I ...Piace? in trasferta a Venezia per la realizzazione del video di "Hey!", brano nato dal sodalizio con i bellunesi Rumatera.
CANTONE
02.04.19 - 06:010

Pura passione e follia nella ricetta dei ...Piace?

Pubblicato poche settimane fa "Gurken", il nuovo album, il quinto registrato in studio, dei punk rockers locarnesi ...Piace?. Ne abbiamo parlato con Dodi, il vocalist

LOCARNO - Sulle scene da dodici anni, il gruppo - nelle cui fila, oltre a Dodi, attualmente militano Ricky (chitarra), Teo (chitarra), Gnörk (basso) e Togn (batteria) - ha dato alla luce un’ennesima produzione che non tradisce affatto le aspettative.

Messa a punto tuttora dentro distorsioni punk rock - quello vero, genuino e soprattutto privo di inutili orpelli - (anche se non mancano le sperimentazioni dentro altri lidi sonori), "Gurken" - in cui sono confluite undici tracce più una bonus track - ha preso forma, rigorosamente, come oramai da tradizione, al di sopra di versi e strofe ironici e goliardici in dialetto ticinese. Sono diversi, inoltre, gli ospiti, che troviamo qua e là nella dozzina di canzoni...

Dodi, la vostra attività prosegue da anni senza battute d’arresto: qual è la ricetta? L’ironia?

«L'ingrediente principale è la pura passione per la musica, con l'aggiunta di un pizzico di follia e perseveranza».

Raccontami la genesi di questo nuovo disco...

«I primi embrioni dei pezzi (anche registrazioni solo vocali sul telefonino) hanno preso forma circa tre anni fa. Embrioni che in seconda battuta abbiamo elaborato, arrangiato e pre-prodotto tutti insieme trasformandoli in canzoni. Per le registrazioni siamo tornati da Roberto Colombo all'Heaven Recording Studio (HRS) di Lugano».

Cosa avete ascoltato in particolare durante il processo di lavorazione dell’album?

«Ognuno ha le proprie preferenze: dal punk rock al metalcore, dal classic rock al folk. Da questa moltitudine di generi e stili nasce la nostra musica, che di base è un punk rock melodico, a cui si aggregano diverse sfumature capaci di renderla, dal mio punto di vista, frizzante e variopinta... Difficile annoiarsi ascoltando questo nostro nuovo lavoro...».

Perché “Gurken”?

«Non c'è nessun motivo, è questa la cosa divertente. D'altronde, perché non intitolarlo così?».

Il disco conta diverse collaborazioni. Incominciamo da quella con i bellunesi Rumatera in "Hey!": come ha preso forma il sodalizio artistico?

«Abbiamo iniziato ad ascoltarli grazie a Gnörk, che li seguiva già da tempo. Li definirei, oltretutto, dei "cugini": le cose in comune sono tante... Cantiamo più o meno gli stessi temi (ognuno nel proprio dialetto), siamo tutti festaioli ed entrambi i nostri gruppi sono in attività dal 2007. Per cui, perché non tentare una collaborazione? Ci siamo conosciuti dopo un loro concerto e, in pratica, hanno accettato subito la nostra proposta: con molta umiltà, tra l'altro, che al giorno d'oggi non è affatto evidente... I Rumatera sono un "gruppone": fanno numeri da capogiro in Veneto, così come nell'intero Nord Italia e oltre...».

Poi troviamo i Vad Vuc (in "Sergei Gomornikov")… Che vuoi dirmi al riguardo?

«Beh, siamo amici da tempo... Viaggiamo da anni sul loro Trans Roonkaya Express e per noi è sempre un piacere averli ospiti in qualche brano...».

In "Bevom l'ültima, pü a nemm" figura soltanto Cerno (dei Vad Vuc, ndr)...

Interpreta un barista stufo degli avventori molesti… Serviva solo una persona, per questo motivo nel brano c'è soltanto lui...».

E di Mal, che vuoi dirmi?

«Nel disco, sì, c'è anche lui, sul finale de "Il cowboy col mulo beige"... Non voglio svelare altro, ma è stato divertente trovarlo in studio, così come assistere alla registrazione di "Piper", il suo ultimo singolo. È una bella persona e ha accettato subito molto volentieri di interpretare questa piccola parte...».

Tra tanta ironia, troviamo anche un pezzo che si colloca completamente all’opposto di tutto quanto: “Mama”. Vuoi approfondire?

«"Mama" è forse il brano che più stupirà il nostro ascoltatore abituale. È dedicato a mia madre, scomparsa quattro anni fa: l'ho scritto il giorno dopo la sua morte e l'ho messo nel cassetto, quasi dimenticandolo. Sono molto felice del risultato finale. Il videoclip verrà pubblicato il 6 maggio, in vista della Festa della mamma, con l'obiettivo di fare un regalo a tutti coloro che l’hanno persa: il risultato delle riprese, dal mio punto di vista, è spettacolare e molto suggestivo».

Info: piace.ch

 

 

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
STATI UNITI
1 ora
Jennifer Aniston fa il pieno: 20 milioni di follower per lei
L’attrice ha festeggiato il traguardo su Instagram postando un ironico video in cui piange dalla commozione
STATI UNITI
3 ore
Taylor Swift l'ha spuntata: potrà cantare le sue vecchie canzoni 
La cantante si esibirà in un medley ai prossimi American Music Awards. Continua il confronto con l'etichetta discografica Big Machine
STATI UNITI
5 ore
James Van Der Beek e la moglie hanno perso un bambino
La moglie Kimberly ha avuto un aborto spontaneo al quarto mese di gravidanza
STATI UNITI
7 ore
Tra Miley Cyrus e Cody Simpson sarebbe già finita
La cantante avrebbe deciso di «concentrarsi su se stessa»
STATI UNITI
9 ore
Kanye al lavoro con Dr. Dre per il seguito di “Jesus Is King”
I due si mostrano in studio insieme e annunciano che il disco uscirà a breve
GERMANIA
13 ore
Il ciclone Lizzo si svela: «Credo nel karma, cerco il nirvana»
La cantante-sensazione di quest'anno ci ha voluto parlare di com'è stato diventare così famosa di botto
FOTO
REGNO UNITO
1 gior
Sono loro i veri grandi influencer per il 2019
Stando al portale del fashion Lyst sono questi cinque che hanno fatto davvero "girare" la moda, li riconoscete?
REGNO UNITO
1 gior
Harry: «C’è sempre bisogno di una Greta che apra la strada»
Il duca di Sussex ha incoraggiato i giovani a lottare per ciò in cui credono durante gli OnSide Youth Zone Awards
STATI UNITI
1 gior
A Celine Dion manca il marito ma è aperta a un nuovo amore 
René Angélil è deceduto prematuramente tre anni fa
CANTONE
1 gior
Altri applausi per Fabio Andina e la sua "Pozza del Felice"
Lo scrittore ticinese si aggiudica il Premio Gambrinus “Giuseppe Mazzotti” per la letteratura di montagna, alpinismo, esplorazione per la sezione “Montagna: cultura e civiltà”
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile