Foto CR
VALLESE
26.06.19 - 07:000

Transumanza dei San Bernardo, la tradizione continua

Grande successo per la salita all’Ospizio sulla storica “Via Francigena”

MARTIGNY – Un folto pubblico di amici, donatori e collaboratori della Fondation Barry ha accompagnato i 22 cani lungo lo storico percorso all’Ospizio del Gran San Bernardo. Baciati da uno splendido sole e immersi in uno spettacolo naturale davvero unico, caratterizzato da prati in fiore, campi di neve e ruscelli, il gruppo è salito sul sentiero della “Via Francigena” fino a raggiungere i quasi 2'500 metri di altitudine. Tre ore di cammino, chiacchiere, carezze ai cani e un aperitivo con prodotti del territorio.

La salita è voluta per ricordare un luogo simbolico e una storia fatta di canonici, pellegrini e cani San Bernardo. È attorno alla metà dell’anno 1000 che arriva anche San Bernardo da Mentone, che fa costruire un ospizio per accogliere quei viandanti che si avventurano tra quelle montagne in ogni stagione e che lui, arcidiacono di Aosta, era solito soccorrere quando arrivavano al piano stremati dopo aver superato il Col Joux, il colle di Giove dei Romani. Da allora, l’ospizio ospita i canonici e i celebri cani che, grazie al loro fiuto sensibile, aprivano la strada ai soccorritori e riuscivano a ritrovare i malcapitati, dispersi o sepolti nella neve. Nel corso del secolo scorso, il loro prezioso fiuto sarà poi sostituito da quello più tecnologico dei moderni apparecchi di ricerca-persone e dallo sviluppo del soccorso alpino e ora, grazie alla Fondazione Barry di Martigny i cani San Bernardo sono in servizio anche per attività e scopi sociali. 

La Fondazione Barry è proprietaria dell'allevamento più antico al mondo del cane nazionale svizzero, da quando, 14 anni fa, ha rilevato dai canonici del colle del San Bernardo il canile con i celebri San Bernardo. Questa importante istituzione ha sede a Martigny dove gestisce pure il curioso ed interessante museo Barryland.

Il successo di questo evento dimostra l’importanza che il pubblico attribuisce a queste occasioni speciali dedicate a tradizioni, leggende, luoghi e situazioni. Sono convinto che il settore turistico svizzero debba puntare proprio su queste iniziative che rendono la Svizzera un luogo di avventura e scoperta, per tutti i gusti.

 

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 

ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile