AVANTI
15.09.19 - 08:000

Gli scienziati stanno crescendo piccoli cervelli umani da collegare ai robot

In un laboratorio della Stazione Spaziale Internazionale gruppi di cellule nervose chiamate mini-cervelli si stanno sviluppando in modi che in precedenza gli scienziati non pensavano fosse possibile

 

Secondo un rapporto del New York Times, a 250 miglia dalla terra un migliaio di minuscole sfere di cellule cerebrali stanno navigando nello spazio. I grappoli, chiamati organoidi cerebrali, sono stati cresciuti poche settimane prima nel laboratorio del biologo Alysson Muotri all’Università della California di San Diego. Insieme ai suoi colleghi Muotri ha alterato le cellule della pelle umana in cellule staminali e le ha spinte a svilupparsi come fanno le cellule cerebrali in un embrione. A luglio poi, la NASA ha trasportato gli organoidi a bordo di un razzo e li ha inviati alla Stazione Spaziale Internazionale per vedere come si sviluppano a gravità zero.
Il team ha scoperto che gli organoidi emettono onde cerebrali, schemi complessi di attività neurale, simili a quelli dei bambini prematuri. Gli organoidi, infatti, sono cresciuti in palline delle dimensioni di una testa di spillo, ognuna contenente centinaia di migliaia di cellule in una varietà di tipi, che producono gli stessi segnali chimici ed elettrici delle cellule del nostro cervello. È una scoperta sorprendente che potrebbe costringere gli scienziati a rivedere i limiti dei mini-organi coltivati ​​in laboratorio e le questioni etiche che li circondano.
Muotri, secondo il New York Times, ha collegato i mini-cervelli a dei robot a forma di ragno per leggere la loro attività neurale. Le scoperte potrebbero essere un segno del fatto che gli scienziati si stanno avvicinando alla capacità di generare una vita almeno parzialmente cosciente in laboratorio. «Più ci avviciniamo al suo obiettivo, più è probabile che avremo un cervello in grado di essere senziente e di provare dolore, agonia e angoscia», ha detto Christof Koch, capo scienziato e presidente dell’Allen Brain Institute di Seattle.
Il cervello umano è così complesso che gli scienziati stanno ancora scoprendo molti aspetti di come funziona. Questo è il fascino dei mini-cervelli: sono sfere di neuroni relativamente semplici che simulano alcune caratteristiche del cervello ma sono ben lontane dall’avvicinarsi alla sua capacità. Ma questo nuovo studio, pubblicato su Cell, suggerisce che i mini-cervelli potrebbero essere più complessi di quanto si pensasse in precedenza.
Se queste onde cerebrali sono un segno del fatto che gli organoidi potrebbero essere capaci di coscienza, i neuroscienziati dovranno allora affrontare un grosso dilemma etico, poiché la continua sperimentazione significherebbe potenzialmente creare e distruggere la vita autocosciente, simile all’essere umano. Ma potremmo non esserci ancora, ha avvertito la biologa dell'Università della California del sud Giorgia Quadrato, che non era coinvolta nello studio. «È piuttosto sorprendente. Nessuno sapeva davvero se ciò fosse possibile», ha detto Quadrato al New York Times, prima di chiarire che non ha concluso che i mini-cervelli hanno raggiunto livelli umani di attività.

Guarda le 2 immagini
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
10 ore
La nuova invenzione dei ricercatori del MIT: arriva l’inchiostro riprogrammabile
L’inchiostro sfrutta un mix di coloranti fotocromatici che possono essere pitturati o spruzzati sulla superficie di qualsiasi materiale creando oggetti dalle proprietà camaleontiche
STATI UNITI
4 gior
Un nuovo studio dimostra che i farmaci potrebbero portare indietro l’età biologica
Dopo decenni di ricerche ecco la prima prova promettente che un cocktail di farmaci potrebbe invertire l’orologio epigenetico, una misura dell’età e della salute biologica dell’uomo
STATI UNITI
1 sett
Secondo gli scienziati di Harvard le radiazioni emesse dai buchi neri potrebbero creare la vita
In base a un recente studio i ricercatori di Harvard hanno scoperto che alcune zone intorno ai buchi neri potrebbero essere in grado di supportare la vita
AvanTI
1 sett
IBM partner di Fraunhofer per promuovere la ricerca sul quantum computing in Europa
La Germania ha stanziato un budget biennale di 650 milioni di euro per finanziare progetti di ricerca nel campo del calcolo quantistico e realizzare il super computer Q System One
GIAPPONE
2 sett
In arrivo Arque, la coda robotica utile per migliorare l’equilibrio e gestire carichi pesanti
Alcuni ricercatori giapponesi hanno creato un’appendice robotica che promette di aumentare le capacità di chi la indossa, migliorandone l’equilibrio e l’agilità
STATI UNITI
2 sett
Gli scienziati prevedono i salti quantici e possono risolvere il paradosso del gatto di Schrödinger
Alcuni fisici dell’Università di Yale hanno immaginato di poter salvare il famoso felino, simbolo di imprevedibilità, anticipando in tempo reale i salti quantici
STATI UNITI
2 sett
Astro, il cane-robot da addestramento che impara dall’esperienza
L’Intelligenza Artificiale sviluppata nei laboratori della Florida Atlantic University esegue i comandi e apprende per svolgere azioni aggiuntive
GERMANIA
3 sett
Un nuovo esperimento per stabilire una volta per tutte se l’EmDrive è realizzabile
In caso di successo si potrebbe finalmente realizzare un motore in grado di far volare i veicoli spaziali senza l’utilizzo di carburante
STATI UNITI
3 sett
Un viaggio alla scoperta dell’universo delle interfacce neurali
Alcuni impianti cerebrali adoperano l’elettricità, altri la luce, altri ancora la chimica. Quali sono gli sviluppi e le prospettive in questo campo scientifico?
STATI UNITI
4 sett
Presto i medici potrebbero prescrivere ai pazienti robot sessuali
I robot potrebbero aiutare le persone a superare le disfunzioni sessuali, ma la preoccupazione è che possano rappresentare un rischio per chi non ne sia affetto
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile