tipress
L'OSPITE
12.03.20 - 06:000

Pandemia, le cose da non fare

Orlando Del Don, medico psichiatra e candidato al Municipio di Bellinzona (Lega-Udc-Indipendenti)

Attenzione a non peggiorare la situazione con interventi non scientifici ma unicamente opportunistici.

Inutile chiudere le frontiere
I casi di soggetti infetti indigeni superano oramai il numero dei casi positivi al coronavirus nelle province confinanti. La tracciabilità non è più garantita. I casi di soggetti infetti sono oramai all'interno delle nostre frontiere. Le frontiere si dicevano semmai blindare molto prima: ora sarebbe un intervento controproducente che illuderebbe solo la popolazione di una sicurezza che in realtà non esiste.

Inutile e rischioso chiudere le scuole obbligatorie
Ciò implicherebbe il fatto che i bambini potrebbero rischiare di essere esposti loro stessi al pericolo di infezione e contagiare magari in tal modo persone a rischio chiamate ad assistere le famiglie nella gestione dei figli (nonni, parenti anziani e a rischio).

Urgenti gli aiuti dello Stato
Aiuti da pianificare e da erogare a tutte le attività costrette a ridurre o chiudere i loro commerci. Anzi, sarebbe utile interrompere per qualche settimana ogni attività lavorativa/produttiva invitando tutta la popolazione a restare a casa e indennizzare le ditte costrette in tal senso, nonché sostenere economicamente le persone costrette a fermarsi. Solo in tal modo potremo fermare/rallentare la catena del contagio. Ogni altra soluzione rischia solo di estendere/accelerare il contagio stesso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile