Immobili
Veicoli
People
07.12.05 - 17:100
Aggiornamento : 15.10.14 - 09:01

SANITA': AAROI, IN ITALIA MANCANO CIRCA 4.000 POSTI LETTO RIANIMAZIONE

Napoli, 7 dic (Adnkronos) - Sono 3.814 i posti letto di rianimazione negli ospedali italiani, uno ogni 15.328 abitanti. Nel Molise la situazione migliore, ‘cenerentola’ d’Italia la Calabria, mentre Napoli puo’ vantare più posti letto di Milano. A ‘snocciolare’, per la prima volta in Italia, il numero dei posti letto nelle rianimazioni e terapie intensive presenti sul territorio nazionale, è l’Associazione nazionale anestesisti rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi) durante l’VIII Congresso Nazionale in corso a Napoli.

Il censimento effettuato nel 2005 dall’Aaroi e’ durato circa 12 mesi ed ha coinvolto tutti i presidenti regionali dell’Associazione. Partendo dal numero di cittadini residenti nel nostro Paese, 58.462.375 abitanti (dati Istat 2004), l’Aaroi sostiene che in Italia, in base agli standard degli altri Paesi Europei, occorrerebbero, per assicurare una adeguata e sufficiente assistenza ai pazienti critici, almeno 7.700 posti letto di rianimazione. L’indagine rivela, invece, che su tutto il territorio italiano ne sono disponibili solo 3.814. All’appello ne mancano, quindi, 3.886: praticamente la meta’ di quelli necessari. E ancora, analizzando nel dettaglio i dati, emerge che a livello nazionale vi è un posto letto ogni 15.328 abitanti. Al Nord uno ogni 14.215 abitanti, al Centro uno ogni 13.601, al Sud ogni 20.070 e nelle Isole un posto letto ogni 17.306 residenti.

È dunque emergenza al Sud: in Calabria, infatti, si puo’ contare solo su un posto letto di rianimazione ogni 26.437 abitanti. Non meno felice la situazione in Puglia dove esiste un posto letto ogni 24.655 residenti. Spostandosi al Centro, la situazione tende a migliorare decisamente, ma affiora una certa disomogeneità. Le percentuali dei posti letto, rispetto al numero totale, sale dal 16,3% del Sud al 24,8%. Nel Molise addirittura si sfiorano gli standard ottimali: qui, gli anestesisti dell’Aaroi hanno rilevato un posto letto ogni 8.255 abitanti. Media che, invece, precipita in Toscana dove vi è un posto ogni 16.355 residenti.

Non particolarmente grave, ma comunque al di sotto della media prevista, la situazione nel Lazio: i 432 posti presenti nella regione, riescono a garantire un posto letto ogni 12.200 abitanti. In Abruzzo e in Umbria, invece, i posti di rianimazione non superano, rispettivamente, la soglia di 100 unità e garantiscono mediamente un posto ogni 15.000 residenti. Nel Nord, al contrario, la situazione si presenta più omogenea. In quasi tutte le regioni si superano i 100 posti letto mentre l’unica regione ad avvicinarsi agli standard ottimali è la Liguria dove è garantito un posto letto ogni 9.768 abitanti. Discreta anche la situazione del Veneto: 398 letti ed un posto per ogni 11.808 residenti.

“Da questo censimento, il primo del genere in Italia - commenta Vincenzo Carpino, presidente nazionale Aaroi - emerge una grave carenza di posti letto, necessari ed indispensabili per assistere adeguatamente il malato critico, quello cioè le cui funzioni vitali, respiratorie, cardiovascolatorie, renali sono compromesse”.

I reparti di rianimazione e terapia intensiva - sottolinea l’Aaroi in una nota - sono infatti definiti anche ‘centri salvavita’, in cui l’assistenza medico-infermieristica deve essere continua, ad alto livello di specializzazione e 24 ore su 24. Dalla ‘fotografia’ scattata dal censimento emerge che ‘’come al solito - commenta ancora Carpino - sono le regioni meridionali a pagare il prezzo più alto, con un numero di posti letto pari solo al 25% di quelli necessari. In queste realta’, quindi, il numero dei posti letto attualmente funzionanti dovrebbe essere triplicato. Il piano sanitario nazionale del 1998 e quasi tutti i piani regionali hanno indicato nel 3% il posto letto di terapia intensiva rispetto al totale dei posti letto di un ospedale. Ma questo standard non è stato ancora raggiunto: siamo infatti intorno alle percentuali del 2,2-2,3%, con variabilità regionale maggiore al Nord e minore al Sud. Della carenza di queste strutture – conclude Carpino - purtroppo se ne parla solo quando si verificano fatti eclatanti, ma subito si tende a dimenticare il problema”.

TOP NEWS People
ITALIA
12 ore
C'è troppo Covid: niente adunata per i 70 anni di Vasco
Il fan club di Zocca ha annullato l'evento previsto per il 5 febbraio
VIDEO
STATI UNITI
14 ore
Il presunto stupro sul set: «Non sapevo come dire di no»
Evan Rachel Wood torna ad accusare Marilyn Manson in un nuovo documentario
ITALIA
17 ore
Michelle Hunziker, lacrime sui social nel giorno del compleanno
La presentatrice sta vivendo un momento difficile e si commuove per l’affetto dei fan
STATI UNITI
19 ore
«La mia tristezza va al di là delle parole»
«Dal giorno in cui ci siamo incontrati, lui è stato il mio mondo e l'ho amato» ha dichiarato Deborah Aday
STREAMING E VIDEO
CANTONE
23 ore
Ora Soliloquio non ha "Niente da perdere"
Nuovo singolo e video per l'artista ticinese, affiancato in questa occasione da Laxtaxia
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
«Una casualità può cambiare la vita, ma bisogna essere pronti ad accoglierla»
A tu per tu con Silvio Soldini in occasione dell'uscita del suo nuovo film “3/19” nelle sale ticinesi dal 25 gennaio
MORCOTE
1 gior
Sul tetto, come i Beatles... ma a Morcote
Domenica 30 gennaio alle 15 l'omaggio dei Nowhere Land nell'anniversario del leggendario Rooftop Concert
STATI UNITI
1 gior
La "guerra" tra no vax e pro vaccino su Meat Loaf
«Quello che viene fatto al suo nome... È disgustoso» afferma un amico del rocker, scomparso nei giorni scorsi
ITALIA
1 gior
Eros-Michelle, con c'è stato nessun ritorno di fiamma
È lo stesso Ramazzotti a spiegare di essere «libero» da vincoli sentimentali
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
"Saturday Night Live", è stata la notte dei Måneskin
La band italiana ha suonato nel corso della puntata presentata da Will Forte
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile