FreneticFilm
+3
CANTONE
20.11.19 - 11:000
Aggiornamento : 14:59

“L'ufficiale e la spia” è impeccabile, a differenza di Polanski

L'ultima pellicola del regista, che racconta l'affaire Dreyfus con maestria, è un'opera che non merita davvero di essere così controversa

LUGANO - È molto difficile parlare dell'ultimo film di Roman Polanski, “L'ufficiale e la spia” (anche se il titolo originale è decisamente meglio: “J'accuse”) ignorando del tutto la tempesta che aleggia da tempo attorno al regista. Ed è un gran peccato perché il film è davvero un lavoro magistrale che rischia di venir intaccato da cose che, in fin dei conti, gli sono aliene.

Non è sempre semplice, in questi casi, separare l'artista dall'uomo anché perché “J'accuse” è un'opera sulla giustizia a ogni costo, sulle falle della legge, sull'antisemitismo e sull'onore.

È un film “buono”, perché tiene evidentemente le parti della vittima - ovvero quel Dreyfus del celeberrimo "affaire" - e rende lo zelante Georges Picquart (un impeccabile Jean Dujardin) un eroe da film d'altri tempi. E questo, per quelli che puntano il dito contro Polanski, è semplicemente un affronto.

Tornando al film, è importante puntualizzare che non si tratta affatto di un kolossal, per budget e intenzioni: minimale, quasi spartano, tanto nell'esposizione (fatta benissimo) di una vicenda non proprio semplice - ma che risuona attuale anche oggi - quanto nelle scelte di regia. Ispirato il cast (se potete, guardatevelo in francese) e bellissima la fotografia.

Da vedere? Questa volta, dirvelo, non spetta a noi.

“L'ufficiale e la spia” sarà nei cinema a partire da giovedì 21 novembre.

FreneticFilm
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile