Emiliano Bechi Gabrielli
Christian De Sica il 27 novembre sarà al Palazzo dei Congressi
+ 3
LUGANO
20.11.19 - 06:000
Aggiornamento : 12:00

Christian De Sica: «Roma oggi è come Bagdad dopo le bombe»

Trovò Charlie Chaplin alquanto strano. Il suo antidepressivo si chiama Frank Sinatra. Questo e altro in un’intervista all’attore romano che il 27 novembre sarà al Palazzo dei Congressi

LUGANO - Parlare con Christian De Sica è come sfogliare un manuale di cinema. Tantissimi sono i racconti, gli aneddoti, gli incontri che ha fatto nella sua lunga carriera. È uno spasso ascoltarlo. E il pubblico ticinese potrà gustarlo il prossimo 27 novembre quando l’attore romano sarà al Palazzo dei Congressi di Lugano con lo spettacolo “Christian De Sica racconta Christian De Sica” per raccontare con parole e canzoni gli incontri della sua vita. In questo lungo percorso sarà accompagnato da Pino Strabioli e da una band. (Clicca qui per comprare i biglietti)

Nel suo nome è racchiusa una buona parte di storia del cinema italiano. Le capita di pensare al fardello che si porta addosso?
«È una bella responsabilità. Mio padre però non me lo ha mai fatto pesare. Ora questa mia storia ho deciso di raccontarla in teatro. Sarà una serata tra amici. Raccontare il privato puo’ essere imbarazzante ma puo’ essere  anche liberatorio e divertente. Lo faccio con grande piacere. Amo cantare, e attraverso la musica racconto la mia vita».

Il rapporto col pubblico sembra piacerle molto.
«Entro direttamente dalla platea e sto un po’ di tempo con loro per stabilire un rapporto amichevole. Lascerò la luce accesa per vedere le facce. Raccontarsi di fronte a un muro nero è impossibile, devo vedere gli occhi delle persone. E se vedo che si divertono mi allungo, se noto che si rompono le scatole me ne vado.  Accanto a me c’è Pino Strabioli che mi ricorda le cose del mio passato. Ce ne sono così tante che mica me le ricordo tutte da solo. Andiamo un po’ a braccio e ogni sera cambiamo il copione con aneddoti divertenti, romantici, tristi... un po' come la vita di ognuno di noi».

Tra tutti i personaggi che ha incontrato qual è la persona più geniale?
«Indubbiamente Charlie Chaplin. Purtroppo ero piccolo e non mi rendevo conto della sua grandezza. Ero all’hotel Flora di Via Veneto insieme a mia madre e Chaplin. Aspettavamo mio padre. Nell’attesa Chaplin iniziò a fare il giochetto della bombetta, la alzava senza toccarla con le mani. Quando arrivò papà gli dissi che c’era un vecchio scemo che faceva cose strane. Papà mi urlo e mi disse che quello era Charlot».

Se invece avesse la possibilità di fare una cena con un personaggio del passato con chi le piacerebbe cenare e perchè?
«Sicuramente con Frank Sinatra. L’ho conosciuto, ma anche  in quel caso ero molto giovane. È un mio idolo. Quando sono giù di morale, o devo pagare le tasse, metto un suo disco e mi passa tutto».

Lei è romano, secondo lei se i grandi attori romani e penso a Sordi, la Magnani, Rascel, Aldo Fabrizi dovessero vedere Roma oggi cosa penserebbero?
«Che è Bagdad dopo un bombardamento. Una città meravigliosa rovinata dalla maleducazione di alcuni romani e dai politici che non se ne sono occupati e non hanno intenzione di occuparsene». 

Se dovesse spiegare a un ventenne cos’è stato Vittorio De Sica, cosa direbbe?
«Oltre ad essere stato un grande attore, è stato uno tra i registi italiani che ha rivoluzionato il cinema mondiale. Un uomo che ad un certo punto ha sentito l'esigenza di raccontare la verità e presentare il reale stato dell’Italia. Ha avuto il coraggio di mettere la macchina da presa in mezzo alla strada, usando attori non professionisti,  e creare insieme a Rossellini e a Visconti il neorealismo». 

E se invece dovesse spiegare chi è Christian De Sica?
«Non so se sono un attore mediocre, bravo o pessimo, questo lo deciderà il pubblico.  Ma sono molto amato dai ragazzi, raramente ho visto così tanto affetto da parte dei giovani per un mio collega. Per strada mi chiamano zio e questo per me è una frustata di vitalità».

Attore e regista. Amato dal pubblico, molto meno dalla critica. Come mai?
«È vero, però con l’ultimo film che è appena uscito, “Sono solo Fantasmi”,  Mereghetti mi ha dato cinque e mezzo quando solitamente mi dà due. È triste dirlo ma l’Italia è un paese dove non ti perdonano il successo. Ho fatto oltre 100 film e anche quest’anno vincerò il biglietto d’oro per gli incassi del film "Amici come prima", e questo dà fastidio». 

Lei è stato figlio d’arte. Dicono che i figli d’arte hanno vita facile. È davvero così?
«In Italia non è come in Francia o negli Stati Uniti  dove c’è un grande rispetto per i figli d’arte e ci sono perfino delle dinastie di famiglie di attori. Quando ho iniziato  mi dicevano ‘ma che vuole quel rompicoglioni del figlio di De Sica’. Alla fine mi è andata bene». 

Nella sua lunga carriera ha qualche ricordo legato a Lugano?
«Come no. Mio padre era un giocatore patologico quindi siamo venuti spesso al Casinò di Campione e a Lugano a trovare amici che purtroppo oggi non ci sono più».

Biglietti acquistabili su biglietteria.ch

Emiliano Bechi Gabrielli
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
REGNO UNITO
3 ore
Cosa hanno in comune oltre al nome?
Le due Elizabeth hanno attirato l'attenzione dello stesso uomo
STATI UNITI
9 ore
Kim Kardashian, cinque operazioni chirurgiche dopo il secondo parto
La 39enne ha sofferto di preeclampsia durante le due gravidanze
STATI UNITI
12 ore
Nicki Minaj: «Più imprenditrice che cantante»
La cantante ha fatto sapere che non abbandonerà del tutto il mondo della musica, ma che in futuro vuole dedicarsi di più a progetti imprenditoriali
STATI UNITI
1 gior
Bufera su Clint Eastwood per il film "Richard Jewell"
La pellicola racconta fatti relativi all'attentato alle Olimpiadi di Atlanta
ITALIA
1 gior
Emma adora i suoi fan feticisti: «Sono i miei preferiti»
La cantante ha parlato delle sue ultime esperienze
STATI UNITI
1 gior
Neo e John Wick, ma il vero protagonista sarà Keanu Reeves
I quarti capitoli delle saghe di The Matrix e John Wick usciranno nelle sale lo stesso giorno. E la rete ha già ribattezzato il 21 maggio 2021 come il "Keanu Reeves Day"
ITALIA
1 gior
Michelle Hunziker: «Orgogliosissima di mia figlia Aurora»
La conduttrice è felice perché la figlia a 23 anni già lavora, è andata a vivere per conto suo e si mantiene da sola
ITALIA
1 gior
Lapo Elkann dà in beneficenza il suo guardaroba
I soldi delle vendite supporteranno un progetto della Fondazione LAPS: «I profitti serviranno a prevenire le dipendenze "tecnologiche" e al recupero dei minori che già soffrono di questo disturbo»
VIDEO
CANTONE
1 gior
La vita, Lucio Dalla e il nuovo disco: Philipp Fankhauser si racconta
Oggi esce "Let Life Flow" e il più importante bluesman svizzero è venuto a raccontarcelo
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
2 gior
Abbiamo fatto quattro chiacchiere con il cast di “Jumanji: The Next Level”
Ovvero Dwayne Johnson, Jack Black, Kevin Hart e Karen Gillan. Abbiamo parlato di giochi da tavolo, di cambio d'identità e di chi chiamano «nonno»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile