Immobili
Veicoli
Foto CR
Vista sulla Aare
SOLETTA
28.01.22 - 15:540

La bella città barocca di Soletta

Reportage all’insegna della storia, cultura e della gastronomia

SOLETTA - Soletta non offre solo piaceri per il palato e per gli occhi, ma anche alloggi attraenti, luoghi conosciuti e sconosciuti aspettano di essere esplorati. Io vi ho passato un fine settimana per scoprire questa città, davvero bella e particolare. Sotto l’attenta guida di Susanne Im Hof ho fatto un’immersione nella sua storia.

La storia della città di Soletta è strettamente legata al "sacro" numero 11. Agli abitanti di Soletta di tutte le generazioni piace persino riferirsi all'"11" come a un numero magico o addirittura sacro. L'uso del numero 11 è una tradizione che risale alla storia ed è ancora vissuta in molti modi oggi. Alcuni riferimenti al numero 11 sono stati tramandati dal passato. Secondo la leggenda, i due santi cittadini Urs e Viktor servirono nell'undicesima legione tebana durante l'impero romano e furono decapitati a Salodurum (Soletta) perché erano cristiani. Così Soletta è elencata come l'11° stato della Confederazione nella lista dei cantoni. 11 chiese e cappelle, 11 fontane e 11 torri fanno parte del paesaggio urbano. La serie di undici dai tempi precedenti è continuata con 11 gilde, balivi, canonici e cappellani ciascuno.

Il capolavoro degli "undici magici" è la cattedrale di St. Ursen, oggi simbolo di Soletta. Nel 1762, il capomastro Gaetano Matteo Pisoni di Ascona fu così affascinato dall'"atmosfera undicenne" che adattò la chiesa architettonicamente ad essa, e questo in meno di 4 mesi (così si racconta). La monumentale scalinata che porta al cancello d'ingresso è composta da 3 volte 11 gradini. Il campanile misura 6 metri per 11, 11 campane sono appese nella torre, 11 altari adornano la cattedrale che sono visibili contemporaneamente da un solo punto della navata principale, dall'undicesima pietra nera. I banchi di preghiera sono disposti in file di undici. Il numero di canne del grande organo è divisibile per 11. Ci vollero esattamente 11 anni per costruirla, dal 1762 al 1773. Se vi recate una volta guardate il tetto affusolato della chiesa parrocchiale di Ascona e vi riscoprirete la somiglianza con quello di Soletta.

Roma, Venezia, Madrid, Lisbona, Torino, Vienna, Londra, Stoccolma, L'Aia, Napoli, Costantinopoli e Solothurn. Cosa hanno a che fare queste città di dimensioni e importanza così disuguali tra loro? Cosa giustifica il fatto di menzionare metropoli europee come Roma, Napoli o Londra, che già secoli fa avevano diverse centinaia di abitanti, nello stesso respiro di Solothurn - quella piccola città svizzera che aveva meno di 4.000 abitanti intorno al 1800 ed era quindi - in termini demografici - un grande villaggio? Nel XVII e XVIII secolo, tutte le città erano sede di un ambasciatore francese. In altre parole, un ambasciatore permanente del più alto rango diplomatico curava gli interessi del re di Francia in queste capitali e città di residenza. Questo era il caso della Confederazione dal 1522.

La città barocca di Soletta e i suoi affascinanti dintorni invitano ovviamente a soffermarsi. Solothurn - la città della cultura con fascino e qualità di vita. In pochi minuti, per esempio, si è in campagna e quindi in un'area ricreativa locale che offre una grande varietà di attività per il tempo libero quali escursionismo, ciclismo, arrampicata, parapendio, equitazione, ecc. Oppure una crociera sul fiume Aare, sulla rotta Solothurn- Biel, è considerata la più bella crociera fluviale della Svizzera. Sulla strada, vale la pena fermarsi al santuario delle cicogne di Altreu con il suo gran numero di cicogne che vivono libere. In un prossimo articolo vi porterò sulla montagna di Soletta, il Weissenstein e nelle gole della santa Verena.

Soletta è anche la città dei musei: i vi accompagnerò, nel mio prossimo articolo, a scoprire il museo d’arte, il Kunstmuseum, e il curioso museo Blumenstein situato in una storica villa estiva.

La città e la regione di Soletta hanno anche molto da offrire in termini di delizie culinarie. Regione Soletta Turismo fornisce una panoramica di dove puoi indulgere in delizie culinarie a Soletta. Durante il mio soggiorno ho mangiato al Baseltor, un ottimo ristorante slow food. Ve lo raccomando: piatti creativi e orientali e servizio gentilissimo.

Se cercate un albergo, allora vi consiglio nell'ex casa delle suore del vecchio ospedale, l’Hotel an der Aare, dove un'infrastruttura elegante e moderna è integrata con gusto nel tessuto storico del 18° secolo. Le spaziose e comode camere offrono una vista sull'Aare, sulle montagne del Giura e sul centro storico di Soletta (vedi foto, scattata direttamente dalla camera). Un segreto: fatevi mostrare la vecchia farmacia. Bellissima.

Il mio reportage da Soletta non finisce qui: nel prossimo articolo parlerò di due musei, diversi e particolari. Seguitemi.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 
Link utile: www.viaggirossetti.ch 
www.instagram.com/viaggirossetti 

ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile