©dpa-Zentralbild
STATI UNITI
24.01.21 - 08:000

Buon compleanno Neil Diamond. 80 anni evergreen

Il suo inno alternativo "America" piaceva a Muhammed Ali, andava d'accordo con i rocker e cantò pure per George W. Bush

Fonte Paolo Biamonte (ANSA)
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

NEW YORK - Buon compleanno Neil Diamond. Il cantante e l'autore di "September Morning", "I'm a Believer", "America" e "Sweet Caroline", compie 80 anni.

Nelle regioni italofone il suo nome è sicuramente meno conosciuto che nel mondo anglosassone, dove ha venduto 100 milioni di copie, è stato introdotto nella Hall of Fame del Rock'n'Roll, ha ricevuto il Kennedy Center Honor e ha la stella sulla Walk of Fame.

Nel 2008 al festival di Glastonbury al suo concerto c'erano più di centomila persone.

Neil Diamond è nato da una famiglia ebrea di Brooklyn e si è fatto una lunga gavetta come autore tra Tin Pan Alley e il Brill Building, il leggendario palazzo di Manhattan che ospita gli uffici dove, negli anni '60, sono state scritte alcune delle canzoni più famose della musica americana. A far girare le cose in modo positivo è stata "I'm a Believer", clamoroso successo dei Monkees che, con il titolo "Sono bugiarda" è stata una hit di Caterina Caselli.

Poi grazie a "Cherry Cherry" e "Kentucky Woman" si è messo in proprio, ai tempi della British Invasion, trovandosi anche a fare da spalla ai concerti degli Who.

Col tempo Diamond si è imposto con una formula a metà strada tra il rock, il pop e il country, uno stile che ha sempre fatto breccia nei gusti del pubblico americano ma non solo: basti pensare che nel 1978 è stato invitato da Robbie Robertson, che gli ha prodotto un album, a cantare in "The Last Waltz", il concerto filmato da Martin Scorsese che ha segnato l'addio alle scene della Band.

Negli anni '70 a Las Vegas il suo cachet era quasi di un milione di dollari a sera e ai suoi concerti nelle prime file c'era il Gotha di Hollywood. Con alti e bassi la sua carriera è arrivata fino agli anni 2000, tra duetti con Barbra Streisand, "You Don't Bring Me Flowers", colonne sonore, tre matrimoni, qualche vicenda giudiziaria legata a questioni di diritti: e comunque nel periodo il 1991 e il 2011 solo negli Stati Uniti ha venduto più di 17 milioni di copie.

Questo dato riassume la storia di Neil Diamond, un cantautore che è riuscito a raggiungere lo status di "classico", capace di scrivere una sorta di inno alternativo come "America", che piaceva a Muhammed Ali, di andare d'accordo con i rocker (nel 2005 "12 Songs" è stato prodotto dal guru Rick Rubin) ma anche di cantare per George W. Bush.

Un esempio tipico di evergreen. Da qualche anno Neil Diamond si è ritirato dalle scene perché ha cominciato la sua battaglia con il Parkinson.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
ITALIA
4 ore
Non Matteo ma Mattia: ecco con chi sta Melissa Satta
Il settimanale Oggi ha beccato la showgirl con il suo nuovo partner
STATI UNITI
6 ore
Caso Evermore, la controquerela di Taylor Swift
La popstar va all'attacco del parco a tema che l'accusa di violazione di copyright per il nome del suo ultimo album
STATI UNITI
9 ore
Ignoto spara al dog sitter di Lady Gaga e le ruba i cani
La cantante offre una ricompensa di 500'000 dollari a chi fornisca informazioni utili a ritrovarli.
ITALIA
10 ore
Marica Pellegrinelli: «Quando stavo con Eros ero sempre sola»
La modella e attrice ha parlato del matrimonio con Ramazzotti
REGNO UNITO
12 ore
Magari non seguite le indicazioni sul Covid di Gwyneth Paltrow
E che suggeriscono una guarigione via detox, kombucha e docce a infrarossi. Critiche le autorità sanitarie britanniche
STATI UNITI / REGNO UNITO
14 ore
Harry e Meghan «delusi» per aver perso titoli e padrinati
Lo rivela una fonte vicina alla coppia. I due, però, «rispettano la decisione presa» dalla regina.
STATI UNITI
16 ore
Il Cecil Hotel: il fenomeno horror nella docuserie Netflix
Un delitto irrisolto, un mistero virale: un punto di partenza per una denuncia sociale
VIDEO
CANTONE
19 ore
Un "Mantra" da cui farsi trascinare, chiudendo gli occhi
Dalla collaborazione tra Kety Fusco e il pianista Lubomyr Melnyk è nata questa composizione.
STATI UNITI
1 gior
Quella volta che a 13 anni Drew Barrymore è finita in un ospedale psichiatrico
E ci è restata per parecchio tempo. «Ero così arrabbiata...Crescere sotto i riflettori è dura», ha confessato l'attrice
STATI UNITI
1 gior
Bruce Springsteen multato, ma non incriminato
Il cantautore ha ammesso in aula di aver bevuto «due shottini di tequila»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile