Keystone
GERMANIA
07.05.18 - 12:180

Dieselgate: Winterkorn rischia l'incriminazione anche in Germania

La decisione della giustizia tedesca è alle porte, il Ceo di Volkswagen è accusato di frode già negli Usa e rischia fino a 25 anni

BERLINO - La decisione della Procura tedesca di Braunschweig su una possibile incriminazione dell'ex ceo di Volkswagen Martin Winterkorn è alle porte.

La giustizia tedesca, che indaga sull'ex top manager e su altri 38, nell'ambito dell'inchiesta sul dieselgate, ha lavorato a stretto contatto con i magistrati americani, secondo quanto scrive oggi la Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Intanto anche il consiglio di sorveglianza del colosso di Wolfsburg verifica la possibilità di chiedere dei risarcimenti, a causa dello scandalo sulle manipolazioni dei motori. Ed è die Welt a scrivere che per questo Winterkorn rischia di rimetterci l'intero patrimonio privato personale.

Il dieselgate finora è costato 26 miliardi di euro alla Volkswagen. Negli Usa, Winterkorn è stato accusato di frode e cospirazione e rischia fino 25 anni di carcere.

L'estradizione però non è in questione: la Germania non consegna i cittadini a paesi terzi, solo agli Stati dell'Ue e a tribunali internazionali, in base a una legge costituzionale.

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
TOP NEWS Finanza
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile