AvanTi
AvanTI
10.05.21 - 08:000

La spugna che rende potabile l’acqua grazie al sole

Creata una spugna in grafite espansa che sfruttando l’energia solare può estrarre l’acqua potabile dall’aria e dal mare

Un team di ricercatori coordinato da Despina Fragouli del gruppo Smart Materials dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) ha annunciato, in un articolo pubblicato sulla rivista scientifica internazionale ACS Applied Materials & Interfaces, di aver creato un innovativo materiale che potrebbe rappresentare una soluzione a basso costo alla carenza globale di acqua dolce. Dopo anni di studi e approfondimenti sui nuovi materiali, infatti, i ricercatori hanno realizzato una spugna multistrato contenente grafite espansa che può rendere potabile l’acqua del mare e recuperare acqua dall’umidità dell’aria grazie all’energia solare.
Nello specifico, il team dell’IIT ha sviluppato una spugna ultraleggera e galleggiante che rientra nella categoria dei materiali fototermici, cioè quelli che si riscaldano con la luce del sole. La spugna si chiama HEPF, acronimo di Hydrophilically enhanced photothermal foam, ed è in grado di assorbire grandi quantità di acqua e di recuperarla in seguito con l’evaporazione veloce, partendo da una temperatura di 29 gradi, raggiungibile semplicemente tramite il riscaldamento solare.
Grazie alle sue caratteristiche, quindi, la spugna può generare acqua potabile a partire da acqua di mare e umidità atmosferica senza l’utilizzo di fonti energetiche aggiuntive, ovvero utilizzando solo l’energia della luce del sole.
Caratterizzata da una struttura tridimensionale di grafite espansa intrecciata all’interno di una rete polimerica di poliuretano e poliacrilato di sodio, la spugna «può essere usata per cicli multipli di idratazione/disidratazione e un solo grammo può raccogliere fino a circa 2 grammi di acqua in un ciclo», hanno spiegato i ricercatori. «Inoltre, se messa in contatto con acqua di mare riesce a rimuovere fino al 99,99% dei sali presenti, rendendo così l’acqua adatta ad essere bevuta».
L’innovativo materiale è stato prodotto con un metodo semplice, economico, facilmente scalabile e a ridotto impatto ambientale. È stato pensato per la realizzazione di dispositivi portatili in grado di recuperare l’acqua nelle zone più remote del pianeta o quelle colpite da disastri naturali. In effetti, potrebbe essere utilizzato nei paesi aridi vicino a specchi di acqua salata, o nelle imbarcazioni come metodo di emergenza in caso di carenza d’acqua dolce, o ancora, nei territori caratterizzati da elevata umidità ma con scarsa disponibilità di acqua potabile a causa di eventi catastrofici o contaminazioni.
Gli scienziati dell’IIT stanno ora lavorando a metodi di fabbricazione ancora più economici, a partire da materiali porosi provenienti da scarti della produzione alimentare e residui delle attività agricole, che ne rendano possibile la realizzazione su larga scala. Un ulteriore obbiettivo sarebbe quello di conferire a questo nuovo materiale più funzionalità per espanderne il suo campo di utilizzo, come ad esempio nel recupero e nella potabilizzazione di acque reflue derivanti da scarichi industriali o domestici.

AvanTi
Guarda le 3 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
ISRAELE
3 gior
La prima fabbrica al mondo di carne coltivata in laboratorio
La start-up israeliana Future Meat ha aperto un impianto in grado di produrre 500 kg di carne coltivata al giorno.
LUGANO
5 gior
Camillo Vismara SA aderisce al progetto sostenibiliTi in qualità di Heroes League Partner
L’azienda di Cadro sceglie di farsi promotrice di un cambio di passo dettato dall’amore per la propria terra
SVIZZERA
1 sett
I corsi della School of Disruption: l’e-learning per i lavori del futuro
L’iniziativa del SIDI consente di acquisire le competenze utili per cogliere nuove opportunità di lavoro e di business.
STATI UNITI
1 sett
Oggetti stampati in 3D che percepiscono l’interazione con l’utente
I ricercatori hanno integrato le capacità di rilevamento in metamateriali per creare dispositivi di input interattivi
ITALIA
1 sett
E se la realtà fosse un gioco di specchi quantistici?
Una nuova teoria del fisico italiano Rovelli suggerisce che la realtà potrebbe essere un gioco di specchi quantistici
MONDO
2 sett
Celle solari trasparenti che durano 30 anni
Dotate di una buona efficienza si potranno integrare in vetrate e infissi per trasformare le case in centrali elettriche
FOTO
STATI UNITI
2 sett
Una mano robotica gonfiabile con senso tattile
Creata una protesi che offre agli amputati un controllo tattile in tempo reale e consente una vasta gamma di attività.
STATI UNITI
2 sett
Google ha utilizzato l’Intelligenza Artificiale per disegnare i suoi chip
L’AI di Google ha auto-progettato i suoi chip impiegando solo 6 ore invece di mesi di lavoro da parte degli ingegneri.
FOTO
ISLANDA
3 sett
Entrato in funzione Orca, il più grande impianto al mondo per la cattura della CO2
Realizzato in Islanda, potrà assorbire circa 4.000 tonnellate di CO2 ogni anno, pari alle emissioni di 870 auto.
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Elon Musk svela il robot umanoide Tesla Bot
L’automa funzionerà con l’AI dei veicoli e affiancherà l’uomo per svolgere compiti pericolosi, ripetitivi e noiosi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile