+ 2
STATI UNITI
22.10.19 - 06:000

La nuova invenzione dei ricercatori del MIT: arriva l’inchiostro riprogrammabile

L’inchiostro sfrutta un mix di coloranti fotocromatici che possono essere pitturati o spruzzati sulla superficie di qualsiasi materiale creando oggetti dalle proprietà camaleontiche

Gli scienziati del Massachusetts Institute of Technology hanno messo a punto un inchiostro riprogrammabile che consente di far cambiare colore alla superficie dei materiali. Si potrebbe, ad esempio, cambiare la tinta dei propri indumenti semplicemente in base all’umore.

Questo nuovo inchiostro, chiamato PhotoChromeleon, sfrutta un mix di coloranti fotocromatici che possono essere spruzzati o pitturati su qualsiasi oggetto, dagli abiti alle custodie degli smartphone, passando per le autovetture, permettendo all’oggetto in questione di cambiare colore. Un processo che, spiega Mit news, è totalmente reversibile e quindi può essere ripetuto all'infinito. Come ha infatti dichiarato Yuhua Jin, ricercatore del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory, nonché principale autore dello studio, si potrebbe avere una miriade di “opzioni personalizzabili”, potenzialmente in grado di “migliorare l'efficienza della produzione manifatturiera e di ridurre gli sprechi complessivi”.

Lo studio trae origine da una precedente tecnica elaborata dai ricercatori che consisteva nell'utilizzo di una stampante 3D per fabbricare oggetti in grado di mutare colore. Tale tecnica, tuttavia, presentava due importanti problemi: la bassa risoluzione dei risultati e le ridotte combinazioni cromatiche possibili. Da ciò è scaturita l’idea di trovare una strada alternativa mediante un inchiostro che è stato ottenuto mescolando tre coloranti fotocromatici, cioè ciano, magenta e giallo, in una singola soluzione che si può applicare su qualsiasi oggetto.

Come si può vedere nel video dimostrativo, i ricercatori spruzzano la soluzione su un camaleonte giocattolo che viene poi posizionato all’interno di una scatola dotata di un proiettore e di una fonte di luce ultravioletta. Proiettando luci diverse, gli studiosi riescono ad attivare o a disattivare un determinato colore. In particolare, come spiega la giornalista di Mit News Rachel Gordon, sono state usate “tre diverse luci con differenti lunghezze d'onda per eliminare separatamente ogni colore primario”. La luce blu, ad esempio, è assorbita per lo più dal colorante giallo, che in questo modo viene disattivato. Rimanendo ciano e magenta, all’osservatore questi risultano nel blu. Nel caso in cui la combinazione di colori non soddisfi, si può cancellare il tutto sfruttando la luce ultravioletta, proprio come un colpo di spugna, e ricominciare da capo.

Tale tecnica, che dovrebbe essere affiancata da una comoda interfaccia utilizzabile da chiunque, è stata testata su diversi oggetti e a seconda della forma sono stati necessari dai 15 ai 40 minuti per il processo. I risultati sono stati davvero soddisfacenti e i ricercatori promettono di impegnarsi ulteriormente per ampliare i colori disponibili. Nel frattempo questa tecnologia, che verrà presentata allo User Interface Software and Technology Symposium, in corso a New Orleans dal 20 al 23 ottobre, si è già rivelata molto positiva per diverse ragioni. Innanzitutto, potrebbe consentire di rinnovare il guardaroba in base alla moda del momento e senza dispendio economico. Inoltre, ne risulterebbe sicuramente favorito anche l’ambiente.

Guarda tutte le 5 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
6 ore
Il drone a guida autonoma cinese EHang ha potuto solcare i cieli americani
Il velivolo autonomo cinese che potrebbe rivoluzionare la mobilità urbana ha compiuto per la prima volta un test sperimentale nei cieli della North Carolina, negli Stati Uniti
FINLANDIA
2 gior
Sviluppato un nuovo tipo di materiale che in futuro potrebbe sostituire la plastica
Un team di ricercatori finlandesi ha ideato un nuovo materiale basato su fibra di legno e seta di ragnatela con una resistenza e rigidità superiori a quelli sintetici e naturali oggi in commercio
DANIMARCA
1 sett
Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico
Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza
ARABIA SAUDITA
1 sett
L’Arabia Saudita sta progettando di costruire la città del futuro
Sarà estesa quasi quanto il Belgio e si chiamerà Neom, la smart city più grande al mondo con taxi volanti, camerieri robot, pioggia nei periodi di siccità e persino una luna artificiale
STATI UNITI
2 sett
Cosa accadrebbe se esistesse un dispositivo tecnologico in grado di creare qualsiasi cosa?
Il nano-fabbricatore, la macchina teorica che produce qualunque cosa manipolando la materia a livello degli atomi, potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo e la società umana così come li conosciamo
KENYA
2 sett
Le monete del futuro: ovvero nuove forme di scambio per nuovi sistemi economici
Grazie alla tecnologia, l'emergere di valute completamente nuove che aprono l'accesso all'imprenditorialità e alla mobilità verso l'alto è già realtà in alcune economie in via di sviluppo
STATI UNITI
3 sett
Le batterie al litio del futuro saranno più leggere, più sicure ed economiche
Uno studio americano ha sviluppato una nuova promettente tecnica per realizzare batterie al litio con materiali più economici, facili da reperire e ugualmente sicuri
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Toybox: la stampante 3D per bambini che consente di realizzare giocattoli
È da poco entrata in commercio la stampante 3D appositamente progettata per i bambini con un’interfaccia user-friendly che ha una vasta gamma di giocattoli tra cui scegliere
VIDEO
STATI UNITI
4 sett
Mini Cheetah, il robot quadrupede del MIT in grado di fare acrobazie
La nuova versione del robot quadrupede Mini Cheetah sviluppata dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology è ora capace di eseguire movimenti davvero straordinari
STATI UNITI
1 mese
Colonizzare Marte in futuro potrebbe essere possibile grazie a un materiale chiamato aerogel
Una sperimentazione effettuata da alcuni ricercatori di Harvard e della NASA con un materiale simile al polistirolo ma composto al 99% di aria potrebbe consentire di “terraformare” il Pianeta Rosso
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile