante. Promette di ricucire il bellissimo nucleo di Bissone, permetterà agli abitanti della Val Mara, di Maroggia e di Melano di entrare in autostrada senza dover viaggiare fino a Mendrisio, evitando così di generare ulteriore traffico nel capoluogo. E si è pure parlato della riqualifica di alcune sponde lacustri a sud del Ponte-diga.

Ciò che ci lascia perplessi è però l'introduzione di una terza corsia dinamica intesa a fluidificare il traffico negli orari di punta. Nel breve termine sarà sicuramente un sollievo per coloro che percorrono la tratta, come le e i pendolari, e le frontaliere e i frontalieri che si spostano per lavorare. Ma non ripetiamo l'errore che abbiamo fatto con il raddoppio del San Gottardo: le comodità spingono la gente ad usufruirne. L'ipotetica frontaliera che abita a Cantello, sapendo che non passerebbe più la maggior parte del suo tragitto verso Lugano incolonnata avanzando a passo d’uomo, verrebbe nuovamente incentivata ad utilizzare l'automobile, e non il treno.

E questo non ridurrà di certo il traffico e l'inquinamento contro cui, da anni, la nostra regione sta combattendo. È un incentivo a continuare a basare il trasporto sulla macchina e non rappresenta una spinta a passare a una mobilità che sgravi il traffico, riduca l'inquinamento e migliori la qualità di vita: la mobilità sostenibile su rotaia.

Quello che più ci pare assurdo, è la lista delle priorità. Prima l'autostrada, poi (forse) la ferrovia. Prima la macchina, poi (forse) il treno. Prima la terza corsia dinamica, poi (forse) AlpTransit fino a Chiasso.

L’autostrada arriverebbe a compimento nel 2040. Eppure entro il 2050 non potremo più permetterci di emettere CO2 a livello globale. Ciò nonostante, viene prima e comunque l’autostrada, la macchina, il traffico e l'inquinamento, pur essendo coscienti che al più tardi dieci anni dopo la messa in funzione, le nostre emissioni di gas inquinanti dovranno essere nulle!

Il traffico straborda, l'inquinamento ci soffoca e le strade hanno deturpato bellissimi territori. Non è aggiungendo corsie autostradali che si risolveranno questi problemi. È necessario prolungare AlpTransit fino a Chiasso, sviluppare una rete intelligente ed efficiente del trasporto sostenibile locale e, perché no, interrare l'autostrada (siamo giovani, lasciateci sognare). Noi Giovani Verdi ci uniamo ai Cittadini per il Territorio e all’Associazione Traffico Ambiente (ATA) nella giusta rivendicazione che chiede di dare la precedenza al prolungamento di AlpTransit fino a sud, congelando il progetto della terza corsia dinamica. Solidali con le ed i manifestanti di Melano che due settimane fa hanno protestato contro il progetto, diciamo: basta traffico e basta inquinamento!

TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile