Avanti
DANIMARCA
14.01.20 - 08:000

Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico

Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Bristol e della Technical University of Denmark, attraverso un articolo pubblicato sulla rivista Nature Physics, hanno rivelato al mondo di essere riusciti per la prima volta a teletrasportare un’informazione tra due chip non collegati fisicamente o elettronicamente. Gli scienziati sono stati in grado di effettuare questo teletrasporto servendosi di un fenomeno chiamato “entanglement quantistico”, ovvero un legame a distanza tra due particelle.
Secondo il fenomeno dell’entanglement quantistico, che appartiene esclusivamente al mondo subatomico e che può quindi apparire inverosimile nel mondo fisico a cui siamo abituati, cambiando le proprietà di una particella, anche l'altra cambierà all'istante, a prescindere dallo spazio che le separa. Nel loro studio, i ricercatori hanno generato coppie di fotoni entangled su due chip e hanno poi effettuato una misurazione quantistica su uno di essi. Tale osservazione ha modificato lo stato del fotone e il cambiamento si è verificato istantaneamente anche nel fotone partner presente nell'altro chip.
Il team di scienziati ha specificato che i precedenti esperimenti sono stati eseguiti da sorgenti multifotoniche e operatori multiqubit di alta qualità, ma sempre all’interno di un unico sistema integrato. Nello studio attuale, invece, si sono serviti di chip realizzati con silicio, in particolare di circuiti integrati ottici, non collegati tra loro. La percentuale di successo del teletrasporto è stata del 91% e i ricercatori sono riusciti a svolgere alcune altre funzioni che saranno importanti per il calcolo quantistico, come lo scambio di entanglement (in cui gli stati possono essere passati tra particelle che non hanno mai interagito direttamente attraverso un mediatore) e l'entanglement di ben quattro fotoni insieme.
«Siamo stati in grado di dimostrare un collegamento di alta qualità dell'entanglement tra due chip in laboratorio, nel quale i fotoni presenti in entrambi i chip condividono un singolo stato quantico», ha dichiarato Dan Llewellyn, co-autore dello studio. «La misurazione di uno dei fotoni attiva lo strano comportamento della fisica quantistica, che contemporaneamente fa collassare il collegamento dell'entanglement e trasferisce lo stato della particella ad un'altra particella già presente nel chip ricevente».
Dato che l’entanglement non si serve di un campo classico per il collegamento tra le due particelle che si scambiano l’informazione, in teoria non c’è limite alla distanza su cui il teletrasporto quantistico può operare. Le prospettive future di questa strepitosa scoperta potrebbero essere infinite. Si prevede, infatti, che lo sviluppo di tecnologie in grado di elaborare informazioni basate sulle leggi della fisica quantistica avrà un’influenza enorme sulla società moderna. Il quantum computing potrebbe non solo rappresentare la chiave per risolvere problemi troppo complessi persino per i supercomputer più potenti di oggi, ma anche nelle nuove possibilità di comunicazione. E pensare che in questo campo di studi siamo solo agli inizi.

Avanti
Guarda le 3 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI / MARTE
3 gior
SpaceX sta collaborando con la Nasa per trovare siti di atterraggio per astronavi su Marte
La compagnia guidata da Elon Musk starebbe cercando dei luoghi pianeggianti e sicuri di atterraggio per portare l’uomo su Marte già nel 2022
STATI UNITI
6 gior
Controllare una sedia a rotelle con il pensiero grazie al Deep Learning e all’elettronica flessibile
Una soluzione indossabile e poco fastidiosa può permettere a persone con problemi motori di controllare i propri accessori protesici con il cervello
AvanTI
1 sett
Alla scoperta di alcuni particolari fenomeni del mondo quantistico
Cosa accade se proviamo a cambiare prospettiva e osserviamo i fenomeni che avvengono nel mondo subatomico?
STATI UNITI
1 sett
E se fosse l’Intelligenza Artificiale a decidere sul lancio di armi nucleari?
Due ricercatori americani affiliati all’Air Force propongono di fornire i codici per lanciare le armi atomiche all’Intelligenza Artificiale
STATI UNITI
2 sett
Xenobot: creati in laboratorio i primi robot viventi
Un team di scienziati dell’Università del Vermont ha realizzato gli Xenobot, veri e propri robot viventi e programmabili
CINA
2 sett
La Cina mette in funzione la sua prima polizia stradale robotizzata
Nel nord della Cina sono stati schierati i primi robot poliziotto che dirigono il traffico e aiutano gli ufficiali umani a mantenere l’ordine
STATI UNITI
3 sett
Sviluppato un nuovo processo per produrre cemento ecosostenibile
Un team di scienziati del MIT ha messo a punto un metodo innovativo per azzerare le emissioni di gas serra nel processo di produzione del cemento
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Provato a New York il primo servizio di navette a guida autonoma
La start-up Optimus Ride ha sperimentato l’utilizzo di sei veicoli a guida autonoma nel distretto industriale di Brooklyn Navy Yard
STATI UNITI
1 mese
Costruito il primo acceleratore di particelle in miniatura
Un team di ricercatori è riuscito a dimostrare la possibilità di accelerare fasci di elettroni in un canale nanoscopiche ricavato in un
STATI UNITI
1 mese
Il drone a guida autonoma cinese EHang ha potuto solcare i cieli americani
Il velivolo autonomo cinese che potrebbe rivoluzionare la mobilità urbana ha compiuto per la prima volta un test sperimentale nei cieli della North Carolina, negli Stati Uniti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile