Keystone
SVIZZERA
22.06.21 - 10:000

Mercato dell'auto? «S'imporrà la mobilità elettrica»

Lo sostiene il Ceo di Amag, Helmut Ruhl

L'offerta di stazioni di ricarica, ammette però, «è ancora troppo bassa»

AARAU - La mobilità elettrica s'imporrà sul mercato automobilistico nei prossimi anni, secondo il Ceo di Amag, Helmut Ruhl.

Ruhl sostiene che a partire dal 2025 «sarà più economico guidare un veicolo elettrico che non a benzina». Questo vale sia per l'acquisto che per la manutenzione e il consumo.

Già oggi molte auto elettriche con batterie sono più economiche in termini di costi effettivi, ha detto Ruhl in un'intervista pubblicata dai giornali del gruppo CH-Media. Al momento, la discussione riguarda principalmente l'autonomia.

Tra qualche anno, sarà il contrario e saranno i conducenti di veicoli a benzina a doversi spiegare, ha dichiarato Ruhl, aggiungendo che vietare i veicoli a benzina e diesel non è una buona idea; l'auto elettrica arriverà comunque.

Ruhl riconosce che la produzione delle batterie è problematica dal punto di vista ambientale e sociale. Le condizioni di utilizzo del litio e del cobalto sono ancora problematiche in alcuni casi. L'industria automobilistica sta lavorando duramente per produrre batterie con meno materie prime, ha assicurato.

Il Ceo di Amag sottolinea che l'offerta di stazioni di ricarica è ancora troppo bassa. Aggiunge che l'associazione Auto-Svizzera, in collaborazione con la Confederazione e altre associazioni, sta lavorando per aggiornare la tabella di marcia della mobilità elettrica. L'obiettivo è di avere il 15% delle auto che funzionano con energia elettrica entro il 2022. Oggi, la loro quota rappresenta il 17%.

Helmut Ruhl, 52 anni, ha assunto la direzione del gruppo Amag, il più grande importatore di automobili della Svizzera, il primo marzo di quest'anno. Dal 2017 lavorava come CFO del gruppo, che comprende i marchi VW, Audi, Skoda, Seat e Porsche.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
F/A-19 3 mesi fa su tio
Che passa un bel diselone 6 cilindri a V con una turbina per bancata, doppio intercooler ed il catalizzatore aperto oppure un bel 5000 ccm 8V benzina, spero se ne salvi qualcuno per l’eternità.
vulpus 3 mesi fa su tio
È logico da chi possa arrivare tale affermazione. Si vende la mobilità elettrica come se fosse a inquinamento 0. Ma questi veicoli inquinano già alla fabbricazione più dei veicoli a combustione, inquinano viaggiando, in quanto l'energia utilizzata è sempre più energia da carbone e atomica, e inquinano nello smaltimento sprecando risorse preziose e non rinnovabili. Il futuro potranno forse essere solo i veicoli a pila idrogena.
Mattiatr 3 mesi fa su tio
@vulpus Io sono della tua opinione, l'idrogeno inquina sicuramente meno delle batterie al litio. Il problema è che la produzione e il trasporto è di difficile sostenibilità. Sarebbe da considerare una produzione locale nelle stazioni di rifornimento (in fondo si tratta di una cella elettrolitica). Il fatto è che per produrre idrogeno serve moltissima corrente, esattamente come per immagazzinarlo (lo stoccaggio presenta tuttoggi non poche problematiche). Diciamo che io mi immagino un futuro dove ogni abitazione produce idrogeno tramite fotovoltaico oppure che l'energia dei pannelli venga convogliata in piccole centrali regionali pensate per fornire i distributori. Inoltre si potrebbe addirittura d'ingrandire il concetto creando delle centrali di stoccaggio energetico che crei delle riserve cantonali quando l'energia solare viene meno (notte). Ovviamente questa mia visione è praticamente utopica se non fantascientifica, vedremo cosa ci riserverà il futuro.
Lore61 3 mesi fa su tio
@vulpus Peccato ci sia ancora oggi tanta ignoranza in merito... I veicoli elettrici hanno complessivamente una maggiore efficienza energetica rispetto a quasi tutti i motori a combustione interna. Un motore a benzina ha una efficienza energetica del 25-28%, un diesel si avvicina al 40%, mentre un motore elettrico a induzione in corrente alternata ha un'efficienza del 90% grazie anche a una notevole riduzione degli attriti interni. Il petrolio con tutto l’inquinamento prodotto dalla sua estrazione, produzione e trasporto ed uso quotidiano, altroché 17 Ton di CO2! Un’auto elettrica inquina se la ricarichi usando energia elettrica da fonti inquinanti: ma l’inquinamento è a PUNTO SINGOLO, in centrale, più gestibile che sparso su centomila tubi di scappamento, ed è LONTANO dai NASI dei bambini portati a passeggio in città; inoltre se ho un’auto elettrica sono pronto per quando la rete elettrica diventerà meno inquinante, come sta già avvenendo, o sarà basata su fonti energetiche pulite... Quindi il problema NON si sposta ma si CENTRALIZZA per un maggiore controllo! Inoltre I dati del Dipartimento dell’Energia Statunitense, che comparano le emissioni annue di veicoli elettrici, ibridi e tradizionali tenendo conto di TUTTA la filiera dell’energia, la quantità di anidride carbonica prodotta da un’elettrica è pari al 60 per cento di quella di un’auto con motore a combustione interna. Per quanto riguarda le batterie, sono costituite in percentuale elevata da sostanze riciclabili. Se le pile vengono riciclate questi materiali di valore possono essere RECUPERATI. Nel contempo l'ambiente è tutelato dai metalli pesanti, tenendo presente che quelle al litio sono considerate le più sostenibili sotto questo punto di vista (tasso di riciclabilità superiore al 95%), considerando il ciclo di vita della batteria, cioè estrazione, attività di trattamento(materiale e componenti),l’uso, il riciclaggio(batteria usata) e lo smaltimento finale. Riassumendo, già oggi e considerando il loro intero ciclo di vita, le auto elettriche emettono quantità di CO2 almeno il 25-30% inferiori rispetto ai veicoli con motori a combustione, sulla base di un mix energetico medio europeo e percorrenze di 150.000 km. E tale impatto climatico è destinato a diminuire ancora, via via che il rapporto fra fonti fossili e rinnovabili si sposta a favore delle rinnovabili.
vulpus 3 mesi fa su tio
@Lore61 Troppi se e troppi ma. Il riciclaggio delle batterie è di là da venire. Poi questi preziosi materiali, rari e costosi all'estrazione e forse anche poco ecologicamente lavorati, perdono di proprietà, per cui si andrà a esaurimento veloce. Sull'energia rinnovabile: peccato che non hai citato le percentuali di produzione: l'unica rinnovabile disponibile è quella idrica. Il resto , da noi è pura fantasia. Facciamo sì i primi della classe con le vetture elettriche, ma poi la ricarica verrà fatta importando energia dall'estero, naturalmente atomica e dal carbone. La spada di damocle e non risolta, sarà la chiusura delle nostre centrali atomiche fra un pò di anni, e a meno di innalzare le dighe esistenti di qualche centinaio di metri, sarà dura fornire energia pulita a tutti
Meck1970 3 mesi fa su tio
prima bisogna vedere quanti anni dureranno i veicoli elettrici, poi i prezzi dei pezzi di ricambio e per finire dove verranno smaltite le batterie .....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Danimarca
11 min
Lego si conferma azienda leader del mondo dei giocattoli
Nei primi sei mesi del 2021 ha fatto esplodere i conti, battendo i suoi record e affermandosi prima davanti ad Hasbro
UNIONE EUROPEA
4 ore
Dieselgate: «Tutti i consumatori devono essere risarciti»
Lo chiedono la Commissione Ue e la rete di cooperazione per la tutela dei consumatori
CANTONE
7 ore
In Ticino calano i debitori
Nonostante la crisi pandemica il numero di indebitati inadempienti si è abbassato di mezzo punto percentuale.
REGNO UNITO
9 ore
Scarseggia il carburante: l'esercito è pronto a intervenire
Fino a 150 autisti si metterebbero al volante delle autobotti per consegnare i rifornimenti alle stazioni di servizio
MONDO
18 ore
Inizia a mancare anche la carta
La materia prima per la produzione è diventata più cara del 68% dallo scorso gennaio, la pandemia c'entra ma non solo
STATI UNITI
1 gior
Trova alcune falle nel sistema operativo iOS, ma Apple lo ignora
Lo sviluppatore anonimo ha reso pubblici i bug riscontrati con il programma "bug bounty"
COREA DEL SUD
1 gior
La Corea del Sud sta pensando seriamente di vietare il consumo di carne di cane
Alla base ci sono motivi di immagine ma anche perché la pietanza, molto popolare nella tradizione, ormai non piace più
SVIZZERA
1 gior
Più donne nei Cda delle aziende dell'SMI
La Svizzera resta sempre il fanalino di coda, insieme alla Spagna
SVIZZERA
1 gior
La liquidazione di Swissair è costata oltre 300 milioni di franchi
La procedura è nella sua fase finale, ma non è ancora possibile prevedere una data definitiva
REGNO UNITO
3 gior
Crisi dei trasporti? In arrivo «visti temporanei» per i camionisti
Il Governo britannico è al lavoro per trovare soluzioni urgenti alla crisi in corso
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile