FOTO PETER BANKS
Charlie Cunningham.
REGNO UNITO
02.08.19 - 06:010
Aggiornamento : 10:04

Charlie Cunningham in... “modalità permanente”

Tempo fa Charlie Cunningham ha venduto la sua Telecaster per pagarsi un soggiorno di due mesi a Siviglia, dove invece poi si è stabilito due anni per focalizzarsi sulla chitarra classica e il flamenco

OXFORD - Una scelta non così comune, per chi, come Charlie, negli anni del liceo, ha militato in formazioni in cui basi ritmiche inarrestabili e distorsioni applicate alle sei corde danno vita a pareti sonore granitiche, a prova di bomba. 

Dopo avere scandagliato fondali hardcore, la sua sete di ricerca lo ha portato dritto verso la sperimentazione post-rock, per poi trovare la sua vera identità a Siviglia, in Andalusia, custodendo comunque tuttora dentro di sé qualsiasi tipo di suono attraverso cui si era fatto le ossa, mettendolo, in caso di necessità, al servizio della sua (nuova) musica.

Una volta rientrato in Inghilterra, non nel Bedfordshire dove è cresciuto, ma ad Oxford, ha sciorinato le sue (ammalianti) composizioni - alt-folk oriented -, costruite a ridosso di chitarra classica e voce, sui palchi dei pub cittadini, dando alla luce, nel corso degli ultimi cinque anni, tre ep - “Outside Things” (Outset Recordings, 2014), “Breather” (Kissability, 2015), “Heights” (Dumont Dumont, 2016) -, così come due album - “Lines” (Dumont Dumont, 2017) e, freschissimo di stampa, “Permanent Way” (BMG, 31 maggio 2019) -.

Charlie, raccontami il processo di lavorazione di questo nuovo album, “Permanent Way”...

«Raccoglie brani il cui embrione ha preso forma alcuni anni fa...».

Perché non li hai pubblicati prima?

«Sono stato a lungo in tour, e il tempo da dedicare ad essi non era mai abbastanza… Sapevo che sarebbe stato un processo di lavorazione meticoloso, più complicato - visto il coinvolgimento di più strumentisti  - rispetto alle mie produzioni precedenti, anche di “Lines”... Per cui dovevo fermarmi e riflettere… Ed è ciò che ho fatto…».

Per quale motivo la scelta di coinvolgere altri strumentisti nei tuoi ultimi lavori? A me non sembra che prima mancasse qualcosa…

«Credo si tratti di una progressione, di una maggiore apertura, che ha consentito di applicare alla mia musica, alle mie composizioni, quanto avevo sperimentato prima del flamenco…».

Difatti ho l’impressione di sentire meno riferimenti alla Spagna in questo disco, fatta eccezione per l’interludio...

«Beh, sì, è così… Per me era comunque importante documentare, anche in questo album, il fatto che la Spagna abbia tuttora un peso immenso sulla mia tecnica chitarristica e sul mio approccio allo strumento…».

Che vuoi dirmi del titolo dell’album, “Permanent Way” (“Modalità permanente”)?

«...Non sono molto bravo a spiegare determinati concetti... Ma posso dirti che ha a che fare con i naturali cambiamenti dentro cui ci porta lo scorrere del tempo e con l’essere in grado di riconoscerli: nel momento in cui ho iniziato a lavorare al disco, mi trovavo in quella fase…».

Una fase che ha dato forma ai testi, presumo...

«Beh sì… Versi e strofe, questa volta, sono più intimi, con un focus, in alcuni casi, sull’interazione che può scaturire tra le persone… Non volevo fare un disco che raccontasse soltanto di me, di Charlie, ma della gente, dell’essere umano…».

Non hai mai suonato in Ticino, quando pensi di passare da queste parti?

«Non saprei, ma spero accada presto. Per il momento ho due date pianificate in Svizzera, a ottobre: l’8 a Losanna (Les Docks) e il 9 a Zurigo (Mascotte)».

Prima di concludere: non ti sei mai pentito di avere venduto la tua chitarra elettrica? Una Telecaster, per di più...

«(ride) Posso dirti che il giorno in cui la ricomprerò, tornerò sicuramente sulla Fender Telecaster… Non ho dubbi...».

Info: charliecunningham.com

 

 

 

 

 

 

 

 

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
STATI UNITI
1 ora
Harry Styles dal vivo a Inglewood, ecco com'è stato il concerto
A cui hanno partecipato anche quattro nostri lettori. Per l'occasione il cantante britannico ha cantato per intero tutto il suo nuovo album, e...
CANTONE
6 ore
Fa furori lo speaker ufficiale dell’Inter ingaggiato a Locarno
Gran colpo di mercato piazzato da Radio Ticino. A tu per tu con Mirko Mengozzi, voce dei nerazzurri a San Siro
STATI UNITI
17 ore
J.J. Abrams per promuovere l'ultimo Star Wars è andato su... Fortnite
Sì, avete letto bene, e l'evento esclusivo (con una clip inedita mostrata ai gamer) ha intasato i server del famosissimo videogioco
REGNO UNITO
19 ore
180mila franchi per gli occhiali da sole di John Lennon
Li ha ceduti l'ex autista dei Beatles, Alan Herring
REGNO UNITO
21 ore
Colin Firth divorzia ed è subito trending topic su Twitter
Sui social le fan si sono scatenate lanciandosi in improbabili offerte di matrimonio
STATI UNITI
1 gior
Ecco i segreti per un matrimonio perfetto (secondo Nick Jonas)
Che, malgrado sia convolato a nozze da poco meno di un anno con Priyanka Chopra, sembra aver le idee ben in chiaro
FOTO
REGNO UNITO
1 gior
La corona a Miss Giamaica: è lei la nuova Miss Mondo
È il quarto successo per una miss giamaicana. Sul podio dietro di lei Miss Francia e Miss India
REGNO UNITO
1 gior
Cosa hanno in comune oltre al nome?
Le due Elizabeth hanno attirato l'attenzione dello stesso uomo
STATI UNITI
2 gior
Kim Kardashian, cinque operazioni chirurgiche dopo il secondo parto
La 39enne ha sofferto di preeclampsia durante le due gravidanze
STATI UNITI
2 gior
Nicki Minaj: «Più imprenditrice che cantante»
La cantante ha fatto sapere che non abbandonerà del tutto il mondo della musica, ma che in futuro vuole dedicarsi di più a progetti imprenditoriali
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile