TiPress - foto d'archivio
L'OSPITE
13.09.19 - 11:080

È alto tradimento: la Posta si svende a Trump!

Massimiliano Ay, segretario politico Partito Comunista

L’istituto bancario della Posta Svizzera, «PostFinance», ha deciso di interrompere dal 1° settembre il traffico dei pagamenti con la Repubblica di Cuba. In caso contrario rischierebbe a suo dire di contravvenire ai diktat degli Stati Uniti e rischiare quindi l’ira della Casa Bianca, le cui sanzioni però la Confederazione non sostiene! La Posta Svizzera, finanziata dai nostri soldi, dopo essersene fregata delle decisioni parlamentari e continuando a smantellare i propri uffici, ora in pieno delirio di onnipotenza, legittima il presidente Trump a imporre le proprie leggi extra-territorialmente e quindi anche sul nostro territorio, in perfetto stile imperialista!

Si tratta di una decisione che non crea solo problemi al corpo diplomatico cubano in Svizzera, ma danneggia enormemente anzitutto i nostri oltre 300 concittadini che risiedono a Cuba, alcuni dei quali pensionati che ora di colpo non possono accedere alla loro rendita depositata sui «conti gialli». Per non parlare delle associazioni umanitarie e di cooperazione allo sviluppo come MediCuba che, pur essendo sostenuta addirittura da fondi istituzionali, è impossibilitata di colpo a continuare a finanziare i suoi progetti in ambito sanitario sull’Isola. A soffrire sono anche le piccole e medie imprese svizzere, che investono a Cuba in progetti win-win dal valore complessivo di quasi mezzo miliardo di franchi annui: le leggi USA quindi stanno arrecando un danno anzitutto alla nostra economia nazionale. 

Il Partito Comunista chiede a Berna delle misure immediate per garantire non solo il diritto a relazioni bancarie ai nostri concittadini e alle persone giuridiche svizzere a Cuba, ma anche di impegnarsi affinché non sia compromesso il lavoro dei diplomatici cubani nel nostro Paese. Il provvedimento dei manager del "Gigante giallo" di sottomissione a un governo estero rappresenta un gravissimo affronto alla sovranità nazionale e alla neutralità del nostro Paese, che resta – è bene ricordarlo – il proprietario della Posta! 

Ecco perché ripetiamo senza stancarci che bisogna ripristinare la regia federale della Posta, assumere il pieno controllo pubblico della banca postale e occorre che questi vertici aziendali che pur di far soldi obbediscono non a Palazzo federale ma alla Casa Bianca siano dichiarati eversivi, anti-nazionali e mandati a casa senza buonuscita! 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile