Immobili
Veicoli
Archivio Depositphotos
SVIZZERA
08.08.21 - 22:310

Se i prodotti Swiss Made conviene comprarli all'estero

Per vari articoli si riscontra una notevole differenza di prezzo tra i supermercati nostrani e quelli d'oltre confine

ZURIGO - Gli articoli Made in Switzerland a volte sono più convenienti... nei supermercati tedeschi e francesi. È quanto rivela la SonntagsZeitung, secondo cui in Svizzera per la stessa merce si paga almeno il 50% in più.

È il caso, per esempio, della bottiglia da un litro di Rivella, che nel supermercato francese Hyper U si acquista per un euro e quaranta centesimi. Da Migros e Coop si paga un franco e quarantacinque per quella da mezzo litro. Si tratta di una differenza, sul litro, del 90% circa.

Lo stesso vale per altri marchi elvetici. Nei negozi online di Migros e Coop, i cioccolatini Lindor rossi costano il 50% in più rispetto a quelli venduti da Rewe in Germania. E anche 100 grammi di caramelle Ricola in Svizzera sono più care del 25%. Inoltre, la Migros per le sue capsule di caffè Café Royal compatibili con le macchine Nespresso sul mercato elvetico chiede il 47% in più rispetto all'estero.

Dal 10 al 15% «è spiegabile» - Da parte della Fondazione per la protezione dei consumatori, per supplementi del 50% non c'è nessuna comprensione. Una differenza è giustificata per gli affitti più cari e le disposizioni legali presenti in Svizzera. Ma deve trattarsi, secondo la fondazione, di una differenza minima: «Dal 10 al 15%, di più è troppo».

Fatto sta che marchi che in Svizzera sono molto forti, spesso all'estero sono meno noti. In più, oltre confine la concorrenza dei discount è molto più forte, come scrive ancora il domenicale. E quindi con prezzi più alti, i prodotti in questione rischierebbero di avere meno successo. Lo conferma anche Rivella: «Se vogliamo avere una possibilità sui mercati esteri come la Francia, allora ci dobbiamo adattare al livello locale» scrive l'azienda su Twitter. E aggiunge: «E anche così sugli scaffali restiamo uno dei prodotti più cari».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
1 ora
Holcim saluta il cemento, che va in Irlanda del Nord
Il gruppo elvetico sta riducendo la sua presenza nel settore del cemento
SVIZZERA
4 ore
Dopo il picco (+75%), acque più calme anche per Logitech
Con il calo del telelavoro sono scese anche le vendite del gigante degli accessori per Pc
SVIZZERA
5 ore
Perdite “tamponate” con vendite di immobili, così Credit Suisse chiude il 2021 in linea
Le previsioni del colosso svizzero in un comunicato diffuso questa mattina, il “rosso” nel settore investment banking
STATI UNITI
18 ore
Bob Dylan vende i diritti sugli album alla Sony
Non sono stati forniti i particolari dell'accordo, ma la vendita dovrebbe aver raggiunto il record di Springsteen
MONDO
20 ore
Criptovalute sotto pressione, bruciati 130 miliardi
A pesare, le incertezze macroeconomiche a livello mondiale
ITALIA
22 ore
Quasi un anno di attesa per una nuova Lamborghini
La crisi dei chip e quella pandemica non sembrano aver intaccato le vendite, che toccano cifre da record
SVIZZERA
1 gior
Si paga sempre più con lo smartphone
Negli ultimi due anni, il fatturato generato con le app di pagamento è raddoppiato
COREA DEL SUD
1 gior
Boom della cultura pop sudcoreana: lo dicono anche le cifre
Nel 2020 le esportazioni dell'industria dei contenuti sono cresciute del 16,3%
IRLANDA
1 gior
L'azienda misteriosa e il data center grande come 22 campi da football
L'attuale responsabile della società è stata direttrice di 6'539 altre aziende, la metà di queste sono ora chiuse
SVIZZERA
1 gior
«Le crisi di Credit Suisse? Colpa dei cattivi dirigenti»
L'ex Ceo Oswald Grübel non le manda a dire: le difficoltà avute da Credit Suisse sono da ricondurre alla dirigenza
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile