Hyundai i30 Fastback N
Hyundai i30 Fastback N
+ 28
TEST DRIVE
01.11.19 - 06:000

Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando

Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.

"N". E' la lettera prescelta da Hyundai per identificare i suoi modelli dalla maggior caratterizzazione sportiva e la i30 Fastback 2.0 T-GDI non fa eccezione (39'390 CHF), sfoggiando un tono dinamico di notevole spessore insieme a diverse altre qualità.

La carrozzeria a cinque porte è sportiva a sufficienza?
Senza dubbio. Il design mette infatti d’accordo i toni sportivi decisi con una bella armonia d’insieme, che tra l’altro ha il pregio di valorizzare una tipologia di carrozzeria talvolta un po’ sottovalutata: la “hatchback” a cinque aperture, in realtà, può valorizzare la coda con la linea sinuosa e arrotondata del tetto – stile coupé – conservando allo stesso tempo tutta la praticità di impiego delle cinque aperture. La veste N Performance include naturalmente una fitta serie di dettagli che sottolineano con decisioni la particolarità del modello, senza esagerare: sottile linea di contorno rossa (stessa tinta delle pinze freno maggiorate), nella zona più bassa del profilo, ampie prese d’aria frontali, gusci degli specchi retrovisori e spoiler posteriore con finitura nero lucido e vistosi quanto riusciti cerchi in lega da 19 pollici. Senza dimenticare la particolare colorazione Shadow Gray, la stessa che distingue le i20 WRC impegnate nel Mondiale Rally. Per un colpo d’occhio d’insieme appagante. Insieme al look c’è naturalmente tanta sostanza, anche tecnologica, per valorizzare l’auto sul piano tecnico, insieme allo sviluppo dinamico estensivo affinato lungo i 20,8 km della Nordschleife (Nürburgring), dove ha sede il centro prove privato della divisione N Performance.

Solo potente o ci sono altre qualità per il due litri turbo benzina?
Un’auto con queste premesse invita senz’altro a prenderne quanto prima il volante ed eccoci dunque in marcia per saggiarne le qualità dinamiche. In primis viene il motore che mostra subito il suo carattere molto deciso, eppure anche docile ed elastico: due litri turbo da 275 con bella coppia massima di 353 Nm costante già da 1450 giri fino a 4700, che sale poi a 378 Nm (1750-4200 giri) con overboost. In modalità di marcia normale è dunque trattabilissimo e permette di “dimenticarsi” la marcia innestata, mentre lasciandolo distendere mostra una risposta ben decisa e reattiva. Che, nelle modalità più spinta N Mode (una sorta di Sport+), lascia ampio spazio ad una “voce” metallica e piena con scoppiettii in rilascio particolarmente forti ed aggressivi (realmente stile Gruppo N), coinvolgente come poche altre vetture sanno offrire. L’ideale da gustare specie nei tratti più guidati, dove accelerazioni secche e rallentamenti altrettanto decisi si fanno fitti ampliando di conseguenza la “sinfonia”. Già questo è un indizio di qualità superiore su una berlinetta sportiva, ed il cambio manuale non è da meno poiché sfodera un’eccellente manovrabilità con innesti secchi e rapidi anche quando lo si strapazza un po’ nella concitazione dell’azione; con un pulsantino al volante si può attivare anche la funzione di doppietta automatica, non veloce come sulle ultime Porsche manuali ma effettiva a sufficienza per velocizzare la scalata… ai più pigri con la pedaliera. Già che siamo sui piedi, la frenata è altrettanto rilevante, con pedale fermo dalla corsa ridotta una volta in appoggio, impianto dosabile al millimetro e forza di rallentamento da lode.

Quanta sportività permette la i30 N Performance?
Molta. La Fastback coreana dispone di semplice trazione anteriore ma, anche qui, la Casa mostra di aver lavorato davvero bene per convertire tutta la carica del due litri turbocompresso in accelerazione; il differenziale anteriore autobloccante include il controllo attivo della distribuzione di coppia (Corner Carving Differential) con intervento ben consistente che invoglia l’avantreno a chiudere con buona decisione la traiettoria di curva in uscita, mentre le sospensioni regolabili riducono notevolmente rollio e beccheggio per contribuire a precisione e “sveltezza” della vettura nei cambi di direzione. Dove un retrotreno regolato piuttosto sensibilmente, pur senza eccessi, contribuisce al meglio alla rapidità di azione: la coreana coinvolge il conducente, portandolo ad esplorare le proprie capacità – ed eventualmente i limiti dell’auto – con gioiosa progressione, anche attraverso uno sterzo piuttosto diretto e presente nell’intensità ma non stancante, che aiuta anche qui a “sentire” l’auto. Lo scatto da fermo è solido (c’è anche il programma di partenza assistita), 6,1 secondi per toccare da fermo i 100 km/h, la punta massima si attesta su 250 km orari. Consumi? Altini per la categoria, in media 10 l/100 km su percorso misto rilevato nel nostro test, ma è uno scotto che si paga tutto sommato volentieri per questa qualità di dinamismo. Con passo docile, la i30 sportiva sa in ogni caso rivelarsi anche una valida compagna di viaggio, piuttosto silenziosa ad andatura costante, non eccessivamente rigida nonché ben accogliente ed equipaggiata con ricchezza di materiali e dotazioni. I sedili sportivi sono eccellenti, completi di registro in profondità per la seduta, il volante include anche il tasto di attivazione diretta della modalità di guida N mentre a centro plancia lo schermo a sfioramento vanta una buona diagonale (8”) con servizi di interfaccia smartphone completi e funzionalità Live incluse per sette anni. E garanzia Casa di 5 anni a chilometraggio illimitato.

Trovi la Hyundai i30 Fastback N da...

Garage Della Santa SA

 

via Franco Zorzi, 43

 

6500 Bellinzona

 

+41 91 821 40 60

 

https://www.della-santa.com/

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Motori
PRIME IMPRESSIONI
12 ore
Volkswagen Golf
L’ottava generazione affila il conosciuto look “di famiglia”, ma evolve in profondità per digitalizzazione, tecnologie e qualità della guida: in prova col nuovo ibrido leggero 1.5 eTSI da 150 cv.
TEST DRIVE
2 gior
Grinta e agilità per la Volvo XC40 T5
Il Suv cadetto con motorizzazione benzina turbo di punta convince per prestazioni offrendo una guida docile e maneggevole. Con ottimo livello di accoglienza per l’intero equipaggio.
TEST DRIVE
4 gior
Ford Focus ST SW, sapore mordente
L’allestimento sportivo allestito dalla divisione Performance combina il turbodiesel potenziato da 190 cv all’assetto specifico con sterzo più diretto, per una guida dall’evidente dinamismo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Mercedes GLB, ama la famiglia e le curve
Il nuovo Suv di gamma intermedia strizza l’occhio alla Classe G, offre fino a sette posti e spicca per la qualità della guida dinamica, davvero convincente. Elastico e versatile il 2.0 td da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Seat Tarraco, Suv formato famiglia
Fino a sette posti in un ambiente di bordo ottimamente attrezzato ed accogliente per l’ammiraglia spagnola 4x4, dalla guida armonica e bilanciata. Anche con il 2 litri TSI benzina da 190 cv.
TEST DRIVE
1 sett
Mitsubishi ASX, più fluida e adattabile
Il restyling corposo aggiunge al look personale prestazioni in crescita con il due litri benzina da 150 cv la versatilità della trazione integrale. Crescono gli ausili attivi alla guida.
Novità
2 sett
Ford Mustang Mach-E, potenza e tradizione in un Suv elettrico
L’eredità della sportiva muscolare prende le vesti di crossover elettrico dalle linee tese e suggestive: fino a 465 cv con 600 km di autonomia, trazione posteriore o integrale. Da fine 2020.
TEST DRIVE
2 sett
Toyota C-HR 2.0L Hybrid, crescono prestazioni e ambizioni
Con il restyling di metà carriera arriva il sistema ibrido da 184 cv, che assicura una bella iniezione di brio insieme ad una guida più fluida e piacevole. Aggiornati anche design e tecnologie.
TEST DRIVE
2 sett
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
3 sett
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile