L'OSPITE
16.11.17 - 19:360

In attesa del sostegno municipale si muovono cittadini biodiversamente… sensibili

Mario Maccanelli

Alzi la mano chi tra gli amministratori non vanta gli spazi verdi e naturali del proprio comune per attrarre famiglie di contribuenti o turisti.

Faccia sentire la sua voce chi non ama vedere e gustarsi spazi fioriti, alberature di varie specie, e ancora farfalle, coccinelle (e magari qualche pipistrello divoratore di zanzare) svolazzare fra i tetti del proprio paese.

Per promuovere la biodiversità non bisogna andare lontano: lo si può fare davanti alla porta di casa nostra. E lo si fa.

Nel 2013, grazie ad un’iniziativa della Società agricola del Mendrisiotto e della Città di Mendrisio, viene lanciato il “Progetto di interconnessione agricola del Mendrisiotto”. Il progetto mira, attraverso l’attuazione di misure specifiche, a favorire le specie animali e vegetali tipiche di prati, pascoli e vigneti della nostra regione. Insomma quel che un tempo la natura poteva offrirci, prima di interventi umani atti a eliminare specie diverse, e a banalizzare gli spazi verdi con specie vegetali uniche, magari non indigene e di poco valore per l’equilibrio ambientale.

Il territorio incluso nel progetto comprende la pianura da Chiasso a Melano, le fasce collinari, il Monte San Giorgio ovverossia molti comuni del Distretto.

Quasi 50 aziende agricole sono impegnate nel progetto che da tempo è entrato nella fase di realizzazione, con accompagnamenti specialistici, con verifiche e controlli regolari e quindi con risultati, documentati con serietà, a beneficio, sia della biodiversità ambientale, sia della popolazione residente, sia di tutti coloro che a vario titolo visitano e apprezzano la regione.

I costi del progetto sono coperti per circa il 70% dall’Ufficio della natura e del paesaggio, BirdLife può dare dei contributi per l’attuazione di misure concrete a favore dell’avifauna mentre le aziende agricole stesse contribuisco con un importo di 300. - franchi ciascuna.

Una lodevole iniziativa quindi, sostenuta sin dall’inizio da molti enti pubblici anche nel Mendrisiotto (con l’eccezione di poche Municipalità) con importi modesti e comunque proporzionali. A Morbio Inferiore purtroppo non si è ancora deciso di contribuire con simbolici 900 franchi annui. A dire il vero un’iniziativa in tal senso è stata avanzata da due Consiglieri comunali Morbio Verde e US, nella speranza che altri consiglieri aderiscano e modifichino la situazione attuale.

Nell’attesa di una svolta, diversi cittadini diversamente sensibili alle problematiche ambientali hanno manifestato interesse per un’azione concreta di sostegno.

Un contributo annuale è quindi stato raccolto e consegnato ai promotori, nella speranza che per gli anni a venire il Municipio iscriva a bilancio questa spesa che non dovrebbe minacciare la salute finanziaria del Comune.

Poiché non di solo denaro vive l’uomo, la consegna del contributo è stato lo spunto per intrattenersi personalmente con i promotori dell’iniziativa, la Società Agricola del Mendrisiotto insieme con i titolari di un’azienda di Morbio, la Cantina Cavallini, che partecipa con entusiasmo al progetto. Parlare di obiettivi, problemi, aspetti concreti è stato utile ed ha permesso di capire che biodiversità va ben oltre la moltitudine di fiorellini sul prato. Biodiversità significa comportarsi in modo che la natura stessa possa creare e

mantenere un equilibrio ambientale; biodiversità comporta fatiche come lo sfalcio in più tempi dei prati, l’eliminazione di neofite nocive, la rinuncia a insetticidi, diserbanti e fertilizzanti ma alla fine comporta miglioramenti di qualità di prodotto e qualità di vita.

Per tutti.

TOP NEWS Ospite
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile