Keystone
PAESI BASSI
22.05.18 - 16:400

Il Bitcoin consuma più energia di tutta l'economia svizzera

Lo sostiene l'economista olandese Alex de Vries, che di recente sull'argomento ha pubblicato un articolo scientifico

AMSTERDAM - Il Bitcoin consuma più energia dell'insieme dell'economia svizzera: lo sostiene l'economista olandese Alex de Vries, che di recente sull'argomento ha pubblicato un articolo scientifico sul periodico "Joule".

«Il fabbisogno di energia del sistema Bitcoin è vertiginoso», afferma de Vries, che lavora per la società di consulenza PricewaterhouseCoopers (PwC), in un'intervista pubblicata oggi dal portale Watson.

«Attualmente il consumo è di 67 terawattora all'anno. È una quantità di corrente superiore a quanto abbia bisogno l'intera economia elvetica: lo 0,3% del consumo mondiale totale. E la situazione diventa sempre più estrema: entro la fine dell'anno potrebbe raggiungere lo 0,5%», osserva il 28enne.

Secondo de Vries si tratta di volumi giganteschi per «un sistema che serve soprattutto alla speculazione finanziaria». Tutti gli impianti solari mondiali - fa notare l'esperto - hanno generato nel 2016 circa l'1% della corrente consumata a livello planetario. «Il Bitcoin non ci aiuterà certamente a raggiungere gli obiettivi climatici», osserva.

Un pagamento con una normale carta di credito necessita di 1-2 wattora, uno effettuato in Bitcoin per contro circa 300 kilowattora, «l'equivalente della corrente consumata in un mese da un'economia domestica, per una sola transazione», sottolinea de Vries. A suo avviso un sistema talmente energivoro può essere utilizzato praticamente solo per la speculazione.

È in atto - spiega lo specialista - una corsa dei "minatori" di Bitcoin. Ogni 10 minuti viene assegnato un blocco con 12,5 Bitcoin: per aggiudicarsi una fetta della torta occorre aumentare le capacità di calcolo dei computer. E visto che la moneta è aumentata talmente di prezzo molti operatori hanno investito in modo enorme in informatica: di conseguenza esplodono anche i consumi energetici.

Per produrre un Bitcoin - prosegue de Vries - sono necessari circa 42'000 kilowattora, a patto di avere a disposizione computer efficienti con un buon sistema di raffreddamento: altrimenti il valore è ancora più elevato. A titolo di confronto, una famiglia consuma in un anno circa 3500 kilowattora.

Se i costi di produzione dovessero ulteriormente aumentare la redditività diminuirà. «Ma se il prezzo del Bitcoin salirà non si può escludere che il consumo di energia verrà ancora una volta moltiplicato per dieci», conclude de Vries.
 
 

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
Shion 1 anno fa su tio
Quindi chi compra bitcoin ed è a conoscenza di questi fatti dovrebbe nascondersi. Gravissima colpevolezza.
KilBill65 1 anno fa su tio
Attenzione a questo Bitcoin che in quel giorno che cade, chi ha investito se ne pentira'!!!.....Io personalmente al Bitcoin non ci credo....
TOP NEWS Finanza
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
SVIZZERA
1 anno
I dipendenti della Posta non hanno fiducia nell'azienda
L'approvazione nei confronti della direzione si sarebbe deteriorata molto nell'ultimo anno anche a causa dello scandalo AutoPostale
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile