CINA/COREA DEL SUD
16.01.18 - 11:020

Criptovalute a picco, colpa della Cina

Nel paese del Dragone sarebbe imminente lo stop al trading centralizzato. C'entra anche la Corea, intenzionata a vietare gli scambi

PECHINO -La stretta della Cina fa crollare non solo i bitcoin, presi di mira dal governo con un divieto di "mining", ma tutte le criptovalute. Nelle scorse ore, le principali monete hanno registrato cali a doppia cifra.

Meno 13% per il bitcoin, che è scivolato fino a 11'531 dollari per poi provare a risalire intorno ai dodici; si tratta comunque del valore più basso dal 22 dicembre. È andata anche peggio a ethereum, -17%, sceso intorno ai 1'000 dollari; per non dire di ripple, 1,43 dollari e meno venti punti percentuali.

Le ragioni sono da cercare in Oriente. In Cina, dove il decreto annunciato qualche giorno fa, finalizzato a rendere illegale il trading centralizzato finora realizzato attraverso piattaforme come Coinbase o Kraken, pare verrà emesso nelle prossime ora; ma anche in Corea del Sud, "patria" delle criptovalute che adesso sembra volersene liberare. Possibile lo stop agli scambi, anche se la decisione non sarebbe ancora definitiva.

«La proposta di chiusura delle piattaforme di scambio che il ministro della Giustizia Park Snag-ki ha recentemente menzionato è una delle misure suggerite contro la speculazione - ha dichiarato Seul in una nota - La decisione del governo sarà presa in futuro dopo sufficienti consultazioni e coordinamento di opinioni».

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Commenti
 
TOP NEWS Finanza
STATI UNITI
1 anno
I bitcoin consumano quanto l'Ohio
La richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento
IMMAGINI
CANTONE
1 anno
Dal Ticino alla Nuova Zelanda con un "semplice" tagliacarte
Realizzato in plastica eco-friendly da un designer emergente di Mendrisio, verrà distribuito, gratis, nel mondo per sensibilizzare sul rispetto per l'ambiente
ITALIA
1 anno
Scatta l'obbligo di origine per sughi e salse
Il provvedimento è mirato a rafforzare il rapporto tra produttori e trasformatori e a garantire i consumatori dall'inganno dei prodotti coltivati all'estero ed importati
SVIZZERA
1 anno
Manor richiama i falafel, pericolo listeriosi
La Manor ha richiamato il prodotto "8 falafels (pois chiches, carottes & coriandre)" di marca "l'atelier Blini", numero di lotto 182651
EUROPA
1 anno
Ryanair dice basta al trolley gratuito
Dal primo novembre non sarà più possibile viaggiare con un trolley di dimensioni ridotte gratuitamente, neanche imbarcandolo in stiva come avviene invece oggi
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, colloqui «costruttivi e schietti» con Washington
Pechino ha in ogni caso presentato ricorso al WTO nei confronti della misura da 16 miliardi di dollari
BERNA
1 anno
Bolle di sapone pericolose ancora in circolazione
Riscontrata una contaminazione microbiologica con il germe patogeno Pseudomonas aeruginosa
CINA / STATI UNITI
1 anno
Dazi, tariffe reciproche da 16 miliardi
Le misure, corrispondenti alla seconda tranche voluta dal presidente americano, sono entrate in vigore nelle scorse ore
TICINO/ITALIA
1 anno
«Qui è vietato fallire, ma anche avere successo»
Secondo Francesca Corrado, che ha fondato la prima scuola di fallimento, manca il diritto di sbagliare ma anche quello di considerarsi riusciti se non si "sfonda"
SVIZZERA
1 anno
I dipendenti della Posta non hanno fiducia nell'azienda
L'approvazione nei confronti della direzione si sarebbe deteriorata molto nell'ultimo anno anche a causa dello scandalo AutoPostale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile