Keystone
Evi Romen
SVIZZERA
04.10.20 - 11:320

Lo Zurich Film Festival è rosa

L'Occhio d'oro è stato consegnato a tre registe: Garrett Bradley, Fernanda Valadez ed Evi Romen

Anche la Svizzera ha ottenuto un premio ieri sera a Zurigo.

ZURIGO - Trionfo per le donne allo Zurich Film Festival: i principali premi della 16esima edizione sono stati attribuiti a tre registe. I film "Sin señas particulares", messicano, "Time", americano, e "Hochwald", austriaco, vincono ciascuno un Occhio d'oro. Il premio del pubblico va a un film svizzero.

La cineasta messicana Fernanda ottiene l'Occhio d'oro come miglior film per il suo primo lungometraggio "Sin señas particulares", nel quale racconta la storia di una madre alla disperata ricerca del figlio, che lo si credeva morto e che è fuggito dal Messico negli Stati Uniti nella speranza di una vita migliore. La pellicola è stata proiettata in gennaio al Sundance Film Festival, dove ha ottenuto due premi.

Un altro vincitore a Sundance, "Time" dell'americana Garrett Bradley, ha ricevuto l'Occhio d'oro per il migliore documentario. La regista vi descrive in bianco e nero la lotta di una madre afroamericana e dei suoi sei figli per far liberare il marito dalla prigione: la coppia aveva rapinato una banca 21 anni prima.

Nella categoria film in lingua tedesca, l'Occhio d'oro è stato attribuito a "Hochwald" della regista austriaca Evi Romen. Nel suo primo film Romen descrive la relazione omosessuale tra un ragazzo di un paese dell'Alto Adige e il suo amico d'infanzia che vive a Roma come attore.

I tre premi dotati ciascuno di 25'000 franchi sono stati consegnati ieri sera al teatro d'opera di Zurigo.

Film svizzero premiato - Il premio del pubblico ha insignito quest'anno il lungometraggio svizzero "Sami, Joe und ich" di Karin Heberlein, che aveva già ricevuto il premio cinematografico delle Chiese zurighesi durante il festival. Il premio del film scientifico è assegnato al documentario svedese "I am Greta" di Nathan Grossman sulla celebre attivista per il clima.

Il premio dell'Associazione svizzera dei giornalisti cinematografici è andato al film documentario tedesco "80'000 Schnitzel" di Hannah Schweier. La regista di Monaco vi traccia il ritratto della propria famiglia che contro ogni buon senso economico tenta di salvare l'azienda famigliare con la fattoria e la locanda.

La migliore serie va alla produzione danese "Cry wolf" di Maja Jul Larsen. Il premio della giuria dei bambini va al "The Club of Ugly Children" di Jonathan Elbers dei Paesi Bassi. Infine il premio del pubblico del programma per bambini va a "Little Crumb" di Diede In't Veld, anche dei Paesi Bassi.

Keystone
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
ITALIA
4 ore
De Martino e la Boscono di nuovo insieme: fanno sul serio?
Il ballerino e la fotomodella paparazzati nuovamente
ITALIA
6 ore
Fabrizio Corona, è giallo sulla nuova compagna 
Per Dagospia l’ex fotografo sta per sposare una 47enne, lui smentisce
REGNO UNITO
10 ore
Le regole anti Covid valgono anche per i vip
Il governo britannico ha bacchettato Rita Ora e altri personaggi che non intendono rispettare le limitazioni.
GIAPPONE
11 ore
Principessa Mako: finalmente il via libera alle nozze
Dopo 3 anni, il principe Akishino si è detto favorevole al matrimonio della figlia con un cittadino borghese
ITALIA
14 ore
Roberto Bolle verso la pensione: «Ci andrò nel 2022»
Il ballerino italiano ne ha parlato nel corso di un'intervista
VIDEO
CANTONE
18 ore
Falesya, uno sguardo critico (e arrabbiato)
Il 3 dicembre esce "Reflections", il nuovo singolo della band metal-hardcore ticinese
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
John Travolta ringrazia i fan
L'attore ha apprezzato enormemente il sostegno ricevuto in questi mesi, dopo la morte della moglie
ITALIA
1 gior
Cesare Cremonini, il successo e il mostro che viveva dentro di lui
Il cantautore si è raccontato al Corriere della Sera
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
1 gior
"Elegia americana", basta una Glenn Close da Oscar?
Grande interpretazione per l'attrice, che punta finalmente a conquistare la statuetta, ma il film non convince
STATI UNITI
1 gior
Il reboot di "Bayside School" prende in giro la salute di Selena Gomez
I riferimenti al suo trapianto di rene hanno indignato i fan e portato i produttori a chiedere scusa pubblicamente
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile