KEYSTONE
Logitech si lancia in un piano di acquisizioni e riacquisto di azioni.
SVIZZERA
04.06.21 - 09:260

Logitech, dopo il successo durante la pandemia, ha moltissimo denaro a disposizione

L'azienda svizzero-statunitense ha in programma acquisizioni e il riacquisto di azioni

LOSANNA - Logitech non ha mai avuto così tanto denaro in cassa e sta procedendo ad acquisizioni, sebbene quelle effettuate finora siano di grandezza tale da non dover essere annunciate. Il produttore svizzero-statunitense di mouse, tastiere e webcam - che si è rivelato uno dei grandi vincitori della crisi Covid - punta a crescere ulteriormente.

«Non definirei certo la pandemia come un'opportunità, ma per tutte le unità di Logitech è gratificante vedere come i nostri prodotti siano stati importanti per connettere le persone», afferma il Ceo Bracken Darrell in un'intervista pubblicata oggi dal periodico economico romando L'Agefi. Al di là delle cifre (+74% del giro d'affari nell'ultimo esercizio) l'anno è stato decisivo «perché ci ha ricordato che quanto facciamo è molto importante».

Considerato l'ottimo andamento degli affari la società ha quindi esteso a un miliardo di dollari il programma di riacquisti di azioni, che era stato lanciato nel luglio 2020 con un importo di 250 milioni. Può farlo grazie a un livello assai elevato di liquidità, 1,75 miliardi di dollari. «Abbiamo molto contante e nessun debito», spiega il dirigente.

In parallelo il gruppo si sta espandendo anche attraverso le acquisizioni e intende farlo anche in futuro. Le ultime operazioni effettuate non erano sufficientemente grandi acciocché si dovesse annunciarle: sono state tre nell'ultimo trimestre e hanno comportato una spesa totale di 42 milioni. «Ne sentirete parlare presto», rivela il 58enne americano nato in Kentucky e con studi a Harvard. Il settore in questione? Non può ancora essere rivelato, potrebbe però essere nei comparti giochi, videoconferenze o diffusione di contenuti. "Vi sono grandi opportunità", si è limitato a dire l'ex quadro di Whirlpool e Braun.

Di fronte alla carenza globale di semiconduttori - un problema che attanaglia tutte le industrie mondiali - Darrell si dice ottimista. «Faremo almeno altrettanto bene dei nostri concorrenti per garantire l'approvvigionamento dell'azienda», afferma. Questo anche grazie alla diversificazione della gamma di prodotti.

Quando Bracken Darrell è diventato presidente della direzione di Logitech, nel 2013, l'azione della società valeva sette franchi. Oggi il corso supera i 110 franchi ed è più che raddoppiato nell'arco di un solo anno. Ma per il manager che ha due docenti come genitori l'avventura non è finita. «Onestamente, non riesco a ricordare un solo giorno della mia vita in cui mi sia annoiato: e oggi sono più eccitato che mai da quando sono entrato in Logitech», osserva. «Sono pronto a rimanere altri dieci anni», aggiunge. Il Ceo non vuole inoltre dormire sugli allori, conscio del fatto che di una storia aziendale fanno parte anche i fallimenti. Per questo non intende pensare troppo ai successi: «Sì, bisogna celebrare i buoni risultati annuali, ma occorre poi voltare pagina e pensare al mese successivo».

Fondata nel 1981 a Apples (VD), Logitech si è rapidamente espansa nella Silicon Valley californiana. Oggi è una realtà presente in tutto il mondo con prodotti di vari marchi. Nell'esercizio 2020/2021 (terminato a fine marzo) ha conseguito un fatturato di 5,3 miliardi di dollari e un utile di 947 milioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Irlanda
1 ora
Ryanair apre 5'000 nuove posizioni per il personale di bordo
La compagnia torna alla carica a discapito di chi non ce l'ha fatta o ha ridotto l'offerta
Svezia
4 ore
A questo ritmo, nel 2100 mancheranno lo zucchero, il caffè e il mais
Lo sostiene uno studio svedese secondo il quale i nostri ritmi attuali non possono adattarsi alla crisi climatica
SVIZZERA
7 ore
Disoccupazione, Svizzera peggio della Germania
Si è registrato un calo rispetto ai primi tre mesi dell'anno, ma un aumento rispetto all'estate 2020
STATI UNITI
9 ore
Le scarpe svizzere On hanno fatto il botto a Wall Street, e Roger Federer c'entra solo un po'
Il marchio svizzero, quotato ieri alla borsa Usa, ha convinto gli investitori e ora vale 11 miliardi di dollari
SVIZZERA
10 ore
Licenziare un ultra 60enne? «Non è più un tabù»
Uno studio svolto da von Rundstedt e HR Today ha analizzato il mercato del lavoro elvetico
ITALIA
13 ore
C'è carenza di miele, e non è solo colpa del maltempo
Il motivo? Nel 2021 sono calate sia la produzione, sia l'importazione
SVIZZERA
1 gior
Migros richiama questi spaghetti
Nel prodotto è stata riscontra la presenza di alcaloidi dell'Ergot che possono causare «problemi alla salute».
REGNO UNITO
1 gior
La svolta green di Primark
Ridurre gli sprechi, dimezzare le emissioni di carbonio e cotone sostenibile tra gli obiettivi dell'azienda
STATI UNITI / SVIZZERA
1 gior
La scarpa di Federer sbarca a Wall Street
È la grande giornata di On, società svizzera fondata nel 2010 e della quale King Roger è comproprietario
GIAPPONE
1 gior
«100 milioni di robot, per fare il lavoro di un miliardo di persone»
La convinzione del CEO di Softbank, Masayoshi Son: «I robot rivoluzioneranno la forza lavoro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile