Fotolia
CANTONE
02.09.16 - 06:120

Cara vecchia password, addio. Oggi per "loggare" uso un selfie

Il riconoscimento facciale è l'ultima tendenza e sono diversi gli istituti bancari che lo usano. Ma è davvero sicuro? Ne parliamo con un esperto

LUGANO - Dimenticatevi pure le vostre password, il futuro della sicurezza passa… per la nostra faccia! Il face recognition (o riconoscimento facciale) è in pieno boom in tutto il mondo già utilizzato da diversi istituti di credito, soprattuto negli States: per “loggarsi” al proprio conto basta riprendere il proprio volto con la camera dello smartphone per pochi secondi ed è fatta. Una soluzione rapida e indolore in un epoca in cui si vive di corsa. Ne parliamo con Michael Bronstein della Facoltà di scienze informatiche dell’Usi.

Ma “farsi un selfie” è davvero sicuro?

In realtà il riconoscimento facciale va ben oltre la semplice analisi di uno scatto, questo tipo di programmi adottano diversi approcci per estrapolare informazioni. Messi a confronto con un volto ne estraggono una serie di elementi unici per capire se si tratta della persona giusta la cui immagine è conservata nellla loro memoria. Sono molto flessibili rispetto a fattori quali l'illuminazione, la posizione della testa e l’espressione facciale...

Il viso, quindi, è più sicuro della password?

È una domanda piuttosto complessa… Se partiamo dal presupposto che la sicurezza assoluta non esiste, il riconoscimento facciale resta relativamente sicuro. Sicuramente è un sistema più pratico e a prova di smemorato: le persone tendono facilmente a dimenticare le parole, con i volti questo non succede.

Sul web ha fatto abbastanza scalpore il caso di una ricercatrice americana esperta di sicurezza digitale che ha “hackato” due di questi sistemi utilizzando una fotografia animata. Come è possibile?

Quei particolari sistemi sono basati sul principio della “liveness detection”, tentano di capire se il volto interessato sia vivo o meno. Se sono cascati in questo “trucchetto” è probabilmente colpa dei limiti tecnici del cellulare: spesso questi dispositivi hanno sensori limitati. Esistono però diverse teconolgie più sofisticate, come quelle che utilizzano i raggi infrarossi, e che sono decisamente più difficili (e dispendiose) da violare.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Benji78 3 anni fa su tio
Ottimo, basterà la foto di un culo per hackerare gli account di mezzo modo.
SosPettOso 3 anni fa su tio
Se gli hacker violano il sistema di sicurezza di facebook/dell'istituto bancario/del nostro blog, oggi entrano in possesso di una password che possiamo facilmente reimpostare. Se entrano in possesso delle nostre impronte digitali o dei tratti caratteristici del viso, reimpostarli è più difficile... ci vuole un chirurgo! Per assurdo, con le impronte digitali stampate in 3D, potrebbero persino farci accusare di reati commessi da altri... La cosa migliore è la semplice password fatta di caratteri tenendo sempre sotto controllo la natura delle informazioni che vi si affida.
Niko Storni 3 anni fa su fb
Non serve l'esperto. Non é sicuro punto. Ci vuole solo una foto e qualche ritocco software per bypassare sta cosa. Non credo che tutti hanno uno scanner per retina da 500.- a casa
Ta Ty 3 anni fa su fb
Rita Costantino e con la mano in testa, aggiungerei! ???
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Finanza
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
SVIZZERA
1 anno
I dipendenti della Posta non hanno fiducia nell'azienda
L'approvazione nei confronti della direzione si sarebbe deteriorata molto nell'ultimo anno anche a causa dello scandalo AutoPostale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile