Davide Giordano
CANTONE
05.04.19 - 06:010
Aggiornamento : 07.04.19 - 10:26

«Quanta fatica, ma oggi vi presentiamo il nostro “Captain Potato”»

Dopo due anni (e rotti) di lavori il videogame di due giovani ticinesi è pronto per il varo sabato 13 aprile al Japan Matsuri di Bellinzona

 

LUGANO - Spesso e volentieri la gente non immagina nemmeno quanto lavoro ci sia dietro a un videogioco. Di sicuro lo sanno Alessandro Padros e Johnny Pagani che sul loro game d'esordio “The adventures of Captain Potato” ci stanno lavorando più o meno da due anni e mezzo.

Il titolo, realizzato per la software house Graa di Lugano, verrà presentato in pubblico per la prima volta il prossimo sabato 13 aprile pomeriggio al Japan Matsuri di Bellinzona.

«Tutto nasce da... una serie di peluche di mia sorella», ci confida Alessandro che ha lanciato il progetto e si è occupato della storia e della programmazione, «una volta guardandoli mi è venuta questa idea: sarebbero dei protagonisti perfetti per un videogioco. Sono da sempre un appassionato di videogame, soprattutto quelli fantasy, come “The Legend of Zelda” e “Final Fantasy” e quindi volevo creare qualcosa che avesse lo stesso spirito, una storia profonda e il medesimo amore per i personaggi».

Ad aiutarlo a plasmare questo mondo fantastico la penna di Johnny, illustratore e fumettista. Ma com'è passare dalle tavole cartacee a un videogioco? «Non è una passeggiata c'è molta differenza, soprattutto per quanto riguarda le animazioni», ci spiega, «per quanto riguarda l'ispirazione mi sono lasciato influenzare dai grandi classici tipo “Pokémon” e “Dragon Quest”: quindi è tutto molto cartoonesco e colorato».

Dopo la presentazione di questo sabato “Captain Potato” sarà disponibile inizialmente in versione alpha per pc Windows sulla piattaforma di distribuzione digitale Steam: «Il nostro sogno è di portarlo un giorno anche su console», conferma Alessandro. 

La prova del joypad

La versione di “Captain Potato” che abbiamo provato era ancora work in progress ma ci ha impressionato positivamente. Convincenti i controlli (old-school, ma in senso buono) e piacevolissimo l'approccio grafico stra-curato. Se le promesse saranno mantenute, ci sarà davvero da divertirsi.

6 mesi fa Atmosfera giapponese in arrivo con il festival del Sol Levante
ULTIME NOTIZIE Games
VIDEORECENSIONE
GAMES
5 gior
La Nintendo Switch Lite rinuncia ad essere ibrida ma non è per forza un male
I papà di Mario hanno rimesso mano alla mini-console rendendo la più ergonomica, portatile e a prova di bambino
FOTO
GAMES
1 sett
I nostri 4 titoli preferiti della Netflix dei videogiochi di Apple
Che probabilmente avete sul vostro smartphone ma non ve ne siete accorti, a noi ha convinto ma forse non è proprio per tutti
GIAPPONE
2 sett
Sì, ci sarà una Playstation 5 e uscirà nel 2020 in tempo per Natale
Lo ha confermato Sony che, per ora, ha svelato solo alcune caratteristiche della nuova console che punterà molto su di un joypad rivoluzionario
FOTO
GAMES
2 sett
Quando il tradimento diventa un videogame di culto
Un po' storia interattiva e un po' puzzle, "Catherine" di Atlus ritorna in versione riveduta e corretta (ma è sempre un sacco bizzarro)
FOTO
GAMES
3 sett
PES 2020 ma quanta grinta, e il derby con FIFA è riaperto
Il simulatore calcistico di Konami non molla e quest'anno si ripresenta in grande spolvero e con una Serie A davvero perfetta
FOTO E VIDEO
GAMES
1 mese
E voi che pensavate che il vostro ufficio fosse un casino
Solo perché non avete ancora visto quello invaso da mostri multidimensionali di "Control" dei papà di "Max Payne" che è un sorprendente capolavoro
FOTO
GAMES
1 mese
"Man of Medan" e quella barca fantasma che non fa poi così paura
Il primo episodio della serie d'autore “The Dark Pictures Anthology” è un horror con molte falle ma c'è margine per migliorare
GAMES
1 mese
Metti un mostro nella tua arma: “Astral Chain” e il giocone che non ti aspetti
Tanto innovativo quanto bizzarro, il nuovo titolo di Platinum Games in esclusiva per Nintendo Switch è un poliziesco d'azione come non ne avete mai visti
FOTO
STATI UNITI
1 mese
In migliaia (e migliaia) incolonnati per giocare come 15 anni fa
“World of Warcraft” riparte da zero con una versione “Classic” (quasi) gratuita e tutta nostalgia
FOTO E VIDEO
GAMES
2 mesi
Due sorelle davvero bellicose all'assalto del Terzo Reich
Ambientato un 1980 alternativo e in mano ai nazisti, “Wolfenstein: Youngblood” prova a cambiare la sua formula in maniera coraggiosa
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile