AvanTi
ISRAELE
04.01.21 - 09:560

Uno studio israeliano ha scoperto come rallentare l’invecchiamento

Secondo la ricerca sessioni di ossigenoterapia in una camera iperbarica riducono il numero delle cellule senescenti

È certamente impossibile evitare il processo di invecchiamento, ma almeno si può tentare di rallentarlo. Ed è su questo principio che ha provato a lavorare un team di ricercatori israeliani guidato dal professor Shai Efrati dell’Università di Tel Aviv, insieme al dott. Amir Hadanny dello Shamir Medical Center, ospedale nel centro d’Israele. La loro ricerca presuppone che il rallentamento possa avvenire grazie alla possibilità di invertire il processo di invecchiamento biologico dell’essere umano tramite una tecnica relativamente semplice, ovvero somministrando ai pazienti l’ossigenoterapia in una camera pressurizzata.
Nello specifico, nello studio pubblicato a novembre sulla rivista Aging è stato dimostrato come sessioni di ossigenazione iperbarica abbiano portato a due risultati senza precedenti negli esseri umani. Il primo riguarda l’allungamento dei telomeri, la parte terminale dei cromosomi che contiene il nostro materiale genetico. La seconda concerne la riduzione delle cellule senescenti, cioè quelle cellule “vecchie” che nel tempo perdono la loro funzione fisiologica.
La ricerca è stata condotta su 35 volontari sani di età superiore ai 64 anni, i quali sono stati esposti a 60 sessioni iperbariche di un’ora e mezza l’una, cinque volte a settimana, per tre mesi. Gli scienziati hanno raccolto i campioni di sangue dei soggetti prima del trattamento, dopo il primo e il secondo mese della sperimentazione e due settimane dopo la fine della terapia. Nonostante nessuno dei pazienti abbia avuto cambiamenti nello stile di vita, nella dieta o nei farmaci durante lo studio, i risultati hanno evidenziato aumenti significativi nella lunghezza dei telomeri delle loro cellule, tra il 20% e il 38% a seconda dei diversi tipi di cellule, e una diminuzione del numero delle loro cellule senescenti tra l’11% e il 37% a seconda del tipo di tessuto.
Si tratta della prima volta che risultati del genere vengono osservati sugli esseri umani. Inoltre, fino ad oggi non era mai stato trovato alcun modo per allungare i telomeri. «Oggi l’allungamento dei telomeri è considerato il Sacro Graal della biologia dell’anti-aging», ha affermato il professor Efrati.
«Per questo, i ricercatori di tutto il mondo stanno cercando di sviluppare interventi farmacologici che vadano verso questa direzione. Il nostro protocollo Hbot (acronimo di Hyperbaric Oxygen Therapy) è stato in grado di raggiungere questo obiettivo, dimostrando che il processo di invecchiamento può essere invertito a livello cellulare-molecolare».
Studi precedenti del team di Efrati e Hadanny sui vantaggi della terapia iperbarica avevano già dimostrato il miglioramento delle funzioni cerebrali danneggiate da età, ictus o lesioni cerebrali. I risultati di questa ricerca, invece, potrebbero avere ripercussioni pratiche sul miglioramento della concentrazione, sulla velocità di elaborazione delle informazioni e delle reazioni, che sono tra i primi sintomi dell’invecchiamento riportati dalle persone sopra i 60 anni. «Stiamo andando indietro con il tempo», ha sintetizzato il risultato della scoperta il professor Efrati. Secondo lo studio, infatti, i risultati ottenuti equivalgono, a livello delle cellule del sangue, a un “salto nel tempo” di ben 25 anni indietro.

ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
1 gior
Un nuovo reattore a fusione nucleare potrebbe cambiare il mondo
Una serie di studi prova che SPARC, il reattore a fusione nucleare sviluppato dal MIT, in teoria dovrebbe funzionare
GERMANIA
3 gior
Powerpaste: un’innovativa soluzione per la mobilità a idrogeno
Realizzata una pasta a base di idruro di magnesio che consente di immagazzinare l’idrogeno e alimentare piccoli veicoli
AUSTRALIA
5 gior
Un rivoluzionario occhio bionico pronto per i primi test sull’uomo
L’impianto ottico dell’Università di Melbourne potrebbe consentire a pazienti non vedenti di recuperare la vista
STATI UNITI
1 sett
Un innovativo progetto per un razzo a riconnessione magnetica
Ideato un nuovo tipo di propulsore al plasma che sfrutta la riconnessione magnetica per ottenere la spinta del razzo
STATI UNITI
1 sett
IBM annuncia un computer quantistico a 1000 qubit entro il 2023
L’azienda informatica lancerà nel 2023 IBM Quantum Condor, il primo computer quantistico a più di 1000 qubit
STATI UNITI
1 sett
L’intero universo potrebbe essere una rete neurale
Una nuova teoria tenta di ridefinire la realtà fisica ipotizzando che tutto l’universo sia una rete neurale
STATI UNITI
2 sett
Nei robot si è accesa la prima scintilla dell’empatia
Realizzata per la prima volta una macchina capace di prevedere le azioni di un’altra semplicemente osservandola
AvanTI
2 sett
I data center del futuro saranno in fondo al mare?
Si è concluso con successo l’esperimento di Microsoft per verificare la fattibilità di porre un data center sott’acqua
REGNO UNITO
2 sett
Osservata per la prima volta interazione tra due “cristalli temporali”
La scoperta potrebbe essere utilizzata per migliorare gli orologi atomici e sostenere la coerenza quantistica
ISRAELE
3 sett
Una batteria per auto elettriche che si ricarica in soli 5 minuti
Una startup israeliana ha sviluppato una batteria pronta per il commercio che riduce drasticamente i tempi di ricarica
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile