Tamedia
SVIZZERA
05.08.21 - 08:000

Boom delle auto d'occasione ma di lusso

La pandemia ha rallentato la produzione. Ma la domanda resta alta e allora si ripiega sull'usato

Fonte 20 Minuten / Marco Huber
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Aston Martin, Bentley o Rolls-Royce. Al momento chiunque voglia acquistare un'auto di lusso, si trova di fronte a un problema: a causa della pandemia, nelle fabbriche la produzione è ferma o rallentata, ma la domanda non è calata. E così i prezzi sono lievitati.

Sono quindi in molti coloro che ripiegano, anche per una soluzione provvisoria, su una vettura d'occasione. E questo vale anche per quelle di lusso. «Il mercato dell'usato è estremamente popolare, non abbiamo mai avuto una disponibilità così bassa di veicoli d'occasione» afferma Martina Merki, responsabile marketing di Schmohl AG a Zurigo.

L'azienda è specializzata nella vendita di Bentley, Rolls-Royce, McLaren e Bugatti, nuove e d'occasione. E Merki parla anche di clienti impazienti: «Vogliono vetture che siano subito disponibili. In questo modo i tempi d'attesa si allungano, sia per i veicoli nuovi che per quelli usati». Presso Schmohl una Bugatti Veyron d'occasione si trova per 1,3 milioni di franchi, una Rolls-Royce Phantom per circa 440'000.

Mercato in forte espansione - Il boom delle auto d'occasione è confermato anche da Andrej Rüegg di Rotz Autowelt di Wil (SG), che parla di tempi di consegna più lunghi e prezzi in aumento: «Molti clienti non vogliono aspettare e allora cominciano a comprarsi un'auto di lusso d'occasione». Non è però possibile prevedere come si svilupperà la domanda.

In ogni caso, il mercato dell'usato per Rolls-Royce, Bentley e McLaren è in forte espansione a livello mondiale. Secondo Bloomberg, in casa Bentley nei primi cinque mesi di quest'anno le vendite di auto usate hanno registrato un incremento del 150%. Per McLaren l'aumento è del 2% rispetto a un 2020 da record. Tuttavia, per determinati modelli gli acquirenti pagano fino al 40% in più rispetto alla vettura nuova.

Carenza di semiconduttori - In generale, l'industria automobilistica è al momento confrontata anche con un problema di “materia prima”: con la parziale interruzione delle catene d'approvvigionamento globali, attualmente c'è una carenza di semiconduttori. Un elemento fondamentale per il settore.

Le conseguenze sono evidenti: negli Stati Uniti come pure in Germania, le vetture nuove e d'occasione scarseggiano. In Svizzera e nel Liechtenstein, a luglio il mercato dell'auto ha registrato un calo del 14,2% rispetto all'anno precedente, come comunicato dall'associazione degli importatori Auto-Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
2 ore
Dati manipolati per favorire la Cina? Bufera su Georgieva
Il caso riguarda i rapporti 2018 e 2020 di "Doing Business", realizzati dalla Banca Mondiale
SVIZZERA
5 ore
Nuove case da gioco, decisione non prima di un anno
Quelle in essere scadranno il 31 dicembre 2024
SVIZZERA
6 ore
«Oggi non siamo d'accordo su cosa significhi sostenibilità»
Servono regole globali così da evitare le accuse di 'greenwashing', secondo la responsabile UBS per l'Europa
SVIZZERA
8 ore
Il Covid fa trasformare Ricola, «in arrivo nuovi prodotti»
Il celebre marchio elvetico sta per lanciare una nuova linea di caramelle
CINA
10 ore
Evergrande, un altro pesante tonfo in Borsa: -13%
L'azienda è ancora in bilico tra un disastroso tracollo, un collasso gestito, o un salvataggio del Governo
Stati Uniti
12 ore
Le Pagine Gialle sbarcano su WhatsApp, in arrivo pubblicità e Marketplace
L'azienda di messaggistica vuole sfruttare la crescita dei negozi nell'online, esplosa durante la pandemia
Irlanda
23 ore
Ryanair apre 5'000 nuove posizioni per il personale di bordo
La compagnia torna alla carica a discapito di chi non ce l'ha fatta o ha ridotto l'offerta
Svezia
1 gior
A questo ritmo, nel 2100 mancheranno lo zucchero, il caffè e il mais
Lo sostiene uno studio svedese secondo il quale i nostri ritmi attuali non possono adattarsi alla crisi climatica
SVIZZERA
1 gior
Disoccupazione, Svizzera peggio della Germania
Si è registrato un calo rispetto ai primi tre mesi dell'anno, ma un aumento rispetto all'estate 2020
STATI UNITI
1 gior
Le scarpe svizzere On hanno fatto il botto a Wall Street, e Roger Federer c'entra solo un po'
Il marchio svizzero, quotato ieri alla borsa Usa, ha convinto gli investitori e ora vale 11 miliardi di dollari
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile