foto wicht
L'OSPITE
31.03.20 - 07:460

Stare a casa limita i contagi, ma la tensione sale

Omar Wicht, consigliere Comunale Lugano

In questo periodo, l’unica arma che abbiamo a disposizione per combattere questo “nemico invisibile”, è quella di rimanere il più possibile a casa. Stare a casa è d’obbligo, ma alla lunga porterà inevitabilmente a situazioni surreali e delicate. Purtroppo, non abbiamo certezze su quanto durerà questa pandemia, chi ha ricevuto qualche aiuto economico statale, vive nell’incertezza se il mese prossimo lo potrà ancora ricevere, che poi comunque è un debito da restituire, quindi un palliativo.

Per non parlare delle persone indipendenti con un reddito basso, magari già indebitate, i quali con mille difficoltà vedono all’orizzonte il fallimento dell’attività. Per poter far fronte a questo momento d’emergenza, il mondo economico e la società in generale se non vorranno collassare, dovranno distribuire ai nuclei famigliari più deboli e alla popolazione, una cifra forfettaria “forte” come salvavita (da non restituire), se no tutto ricadrà sulle spalle dello Stato.

Ci vuole più decisione e un governo all’altezza di capire che, se non si aiutano le fasce più deboli, compreso il ceto medio, sarà la fine, la tensione salirà alle stelle e ne vedremo delle belle. Un grande economista e banchiere ticinese lo ha già capito, Sergio Ermotti, il quale ha devoluto 1 milione di franchi alle fasce più povere: l’unica soluzione che governo e gente benestante devono seguire. Si sa, l'ho sempre detto, il motore trainante dell’economia è il popolo, e se in questo motore nei momenti duri non si inserisce benzina inevitabilmente si fermerà. Ripartire poi, sarà un’utopia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile