Foto Marcus Maschwitz
In primo piano Rob Damiani.
SVIZZERA/REGNO UNITO
11.10.16 - 06:000
Aggiornamento : 11:22

Don Broco, pronti a infiammare il Foce

In attesa di vedere i Don Broco esibirsi sabato 15 ottobre tra le mura del Foce di Lugano, abbiamo scambiato quattro chiacchiere con il vocalist della giovane band britannica, Rob Damiani

LUGANO - Dopo uno strepitoso live tenuto nell’ambito del LongLake Festival nel 2015, Rob e i suoi compagni di viaggio - Simon Delaney (chitarra), Tom Doyle (basso) e Matt Donnelly (batteria) - tornano così a calcare il palco alle nostre latitudini.

Rob, come è iniziata questa grande avventura...

«La band ha mosso i primi passi ai tempi della scuola, oramai quasi dieci anni fa. Tutto è iniziato durante le vacanze estive: andai a casa di Doug, un vecchio amico, impegnato con le prove della sua band, all’interno della quale già militavano Simon, Matt e il primo bassista dei Don Broco, Luke. Inizialmente, mi dilettavo con le percussioni, ma dopo un mese Doug decise di accantonare il progetto… Andava sostituito, e io presi il suo posto alla voce...».

Cosa ascoltavate all’epoca?

«Gli Incubus… Ho sempre pensato che i nostri primi tentativi compositivi fossero la brutta copia di alcuni loro brani… (ride)».

Quali le erano le cover, in quel primissimo periodo, all’interno della scaletta del gruppo?

«Calcola che la setlist del nostro primo live contava soltanto una nostra canzone. Le altre erano cover dei Deftones, dei Bloodhound Gang e, come puoi immaginare, degli Incubus…».

Spiegami le origini del nome Don Broco...

«Inizialmente, avevamo pensato a Don Loco ma, dopo una rapida ricerca in rete, abbiamo scoperto che un dj aveva optato per questa scelta già qualche tempo prima di noi… Poco dopo, Simon si è rotto il polso giocando a calcio:  io e gli altri, per prenderlo in giro, lo chiamavamo Don Broke-O… È partito tutto da lì...».

Avete mai pensato di ristampare il vostro primo ep autoprodotto, “Big Fat Smile” (2010)? Ora come ora non così semplice reperirlo…

«Forse un giorno accadrà, perché no… Per il momento, però, consiglio di tenere d’occhio Ebay!».

Cosa vuoi dirmi di “Priorities” (Search and Destroy/Sony, 2012), il  primo album?

«In un modo o nell’altro racconta le scelte che ognuno di noi fa nella vita: scegli ciò che per te è più importante in quel preciso momento e dopo qualche tempo fai i tuoi bilanci...».

Come vi siete sentiti durante il processo di lavorazione, rispetto all’autoproduzione precedente?

«Diciamo che non abbiamo registrato la prima cosa che ci passava per la testa, come facevamo prima… (ride)».

Ora raccontami di “Automatic” (Epic, 2015), il vostro secondo (e ultimo) album…

«Abbiamo incominciato a focalizzarci sul disco tra giugno e agosto 2014: un’estate molto calda, anche in Inghilterra. Immagino sia questo il motivo per cui il disco ha preso, alla fine, una “direzione estiva”...».

Perché “Automatic”?

«Come gruppo, nel corso del tempo, abbiamo imparato a reagire immediatamente alle opportunità, magari anche cambiando i piani… Alla base della scelta, c’è questo fattore...».

Uno dei singoli di “Automatic” si intitola “Superlove”... Cosa vuoi dirmi al riguardo?

«Non parliamo di un amore positivo, ma di una dipendenza… Puoi provare amore per una persona, per un lavoro, per un hobby… Ma se getti tutto il resto fuori dalla tua vita, non è un amore sano…».

Cosa avete ascoltato, in particolare, durante lo sviluppo dell’album?

«Simple Minds, Inxs, Tears For Fears, Police...».

Qual è l’ultimo album che hai comprato?

«“That’s The Spirit” (Columbia, 2015), l’ultimo dei Bring Me The Horizon».

Siete al lavoro sul terzo disco?

«Qualche idea c’è… L’obiettivo è portarlo a termine entro l’estate 2017…».

Prevendita: biglietteria.ch

Info: donbroco.com

 
TOP NEWS People
STATI UNITI
14 min
"Warrior Nun": la serie Netflix è già un cult
Da pochi giorni disponibile sulla piattaforma, lo show con le “suore guerriere” è già uno dei titoli più caldi
STATI UNITI
29 min
Presidente Kanye? Il primo sondaggio non va benissimo
Il rapper ha annunciato l'intenzione di candidarsi la scorsa settimana. E la strada è decisamente in salita
CANTONE
3 ore
Out of Chaos «è più un rito che un pezzo musicale»
Il Lugano Percussion Ensemble eseguirà questa sera una composizione scritta per l'occasione da Zeno Gabaglio
ITALIA
15 ore
Dayane Mello avverte Belen: «Attenta ad Antinolfi!»
La showgirl all’argentina: «Stava con me, vuole solo popolarità»
STATI UNITI
17 ore
Due dei presunti killer di Pop Smoke rischiano la pena di morte
La procura distrettuale di Los Angeles ha incriminato quattro persone, fra cui 2 minorenni, per l'omicidio
VIDEO
ITALIA
19 ore
Renato Pozzetto compie 80 anni
Spettacoli, cabaret, musica e cinema. Non manca niente nel curriculum del grande comico
SVIZZERA
19 ore
A Erika Stucky il Gran Premio svizzero di musica
Tra i premiati c'è anche un ticinese: Francesco Piemontesi
STATI UNITI
21 ore
Morto Grant Imahara, volto di MythBusters
La causa potrebbe essere un aneurisma cerebrale. Aveva 49 anni
STATI UNITI
23 ore
Naya Rivera, il cordoglio di amici e colleghi
La coincidenza delle date: il suo corpo è stato ritrovato il 13 luglio, a sette anni esatti dalla morte di Cory Monteith
LOCARNO
1 gior
Il corto (ticinese) che ha convinto il Pardo e Werner Herzog
Si intitola "Grigio. Terra bruciata", realizzato dal regista Ben Donateo, ed è stato selezionato per i "Pardi di domani"
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile