Tipress
L'OSPITE
18.04.20 - 11:020

I familiari assistenti vanno tutelati dai datori di lavoro

di Raoul Ghisletta – segretario Sindacato VPOD Ticino

Ho purtroppo costato che spesso le disposizioni dei datori di lavoro non contemplano alcuna regola di protezione per la/il dipendente che convive o che deve accudire (es. alzare, fare la cena, mettere a letto, lavare, ecc.) parenti oltre i 65 anni o a rischio: il cosiddetto familiare assistente. Ci sono infatti dipendenti che convivono o abitano vicino a parenti anziani e/o ammalati, assistendoli in particolare al mattino e alla sera dopo il lavoro, rispettivamente nei giorni liberi (a volte in modo complementare a un servizio di assistenza e cura a domicilio). Bisogna fare in modo che questi dipendenti non vengano contagiati sul posto di lavoro o mentre si spostano per andare al lavoro. Bisogna assolutamente favorire il lavoro da casa per questa categoria: adesso e nella fase di ripristino della normalità.

La Confederazione indica infatti tra le persone a rischio chi ha più di 65 anni e chi ha una delle seguenti patologie: cancro, diabete, ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari, malattie croniche delle vie respiratorie e sistema immunitario debole (immunosoppressione). Secondo la Confederazione i familiari assistenti -per proteggere la persona che aiutano di oltre 65 anni o che soffre delle patologie sopraelencate- dovrebbero restare possibilmente a casa, se abitano nella stessa economia domestica della persona assistita: questo vale evidentemente anche per i familiari assistenti che devono frequentemente aiutare una persona che abita in un appartamento adiacente o nella zona.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile