Simone Pellicioli/Deposit
Simone Pellicioli con due libri della trilogia de "Il Signore degli Anelli"
CANTONE
30.06.20 - 06:000

Al parco Ciani con Tolkien: «Non è solo per i "nerd"»

Incontro «a 360 gradi» sull'autore de "Il Signore degli Anelli" e sulla nuova, controversa traduzione della trilogia.

LUGANO - Dopo una complicata disputa tra la casa editrice e la vecchia traduttrice e tra quest’ultima e il nuovo traduttore, lo scorso anno è stata pubblicata la nuova controversa traduzione italiana de “Il Signore degli Anelli” (“La Compagnia dell’Anello”), che è stata seguita quest’anno dal secondo volume della trilogia (“Le Due Torri”). In attesa de “Il Ritorno del Re”, in uscita in luglio, l’esperto di Tolkien e docente di italiano alle medie di Massagno Simone Pellicioli parlerà della nuova edizione e di molto altro in un incontro «a 360 gradi» sul mondo del grande autore britannico.

Avrà luogo mercoledì 1° luglio alle 18 al Boschetto del Parco Ciani a Lugano o, in caso di cattivo tempo, nella Biblioteca Cantonale. Master in Letteratura e filologia e in Scienze dell’educazione a Friborgo, Pellicioli ci ha spiegato cosa attenderci da questo evento organizzato nell’ambito della rassegna del LongLake Festival “Incontra uno scrittore al parco”.   

Dobbiamo aspettarci una conferenza su Tolkien o qualcosa di diverso?
«Sarà un incontro-intervista moderato da Luca Saltini in cui si parlerà di J.R.R. Tolkien e del suo mondo a 360 gradi. Discuteremo della nuova traduzione, ma anche degli ultimi libri che ha pubblicato suo figlio, Christopher, che è deceduto proprio quest’anno e ha portato avanti un importante lavoro di recupero dei testi del padre dopo la sua scomparsa nel 1973. Tratteremo anche del film biografico su Tolkien uscito l’anno scorso e della nuova serie TV che stanno girando. Infine, parleremo del fantasy come genere».

Che tipo di pubblico frequenta questi incontri?
«Non esiste un pubblico specifico. Tolkien è stato letto da tantissima gente quindi vengono tutti i generi di persone: gli appassionati dell’autore (che possono essere giovani o giovanissimi), ma anche persone di una certa età interessate a questo mondo letterario o più in generale amanti della letteratura». 

Che cosa pensi della nuova traduzione di Ottavio Fatica?
«Da un punto di vista affettivo e nostalgico ovviamente si è legati alla vecchia traduzione di Vittoria Alliata perché è il primo testo che abbiamo letto, è il modo in cui abbiamo scoperto “Il Signore degli Anelli”. Inoltre, ci ha abituati ai nomi dei personaggi che conosciamo. Da un punto di vista più razionale e filologico, invece, la nuova traduzione ha una marcia in più perché riprende il testo originale in modo più fedele, riproduce la varietà di registri linguistici che voleva Tolkien e modernizza il testo per i nuovi lettori». 

Il tuo giudizio finale qual è?
«La nuova traduzione, ovviamente, divide il pubblico. C’è chi si schiera nettamente per il vecchio testo e chi invece apprezza la nuova versione. Dal mio punto di vista è molto buona e Fatica è un esperto, uno dei più grandi traduttori dall’inglese. Il pregio delle nuove traduzioni è, inoltre, di riuscire a far parlare delle opere e far sì che la gente le legga o rilegga».

Ma riusciremo mai a chiamare Samvise “Samplicio”, come lo ha rinominato il nuovo traduttore?
«Eh, non lo so, penso che sarà dura. Anche per me. Quei nomi sono nell’immaginario collettivo da un bel po’. I nuovi nomi, però, sono affascinanti perché offrono lo spunto per vedere i personaggi o i luoghi da un punto di vista diverso».

Qual è la cosa che più ti ha entusiasmato e quella che più ti ha deluso della nuova traduzione?
«L’aspetto che forse mi è piaciuto di più è quello dei registri linguistici. Ora si vedono delle differenze nel modo di parlare dei diversi personaggi che prima non c’erano. Capire il lavoro di Tolkien su questo punto è molto interessante. La rinominazione di alcuni personaggi e il linguaggio a tratti molto alto e ricercato utilizzato dal nuovo traduttore, invece, non mi convincono sempre e del tutto».    

Che cos’altro ti piace della nuova edizione di Bompiani?
«Un suo pregio è riuscire a smarcare il “Signore degli Anelli” dal mondo del fantasy e consegnarlo a quello dei classici del Novecento. Lo fa grazie a una grafica e a tutto un impianto nuovi. Nel mondo anglosassone il “Signore degli Anelli” è già un classico della letteratura. In ambito italofono negli ultimi decenni è stato un po’ relegato in uno spazio per "nerd" e appassionati del genere. Questa nuova traduzione vuole farlo ulteriormente conoscere a tutti».

Simone Pellicioli
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maurizia Zala 2 sett fa su fb
Bravo Simone
Ivan Esteves Da Cunha 2 sett fa su fb
Linda
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile