Immobili
Veicoli
Deposit
SVIZZERA
25.11.21 - 13:000
Aggiornamento : 14:11

Per molte aziende svizzere il 2022 potrebbe essere l'anno del fallimento

Lo sostiene uno studio di A&M che parla di una «bancarotta ritardata da Covid» diffusa a livello nazionale. Ecco perché

ZURIGO - Il sostegno della Confederazione alle aziende ha permesso a molte di sopravvivere al biennio 2020-2021, malgrado molte si siano indebitate pesantemente, ma il 2022 sarà tutta un'altra storia.

A sostenerlo è una recente analisi del gruppo di analisti finanziari di A&M che conferma come, per una serie di convergenze che comprendono una diffusa mancanza di liquidità (a causa dei debiti di cui sopra) e un calo delle entrate, l'anno prossimo si preannunci particolarmente tetro e all'insegna dei fallimenti.

Prese in esame dallo studio sono 178 aziende elvetiche, che non operano nel settore finanziario o immobiliare, e che hanno tutte sofferto in maniera tangibile le ripercussioni del 2020. La percentuale di queste che si trovano a rischio fallimento entro l'anno scorso aleggia attorno al 24%, il 30% in più rispetto al periodo pre-pandemia.

A&M utilizza il termine di «bancarotta ritardata» o «gap di bancarotta da Covid 19» un fenomeno che si paleserà a partire proprio dal 2022: «Si tratta di uno scenario senza dubbio preoccupante», spiega Alessandro Farsaci di A&M svizzera nella nota stampa diffusa dal gruppo, «le misure della Confederazione non hanno prevenuto affatto il fallimento delle aziende, ma lo hanno semplicemente ritardato. Ci aspetta un periodo d'incertezza che porterà a ristrutturazioni e a cambiamenti strategici per riadattarsi al mondo post-Covid».

Perché proprio per il 2022? Perché dopo il termine degli aiuti (che alcuni cantoni elargiranno fino a dicembre 2021) in maniera generalizzata a partire da febbraio 2022 scomparirà la possibilità del lavoro ridotto. Inoltre, a partire da inizio 2022 chi ha ricevuto un prestito fino a 500mila franchi dovrà iniziare a restituirlo. 

Su tutto questo pesa un economia tutt'altro che stabile e piena d'incertezze su cui pesa anche lo spettro di un possibile aumento della disoccupazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
6 ore
Bob Dylan vende i diritti sugli album alla Sony
Non sono stati forniti i particolari dell'accordo, ma la vendita dovrebbe aver raggiunto il record di Springsteen
MONDO
8 ore
Criptovalute sotto pressione, bruciati 130 miliardi
A pesare, le incertezze macroeconomiche a livello mondiale
ITALIA
10 ore
Quasi un anno di attesa per una nuova Lamborghini
La crisi dei chip e quella pandemica non sembrano aver intaccato le vendite, che toccano cifre da record
SVIZZERA
14 ore
Si paga sempre più con lo smartphone
Negli ultimi due anni, il fatturato generato con le app di pagamento è raddoppiato
COREA DEL SUD
15 ore
Boom della cultura pop sudcoreana: lo dicono anche le cifre
Nel 2020 le esportazioni dell'industria dei contenuti sono cresciute del 16,3%
IRLANDA
20 ore
L'azienda misteriosa e il data center grande come 22 campi da football
L'attuale responsabile della società è stata direttrice di 6'539 altre aziende, la metà di queste sono ora chiuse
SVIZZERA
1 gior
«Le crisi di Credit Suisse? Colpa dei cattivi dirigenti»
L'ex Ceo Oswald Grübel non le manda a dire: le difficoltà avute da Credit Suisse sono da ricondurre alla dirigenza
REGNO UNITO
1 gior
Presto obbligatorio inserire nei menù le calorie per ogni piatto
Il governo britannico vuole che i clienti dei ristoranti facciano scelte più salutari. Gli esperti sono scettici
SVIZZERA
1 gior
Quattro giorni lavorativi su sette, in una piccola azienda zurighese
La Glutform Rüegg di Dietlikon ha introdotto la settimana lavorativa di quattro giorni, con paga al 100%
SVIZZERA
1 gior
Un bancomat su due è destinato a sparire
Ne è convinto Jos Dijsselhof, presidente della direzione di SIX Group
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile