FOTO MS
Da sinistra Jack Hollister, Alex Bourner e Dean Oldfield venerdì scorso a Milano.
REGNO UNITO/ITALIA
06.06.18 - 06:000

Così incomincia la storia dei Loyal Brothers...

Pubblicato in cd e in digitale venerdì 1. giugno tramite la label indipendente Epictronic il primo album - omonimo - del trio britannico

 

di Marco Sestito

BASILDON/MILANO - Una produzione, questa, di cui il vocalist (il nipote di Martin Gore) Dean Oldfield mi aveva già parlato nell’estate 2017, ovvero alcuni mesi dopo avere ribattezzato il combo - da D.M.O. a Loyal Brothers - e poche settimane prima di entrare in sala di incisione, al Real Sound Studio di Langhirano (Parma), con il produttore Wahoomi Corvi.

Con Jack Hollister (chitarra, cori) e Alex Bourner (batteria, tastiere) Oldfield ha confezionato dodici tracce, recuperando il singolo “Just Love” (autoproduzione, 2016), così come “Ghost Man”, “She Lost Control”, “Rebel”, “Resurrection” e “Something of Nothing” dagli ep “Blacklisted” (autoproduzione, 2015) e “Resurrected” (autoproduzione, 2016), pubblicati a nome D.M.O. Tracce, queste, a cui il combo - sotto la guida di Corvi - ha dato una nuova vita, la seconda, eludendo deformazioni strutturali o altre inutili metamorfosi. Molto in sintesi, il disco, che conta anche altre sei tracce di ottima fattura, è un magnete, un magnete electro-pop che ti si incolla addosso al primo ascolto, di cui, poi, non puoi e non vuoi più farne a meno…

Ho incontrato Dean, Jack e Alex venerdì scorso a Milano, due ore prima che l’Epictronic Fest prendesse forma tra le mura del Blueshouse.

Come avete lavorato sulle nuove versioni dei brani pubblicati originariamente a nome D.M.O.?

Jack: «Diciamo che con l’apporto di Wahoomi, abbiamo ricostruito le canzoni a strati, tentando di mantenere intatto l’embrione di ognuna».

Ora, in rete, le prime versioni sono introvabili...

Jack: «D’altra parte, il progetto D.M.O. è un capitolo chiuso…».

Dean, l’anno scorso mi dicevi che la tracklist avrebbe raccolto anche “Ride On”, un altro brano inciso inizialmente a nome D.M.O.

«Alla fine abbiamo cambiato idea, magari finirà nel nostro secondo album…».

Raccontatemi le registrazioni…

Alex: «Abbiamo soggiornato all’interno del Real Sound Studio per l'intero mese di agosto. Inizialmente, sono state incise tutte le parti di batteria. Chitarre, synth e voce nel corso delle settimane successive...».

Il disco raccoglie anche sei tracce nuove di zecca…

Dean: «In realtà, ad “I Come Alive”, “Queen Bitch” e “Most Wanted Man” avevamo già lavorato qualche anno fa, nel periodo D.M.O. per intenderci. Quindi, definirei nuove “King”, “Backlash” e la traccia strumentale collocata in chiusura del disco, “(pmg)”».

Che vuol dire “(pmg)”?

Dean: «Progressive Music Groove».

È l’unico significato?

Dean: «No, in realtà ne ha un altro. “(pmg)” sono anche le iniziali del nome di mia nonna, Pamela Margaret Gore, che è morta l’anno scorso».

Info: loyalbrothersofficial.comepictronic.com

 

ULTIME NOTIZIE Musica
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile