CANTONE
28.06.18 - 06:010

Quando Salis incontrò Watson

L’hammondista ticinese Frank Salis presenta a JazzAscona un album di inediti inciso a New Orleans

ASCONA - Galeotto fu JazzAscona 2017. Fu lì, durante l'edizione di un anno fa, che Frank Salis, eclettico hammondista ticinese attualmente di casa a Losanna, incontrò Michael Watson, trombonista e cantante di New Orleans. I due, insieme per un progetto di r&b classico, avevano proposto all'interno di quella collaborazione una serie di brani firmati da Salis, per la parte musicale e gli arrangiamenti, e da Watson per i testi. Brani che sono andati a confluire in “Frank Salis meets Michael Watson”, album registrato a New Orleans che sarà presentato in anteprima europea venerdì 29 e sabato 30 giugno per JazzAscona 2018.

Frank, in questo progetto ti ritroviamo pianista e chitarrista. Com'è stato l'arrivederci all'Hammond?

È soltanto una pausa dal trio. Mi sono detto che poteva essere interessante e diverso dalla quotidianità fare qualcosa al pianoforte e alla chitarra (tra i miti di Frank c'è John Scofield, ndr). Devo dire che ho un modo di approcciarmi agli strumenti abbastanza univoco: datemi qualcosa da suonare, e ve lo suono...

“Frank Salis Meets Michael Watson”: da dove nasce l'idea di un disco?

A JazzAscona 2017 andò tutto talmente bene che qualcuno disse “ma dovete registrare!”, così alla fine di ottobre siamo volati a New Orleans. È stato Nicolas (Gilliet, il direttore artistico di JazzAscona, ndr) a propormi di presentarlo nuovamente al festival.

È stata la tua prima volta a New Orleans?

In assoluto. Anni fa ero stato a New York, che tutti mi avevano descritto come il centro del mondo, ma non ci avevo trovato tutta questa energia. Forse ero prevenuto da tutto quell'entusiasmo via terzi. E invece, andando a New Orleans senza troppe aspettative, e con poco tempo a disposizione, ho trovato una città meravigliosa, C'è musica dappertutto, c'è gente dappertutto. È esattamente come viene descritta.

Un'immagine con la quale sei tornato a casa?

L'idea che quelli di New Orleans si sentono americani a modo loro, per via del clima tropicale, che conferisce a tutti ritmi di vita da Sud America. L'altra cosa che mi ha colpito è che è uno di quei pochi posti al mondo dove se chiedi a un musicista come va economicamente ti dice che ha comprato una casa. Certo, non è tutto rose e fiori, ma di musica si può vivere. Tutto il mondo va lì per ascoltare musica, quindi si suona sempre. Tre concerti al giorno, dal pomeriggio, è un buon modo per restare in esercizio.

Quello con Watson non è il solo disco del 2018. Si affianca al tuo “Salis”...

Sì, “Salis” è stato realizzato con l'idea era di trovare una direzione più personale, che si distaccasse da tutto quello che è di solito l'organo Hammond. Ho cercato di trovare un suono mio, per il quale si possa dire “questo è Salis”.

Ora che sei stato a New Orleans, con quali occhi rivedi JazzAscona?

Fedelissima all'originale. Nicolas fa un gran bel lavoro qui e in Lousiana, è un punto di riferimento. “Prima o poi, se tutto va bene, vado a JazzAscona” dicono i migliori musicisti di New Orleans.

Il tuo mondo è il palco, ma anche la didattica...

Sì, un lavoro bello e interessante, ma anche un punto di riferimento per non dover accettare tutto musicalmente, una sorta di cuscino che la mia stessa professione mi ha procurato e che mi permette di pagarmi un sogno come quello di lavorare con artisti americani. C'è chi preferisce investire i propri guadagni in due settimane alle Maldive, e non nego che sia una bellissima scelta. Io preferisco incidere un disco. Ho cominciato a suonare con l'intenzione di vivere questi momenti...

Info: jazzascona.ch

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
CANTONE
1 ora
Il ritorno di Iris Moné con “Soul Sister”
«È un pezzo sull'amicizia», racconta la cantante ticinese che è reduce da un mini-tour di successo in America Centrale
ITALIA
2 ore
Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez si sono sposati?
La cerimonia si sarebbe tenuta in gran segreto in Marocco
LUGANO
6 ore
"L’altra metà" di Renga: «Volevo fare musica che piacesse anche ai miei figli»
Il cantante italiano sarà protagonista al Palazzo dei Congressi di Lugano domenica 1 dicembre. Biglietti disponibili su Biglietteria.ch
STATI UNITI
15 ore
Gigi Hadid e Zayn Malik, un ottimo rapporto 
Sembra che la modella abbia ricominciato a sentire il cantante dopo essersi lasciata con Tyler Cameron
STATI UNITI
17 ore
Ecco qui tutti i nominati per gli "Oscar della musica"
E sarà un faccia a faccia all'ultimo premio fra Billie Eilish e Lizzo, terzo incomodo fra le due sarà il rapper country Lil Nas X
STATI UNITI
20 ore
La moglie di James Van Der Beek ha rischiato la vita durante l'aborto 
Kimberly ha voluto ringraziare tutti per l'affetto ricevuto
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
“L'ufficiale e la spia” è impeccabile, a differenza di Polanski
L'ultima pellicola del regista, che racconta l'affaire Dreyfus con maestria, è un'opera che non merita davvero di essere così controversa
VIDEO
LUGANO
1 gior
Christian De Sica: «Roma oggi è come Bagdad dopo le bombe»
Trovò Charlie Chaplin alquanto strano. Il suo antidepressivo si chiama Frank Sinatra. Questo e altro in un’intervista all’attore romano che il 27 novembre sarà al Palazzo dei Congressi
STATI UNITI
1 gior
Jennifer Aniston fa il pieno: 20 milioni di follower per lei
L’attrice ha festeggiato il traguardo su Instagram postando un ironico video in cui piange dalla commozione
STATI UNITI
1 gior
Taylor Swift l'ha spuntata: potrà cantare le sue vecchie canzoni 
La cantante si esibirà in un medley ai prossimi American Music Awards. Continua il confronto con l'etichetta discografica Big Machine
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile