Keystone
SVIZZERA
02.07.21 - 16:160

Automobili nuove: nel 2020 calano il consumo e le emissioni di CO2

Tuttavia, il valore di riferimento non è stato raggiunto, e sono state inflitte diverse sanzioni

BERNA - Il consumo di carburante e le emissioni di CO2 delle nuove autovetture sono nettamente scesi nel 2020.

Lo riferisce oggi l'Ufficio federale dell'energia (UFE), ricordando che lo scorso anno erano entrati in vigore nuovi valori di riferimento per le emissioni di biossido di carbonio per le auto di nuova immatricolazione e per i piccoli furgoni per le consegne.

Rispetto al 2019, il numero di autovetture di nuova immatricolazione è sceso del 24%, mentre per i furgoncini per le consegne del 20%. A pesare sul mercato delle automobili c'è stata naturalmente anche la pandemia di coronavirus, aggiunge l'UFE.

Più elettrico, meno consumo
Nell'anno in rassegna le nuove automobili registrate sono state 238'000. La quota di veicoli elettrici (a batteria o ibridi ricaricabili) è aumentata significativamente raggiungendo il 14,4% (2019: 5,6%), mentre quella dei veicoli diesel è scesa al 23,9% (2019: 26,7%). Il consumo medio di carburante delle nuove vetture è sceso del 7,1%, a 5,74 litri di benzina ogni 100 chilometri, rispetto all'anno precedente.

Con quasi 123,6 grammi di CO2 ogni chilometro, le emissioni medie di biossido di carbonio delle nuove auto sono anche significativamente più basse, dato che nel 2019 erano ancora 138,1 grammi di CO2/km. In vigore dall'inizio del 2020, il valore di riferimento di 95 g/km per le emissioni di CO2 non è stato però raggiunto. Di conseguenza, sono state inflitte sanzioni per complessivi 132,5 milioni di franchi (2019: 78,1 milioni di franchi) agli importatori di autovetture nuove.

«Più sostegno politico»
L'associazione degli importatori svizzeri di automobili auto-svizzera si rallegra della riduzione delle emissioni di CO2 nelle nuove auto. Il calo è dovuto in particolare al superamento dell'obiettivo "10/20" di auto-svizzera, secondo il quale una autovettura nuova su dieci dovrebbe essere ricaricabile collegandola alla rete elettrica entro il 2020. Tuttavia, auto-svizzera sottolinea che questi veicoli hanno bisogno di maggiore sostegno politico, in particolare per quanto riguarda l'infrastruttura per la ricarica delle batterie.

Meno positiva la posizione dell'Associazione traffico e ambiente (ATA), secondo cui gli importatori di automobili hanno di nuovo fallito l'obiettivo medio di riduzione di emissioni di CO2 per le vendite di automobili nuove. Nonostante queste violazioni, le sanzioni finanziarie imposte all'industria automobilistica sono minime, sottolinea l'ATA.

Anche se le multe sono aumentate in proporzione, questi complessivi 132,5 milioni di franchi vanno relativizzati: riguardano la vendita di 238'000 auto nuove. Ciò significa che la multa media per auto ammonta a 556 franchi per un prezzo di vendita di diverse decine di migliaia di franchi - in altre parole, un importo irrisorio, secondo l'ATA.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
REGNO UNITO
20 ore
Dal Principe William un milione di sterline alla Costa Rica, ma non solo
Il Paese centroamericano è tra i vincitori dei riconoscimenti "Earthshot", creati dal Duca di Cambridge
MONDO
1 gior
Il bilancio ambientale della carne “in vitro”
Per la produzione è necessaria molta energia. La sostenibilità dipende allora dalla provenienza dell'elettricità
STATI UNITI
1 gior
A Hollywood si è evitato lo sciopero
L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie
VAUD
1 gior
Roche chiude i rubinetti della beneficenza
La famiglia Hoffmann si ritira dalla filantropia "tradizionale". «È sbagliata»
SVIZZERA
1 gior
«La Svizzera non deve temere carenze di approvvigionamento»
Secondo il presidente di Galliker Transport, nel nostro paese la situazione è migliore rispetto al resto d'Europa
GERMANIA
2 gior
«L'Europa è particolarmente esposta ai cambiamenti»
Lo ha detto Christine Lagarde, presidente della Bce, nell'ambito della conferenza "La globalizzazione dopo la pandemia"
MONDO
2 gior
La corsa dei Bitcoin non si arresta
La criptovaluta è salita a oltre 62'000 dollari
SVIZZERA
3 gior
Al lavoro sul curriculum? La novità dagli USA: le "mad skills"
Si tratta di competenze atipiche e curiose, come attività artistiche o sport estremi
Regno Unito
3 gior
Banksy: 25 milioni per l'opera che si è distrutta all'ultima asta
Si tratta della nota "Girl With Balloon", la cui metà inferiore è rimasta "triturata" nel 2018
MONDO
3 gior
Scatto del bitcoin, si riporta a quasi 60'000 dollari
La criptovaluta gode del vento in poppa dell'atteso via libera, negli Stati Uniti, del suo primo ETF sui futures
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile