SSS
SSS - Scuole Specializzate Superiori
10.05.21 - 08:000

La scuola delle educatrici/ori di infanzia SSS, le ragioni di una scelta

Di Daniele Bui

La scuola si presenta, per diversi aspetti, come il riflesso della società e del proprio tempo. Le caratteristiche salienti della nostra epoca sono quelle della comunicazione, della velocità, del multiculturalismo, dell’incertezza e dell’instabilità. Una delle sfide più insidiose per il cittadino del XXI secolo risiede probabilmente nella capacità di adattamento ad una realtà sempre più complessa. Se ancora all’inizio del Novecento si era persuasi che il mondo rispondesse generalmente a leggi semplici, lineari e deterministiche e che solo alcuni ambiti periferici e marginali della realtà fossero ontologicamente complessi, oggi ci si è invece resi conto che la maggior parte del reale presenta le caratteristiche della complessità e che solo poche aree si prestano ad essere spiegate in termini di leggi, spiegazioni e previsioni semplici. Ci si è quindi convinti che per comprendere un universo complesso di fenomeni sia necessario il concorso di molteplici studi condotti da angolature diverse ma complementari per costruire un’immagine fedele della realtà che si intende studiare. Qualsiasi disciplina, per quanto importante, da sola potrà al massimo fornire una verità parziale del suo ambito conoscitivo.

Lo studio dell’infanzia non costituisce certo un’eccezione. Si è passati dal paradigma della pedagogia a quello delle scienze dell’educazione. Alla pedagogia non si attribuisce più il compito esclusivo di occuparsi dei processi educativi; questi ultimi si sono rivelati complessi in quanto situati all’intersezione di studi ed esperimenti promossi da svariate scienze umane tali da richiedere necessariamente un approccio interdisciplinare. Agli albori del XXI secolo la sfida è ormai quella di tentare di salvaguardare una coerenza unitaria al processo formativo malgrado il frazionamento del sapere risultate dalla molteplicità ed eterogeneità delle ricerche e dei risultati provenienti da discipline quali la filosofia, la pedagogia, la psicologia, la sociologia, la storia dell’infanzia, l’antropologia, la psicomotricità… cioè appunto dalle cosiddette scienze dell’educazione. Assistiamo oggi ad un’egemonia delle scienze empiriche dell’educazione intese come elaborazione di una pedagogia i cui punti di riferimento sono la sperimentazione, l’interdisciplinarità, la competenza metodologica. In particolare, si riserva un’attenzione meticolosa ai momenti dell’osservazione, della formulazione delle domande e delle problematiche, delle ipotesi di ricerca e delle strategie di verifica. Oltre a riconoscere l’importanza dei contributi delle scienze dell’educazione, la formazione delle educatrici/ori di infanzia si propone altresì di sottolineare anche la centralità dell’umano che sfugge alle impostazioni puramente sperimentali. Le esperienze emotive, interiori, relazionali rappresentano dimensioni fondamentali del bambino, dell’essere umano specifiche e irripetibili che non possono essere trascurate nell’elaborazione di un itinerario formativo dotato di senso, di solidarietà, di giustizia, di uguaglianza e di rispetto per l'altro. La formazione delle educatrici/ori di infanzia contempla quindi nella sua deontologia e nei suoi obiettivi una adeguata sensibilizzazione ai temi ed ai problemi dell’etica, dei diritti umani e del fanciullo che risulta imprescindibile, in particolar modo in una società multiculturale, multietnica e multireligiosa come la nostra.

Ebbene la Scuola delle educatrici/ori di infanzia intende offrire un ventaglio completo di competenze alle proprie studentesse e ai propri studenti affinché possano comprendere il caleidoscopico mondo dell’infanzia giovandosi di prospettive differenti ma complementari in modo da presentarsi preparate e preparati all’esercizio di una professione affascinante ma allo stesso tempo impegnativa, che richiede una disponibilità completa delle proprie risorse ed energie. Il lavoro assiduo di questi anni, svolto con dedizione e passione, dalle allieve, dai docenti, dalla Direzione e dalla Divisione della formazione professionale permette di vedere in questo percorso o itinerario pedagogico e didattico una formazione credibile, seria, affidabile e al passo con gli studi più aggiornati inerenti all’universo del bambino e dell’infanzia.

Scuola: Scuola specializzata superiore per educatori dell'infanzia (SSS) del Centro professionale sociosanitario (CPS)

Luogo: Mendrisio

Formazioni: educatrice/educatore dell’infanzia dipl.SSS 

Per maggiori informazioni: https://cpsmendrisio.ch/educatore-dellinfanzia-sss 

Tel     +41 91 816.59.61

decs-cps.mendrisio@edu.ti.ch 

Potrebbe interessarti anche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile