ITALIA
16.05.17 - 11:000
Aggiornamento : 11:51

Le parolacce di Ruffini all'evento sul cyberbullismo

I ragazzi in sala si sono divertiti, la ministra dell'Istruzione: «Mi sono tappata le orecchie»

MILANO - Ha fatto discutere l'intervento di Paolo Ruffini durante l'evento "Condivido - Il Manifesto della comunicazione non ostile nelle scuole", che si è tenuto in contemporanea a Milano, Trieste, Cagliari e Matera e al quale hanno partecipato un migliaio di scuole italiane in diretta streaming.

Il comico italiano, che sarà a Lugano il 28 maggio con il suo ultimo spettacolo, ha condito il suo intervento con molte parolacce. «Chiedo scusa alla suora, al preside e alle istituzioni, al ministro, a tutti, ma fatemi dire le parolacce. Fatemele dire. Posso dire un’altra cosa? La volgarità non è dire cazzo, ma la violenza. È più volgare uno schiaffo che non dire vaffan....».

I ragazzi in sala si sono divertiti per le uscite di Ruffini, forse meno i docenti e la ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli un po' meno: «Mi sono tappata le orecchie» ha dichiarato quest'ultima. Molto poco l'apprezzamento in Friuli Venezia Giulia, dove lo streaming è stato interrotto.

TOP NEWS People
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report