SUPSI
23.01.18 - 07:000

Docente delle elementari, una professione solo femminile?

Intervista a Alessandro Moretti, maestro delle elementari, docente di pratica professionale e formatore alla SUPSI

 

Chi sei?

Mi chiamo Alessandro Moretti, da 27 anni sono docente di scuola elementare. Insegno a metà tempo a Ponte Tresa, sono docente di pratica professionale e da tre anni anche formatore al Dipartimento formazione e apprendimento della SUPSI.

Come mai pochi uomini scelgono la professione di docente? Tu perché l’hai scelta?

Credo che gli uomini scelgano poco questa professione soprattutto perché non ci sono molte possibilità di fare carriera. Per quanto mi riguarda, sin da ragazzo mi è piaciuto stare a contatto con bambini e ragazzi: sono stato animatore in un gruppo scout e da qui è nata la passione per il tramettere qualcosa agli altri. Ho anche una sorella che è docente e quindi il “tema scuola” è sempre stato presente nella mia vita.

Oggi però troviamo sempre più raramente “ul sciur maestro”…

Viviamo in una cultura in cui la figura del docente è pensata al femminile. Per insegnare serve ascoltare e accogliere: si può pensare che questa sia una prerogativa femminile, ma non è sempre vero e non è vero che gli uomini non sappiano o non possano imparare a essere empatici e accoglienti.

Com’è la vita del docente fuori dall’aula?

È un mestiere che ti coinvolge e che ti fa vedere spesso le cose in “modalità docente”. Chi è docente non smette di esserlo neanche fuori dall’aula!

TOP NEWS Supsi
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report