AvanTi
GIAPPONE
16.06.21 - 08:000

Cellule di corallo coltivate in laboratorio

Per provare a salvare le barriere coralline uno studio giapponese ha creato linee cellulari di corallo in laboratorio

Un team di scienziati giapponesi è riuscito a far crescere stabilmente una specie di corallo in laboratorio. Si tratta di un risultato mai ottenuto finora, che potrebbe aiutare a studiare e favorire il restauro delle barriere coralline.
Le barriere coralline sono formazioni tipiche dei mari tropicali e sono costituite da innumerevoli e minuscoli invertebrati chiamati polipi di corallo, che a loro volta vivono in una particolare simbiosi con delle alghe unicellulari. Tramite la fotosintesi queste alghe producono l’ossigeno e lo zucchero assimilati poi dai polipi di corallo, i quali in cambio concedono alle alghe nutrienti e un habitat protetto. I polipi secernono calcio, costruendo gradualmente l'impalcatura nota come “corallo”, che impiega anche centinaia di anni per crescere e formare la cosiddetta barriera corallina.
Questi habitat naturali sono oggi minacciati dal riscaldamento delle acque marine e dall’acidificazione degli oceani. Se infatti l’acqua in cui vivono i coralli si riscalda, le alghe simbiotiche abbandonano i polipi, che quindi diventano incolori e creano coralli di un bianco lucente. Tale condizione è conosciuta come “sbiancamento dei coralli”. I coralli sbiancati sono fragili e inabitati, e non danno nutrimento ai pesci e alle altre creature del mare.
Anche l’acidificazione degli oceani rende più debole lo scheletro di calcio del corallo. Il grado di acidità dei mari è attualmente in aumento a causa della maggiore concentrazione di CO2 nell’atmosfera, che sciogliendosi in mare forma un acido debole che abbassa il valore del pH delle acque. I coralli, purtroppo, sono molto sensibili alla diminuzione del pH, poiché la loro calcificazione diminuisce in modo significativo rallentandone la crescita.
Per tutte queste ragioni, la ricerca giapponese, finanziata dalla Okinawa Institute of Science and Technology Foundation e realizzata con la collaborazione dell’Università di Kochi, si rivela preziosissima per la salvaguardia dei coralli. Gli scienziati, infatti, sono riusciti a coltivare con successo cellule di corallo in laboratorio. Nello specifico, i ricercatori sono stati in grado di stabilizzare linee cellulari di una specie particolare di corallo, la Acropora tenuis, che si trova soprattutto nella regione oceanica Indo-Pacifico e nel Mar Rosso.
L’importanza dell’essere riusciti a ottenere tali linee cellulari sta nel fatto che mentre le cellule ottenute dalle colture primarie hanno una durata limitata nel tempo, le linee cellulari continue sono cellule “trasformate”, cioè cellule che hanno subito una modificazione che le ha rese capaci di crescere indefinitamente. In effetti, durante la ricerca, sette degli otto tipi di cellule coltivate in piastre di Petri si sono dimostrate stabili e potevano continuare a crescere indefinitamente.
Inoltre, le cellule sono anche in grado di resistere al congelamento con azoto liquido, in modo da poter essere spedite ai laboratori di ricerca in tutto il mondo.
I risultati dello studio, pubblicato sulla rivista scientifica Marine Biotechnology, si rivelano quindi di enorme importanza in quanto potrebbero aiutare a proteggere e mettere al sicuro le barriere coralline, un meraviglioso scrigno di biodiversità messo purtroppo in pericolo dai cambiamenti climatici.

AvanTi
Ingrandisci l'immagine
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
14 ore
IBM pronta per la supremazia quantistica
Svelato Eagle, il processore da 127 qubit che batte tutti i supercomputer e porta il quantum computing nel mondo reale
AvanTI
3 gior
Una batteria ferro-aria economica e ricaricabile in grado di fornire energia per 100 ore
Sviluppata una nuova batteria per l’accumulo di rete che produce elettricità a un decimo del costo degli ioni di litio.
VIDEO
AvanTI
5 gior
Mini-eolico da parete per muri che producono energia
Piccoli generatori eolici incorporati nelle pareti degli edifici potrebbero sfruttare l’energia del vento nelle città.
AvanTI
1 sett
La presentazione dei regali aziendali proposti da sostenibiliTi per Natale 2021
Iscrivendosi al webinar del 23 novembre si potranno scoprire tutti i dettagli dell’iniziativa smart e sostenibile.
AvanTI
1 sett
Airbus svela la prossima generazione di CityAirbus
Il produttore europeo ha presentato la sua nuova soluzione di mobilità aerea urbana elettrica, sicura e sostenibile
AvanTI
1 sett
Un nuovo chip di plastica flessibile per “l’Internet of Everything”
Realizzato il primo processore non in silicio che potrebbe aggiungere funzionalità di elaborazione a qualsiasi prodotto.
FOTO
AvanTI
2 sett
Batterie allo stato solido grazie al legno
Un team di scienziati ha testato un elettrolita a base di cellulosa al posto dei ceramici con risultati super efficienti
AvanTI
2 sett
Un nuovo sistema di refrigerazione che non usa l’elettricità
Gli scienziati del KAUST stanno lavorando a un metodo di raffreddamento che utilizza solo luce solare e acqua salata.
AvanTI
2 sett
La coscienza potrebbe essere spiegata dalla fisica quantistica
Un nuovo studio sui frattali potrebbe fornire le basi per testare sperimentalmente la teoria della coscienza quantistica
FOTO
AvanTI
3 sett
Una mongolfiera spaziale per viaggiare nella stratosfera
Space Perspective sta sviluppando un sistema di palloni stratosferici per trasportare i turisti nello spazio.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile